Archivi Blog

IL PARTITO DEMOCRATICO, TRA SCISSIONI E NUOVE SFIDE

simonemercuri(di Simone MERCURI)

In dieci anni il nostro partito ha fatto passi in avanti, forse troppo. Siamo passati dall´essere un partito che contendeva il governo a Berlusconi ad un partito che si contende il governo al proprio interno.

Le “poltrone“ ricoperte nei vari livelli, parlamento, consigli regionali e comunali ed europarlamento si sono moltiplicate come gli stessi attori di un ceto politico che si è ampliato.

Può essere questo il problema? essere diventati troppo grossi?

Sicuramente in un partito di massa per come strutturato questo è inevitabile e rappresenta un pericolo, perché crescere non è sempre sinonimo di positività.

Ma perché siamo cresciuti così tanto soprattutto negli ultimi anni? Semplice abbiamo vinto le sfide elettorali, abbiamo portato in Ue il 40% dei nostri deputati italiani, ci siamo conquistati la maggioranza delle regioni in Italia, abbiamo governato e governiamo ancora molti dei comuni più importanti.

Tutto ciò ha portato alla nascita di un ceto politico nuovo e anche giovane, con il conseguente dilemma dello spazio. C´è spazio per tutti oggi? e domani? e per i nuovi giovani emergenti? cosa può succedere qualora non vincessimo le elezioni? facile, molti politici resterebbero fuori dalla scena e rimarrebbero senza la cosiddetta “poltrona”. Leggi il resto di questa voce

Annunci

A UNA DOMANDA COSI’ COSA AVRESTI RISPOSTO? SCOPRI SE SEI D’ACCORDO CON RENZI

Segnaliamo l’intervista sul Corriere della Sera di Beppe Severgnini al Presidente del Consiglio e proponiamo un “gioco”: a una domanda così cosa avresti risposto? Scopri se s ei d’accordo con Renzi.

severenzi

 

“Referendum, no a spacchettamento”

Il presidente del Consiglio intervistato al Corriere da Beppe Severgnini: «Per la consultazione di ottobre confido negli elettori del M5S: loro vogliono cambiare, i loro rappresentanti no». «L’hashtag #staisereno a Letta? Io ci credevo davvero».

Leggi l’intervista, Clicca QUI

 

MATTEO RENZI: Enews 392 – mercoledì 29 aprile 2015

expo

1 Legge Elettorale – Sulla legge elettorale sono giorni di polemica e discussione. Rispetto le posizioni di tutti e di ciascuno. Su La Stampa, spiego la mia, sulla legge, sulla fiducia, sulla necessità di cambiare. Fa male sentirsi dire che siamo arroganti e prepotenti: stiamo solo facendo il nostro dovere. Siamo qui per cambiare l’Italia. Non possiamo fermarci alla prima difficoltà. Se accettiamo anche noi – come accaduto troppo spesso in passato – di vivacchiare e rinviare, tradiamo il mandato ricevuto alle primarie, dal Parlamento, alle europee. Leggi il resto di questa voce

UN ANNO DI GOVERNO RENZI – incontro con Lia Quartapelle a Basiglio

quartapelle_a_basiglio[ di Michela Fiorentini ]

Chi c’era, nel 2012 o più tardi nel 2013, a sostenere Matteo Renzi, un po’ contro tutto e contro tutti, ricorda bene le giornate dell’insediamento del più giovane premier della storia della Repubblica Italiana.

LETTERA DI MATTEO RENZI AGLI ISCRITTI PD

renzi_pdCare democratiche, cari democratici,

nell’aprile 2013 le divisioni, le polemiche, le tensioni interne al Partito Democratico crearono le condizioni per la mancata elezione del Presidente della Repubblica. Solo un gesto di generosità di Giorgio Napolitano permise di uscire da una situazione di impasse molto dolorosa.

La settimana scorsa, grazie a un percorso di condivisione e ascolto, di confronto e dialogo, il PD si è dimostrato capace di cancellare quella brutta pagina e di indicare Sergio Mattarella come proprio candidato alle altre forze politiche.

Leggi il resto di questa voce

GUERINI: “IL DISCORSO DEL PRESIDENTE INCALZA TUTTI NOI”

Per il vicesegretario del Pd: “E’ stato un messaggio carico di speranza, ha posto al centro i cittadini, un discorso che incalza tutti noi ad affrontare i problemi della crescita del Paese”. Serracchiani: “Importante l’attenzione alla nostra Carta costituzionale e la volontà di portare a compimento le riforme istituzionali”.

applausi_CameraPD

“E’ stato un discorso carico di speranza, ha posto al centro i cittadini, ha riguardato l’oggi e il domani; un discorso che incalza tutti noi ad affrontare i problemi della crescita e a rispondere alle aspettative dei concittadini”. Lo ha dichiarato il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini dopo il discorso di insediamento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
Leggi il resto di questa voce

Renzi: “Berlusconi rispetti i patti, prima l’Italicum poi il Colle. L’Ilva tornerà allo Stato, la salviamo e poi vendiamo”

renzi_rep“Voglio una sinistra moderna. La Cgil non ci fermerà, pensa solo al suo sciopero. Nel partito nuove regole sulla disciplina interna: ci sta chi ne ha voglia. Il nostro popolo al prossimo voto dovrà scegliere tra noi e Salvini”. Il Pd ha rottamato Grillo

di CLAUDIO TITO [ fonte: la Repulica del 30/11/2014 ]

La Camusso? “Alza i toni in vista dello sciopero generale”. Grillo? “Il Pd lo ha rottamato”. L’articolo 18? “Bisognerebbe rileggere ciò che scrivevano sindacalisti come Luciano Lama”. Prima il Quirinale e poi le riforme? “Non esiste e comunque il mio nome ora per il Colle resta solo Napolitano”.

Prima di affrontare lo “showdown” di dicembre che per il governo assomiglia a una corsa a tappe forzate tra l’Italicum, il Jobs act e la legge di Stabilità, Matteo Renzi traccia un bilancio di quel che il suo governo e il Pd hanno fatto nel 2014. Chiede al suo partito di abbandonare la vecchia abitudine degli “sgambetti” a Palazzo Chigi e di dar vita ad una “sinistra moderna” senza steccati ideologici. Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: “ECCO LA MIA SINISTRA, STA CON I PIÙ DEBOLI E NON HA BISOGNO DI ESAMI DEL SANGUE

IMG_3724.JPG
Il premier scrive a Repubblica: “Ho rivendicato l’appartenenza del Pd alla famiglia socialista europea. Per me parlano i miei comportamenti”

[ di Matteo Renzi ]

Caro Direttore, Repubblica mi chiama in causa personalmente. Mi chiede quale sia la nostra idea di sinistra che rivendico, ad esempio, quando parlo della riforma del lavoro. Come lei sa, non da ora, sono tra quelli che hanno favorito e accelerato la fine dell’era del trattino. Quando non si poteva pronunciare la parola sinistra senza premettere qualche prefisso per attenuarla, quasi a prendere le distanze. Ho sempre rivendicato, con fierezza ed orgoglio, l’appartenenza del Partito democratico alla sinistra, alla sua storia, la sua identità plurale, le sue culture, le sue radici. Per questo ho spinto al massimo perché il Pd, dopo anni e anni di dibattito, fosse collocato in Europa dove è adesso, dentro la famiglia socialista della quale oggi, grazie al risultato delle ultime elezioni, è il primo partito con oltre 11 milioni di voti. Questo per dire che nei comportamenti concreti, nelle scelte strategiche, il Pd sa da che parte stare.
Leggi il resto di questa voce

eNEWS 387 di MATTEO RENZI

g20

 

Arrivo un po’ in ritardo all’appuntamento mensile, cerco di recuperare con una enews per punti

1- Sono reduce dall’appuntamento australiano del G-20, il consesso che riunisce i Paesi leader del mondo tenutosi quest’anno a Brisbane. Nel documento finale è stata recepita la proposta italiana contro la corruzione (il lavoro che svolge l’Anac di Raffaele Cantone sta diventando una buona pratica a livello mondiale) e che si è fatto un discreto passo in avanti sulla riduzione dell’inquinamento in attesa della conferenza di Parigi del 2015. Ma la cosa che mi ha più colpito è stata la consapevolezza della stragrande maggioranza dei partecipanti: è arrivato il momento di scommettere sulla crescita e sugli investimenti, considerando miope l’esclusiva attenzione all’austerità e al solo rigore. È un grande passo in avanti che noi italiani abbiamo proposto e imposto all’Europa in occasione del nostro semestre. Adesso non ci resta che attendere la presentazione nelle prossime ore da Bruxelles del piano da 300 miliardi di euro promesso da Juncker. Leggi il resto di questa voce

CALA LA FIDUCIA IN MATTEO RENZI, PERSI 10 PUNTI IN UN MESE

IMG_3719-0.PNG
Tratto da L’Huffington Post 16/Nov/2014
Imprenditori. operai, studenti, caslinghe e pensionati. Il Pd di Matteo Renzi seduce attira consensi un po’ dappertutto, primeggiando in quasi tutti i segmenti sociali, anche quelli un tempo presidio storico del centrodestra. È quanto emerge dal sondaggio condotto da Ipsos per il Corriere della Sera, che mostra ad esempio come tra imprenditori, liberi professionisti e dirigienti – fascia tradizionalmente non vicina al Centrosinistra – il Pd risulti il primo partito con il 37,7%, staccando di gran lunga Movimento 5 Stelle (22,8%) e Forza Italia (9,2%). Leggi il resto di questa voce

STORIA E FUTURO. IL PD ALLA PROVA DEL CAMBIAMENTO

IMG_3715-0.JPG

Enrico Farinone

[ di Enrico Farinone ] tratto dal suo sito – cliccare QUI

E’ mia precisa convinzione che la nascita del Pd non sia stata preceduta da una adeguata analisi dei problemi, identitari e non solo, che essa avrebbe comportato. Questa superficialità determinò da subito (“l’amalgama non riuscito” di D’Alema è solo di un anno dopo la fondazione) diversi problemi: alcune questioni di fondo non erano state affrontate, sbagliando. La discussione, successiva alla costituzione del Pd, che produsse il Manifesto dei Valori pagò quella indeterminatezza lungo tutto il dibattito nel gruppo di lavoro, e alla fine produsse un onesto compromesso che però – e fu inevitabile – non venne considerato da nessuno. Il documento venne pubblicato, e subito dimenticato. Leggi il resto di questa voce

RENZI E LE REGIONI RIBELLI

IMG_3532.JPG[ di Fabio Pizzul ]
Il governo ha presentato la Legge di Stabilità per il 2015. Trentasei miliardi di minori tasse e investimenti che devono però essere trovati in altri capitoli di bilancio. Oltre al recupero dell’evasione e a una parte di aumento del deficit (fino ai limiti previsti dall’Europa), una bella fetta di risorse dovranno venire dalla cosiddetta spending review, con le regioni chiamate a garantire 4 miliardi di risparmi. La reazione dei governatori non si è fatta attendere, con il loro coordinatore Chiamparino a denunciare come si tratti di tagli non sostenibili senza l’introduzione di nuove tasse, cosa che né le regioni né il governo vogliono. I toni sono stati molto accesi, con Maroni che si è spinto a dire che dovrà chiudere almeno 10 ospedali. Provocazioni e boutades a parte, ora le regioni tratteranno con il governo. Ho la sensazione che Renzi abbia ancora una volta indovinato la strategia: dopo il tanto strepito per i 4 miliardi, ora, se scenderà a 3,5, dovranno pure ringraziarlo… La quadratura potrebbe passare dall’assorbimento delle risorse aggiuntive per la sanità (concesse a luglio) e da una rimodulazione dei fondi bloccati a garanzia dei mutui delle regioni (derivati compresi).
Alcuni dettagli della manovra vista dalla Lombardia e
le slides del Governo presentate da Renzi.

eNEWS 385 del 5 ottobre – Matteo Renzi

IMG_3520.JPG
[ di Matteo RENZI ]
Questo settembre è volato! E io sono anche un po’ in ritardo con le enews.

Cerco di essere il più sintetico possibile, ma prima lasciatemi dire grazie per la mole di affetto, stimolo e proposte che ricevo via email. Siete realmente una boccata d’aria fresca nelle stanze del palazzo, vi sono grato.

Tre punti chiave, come sempre. Leggi il resto di questa voce

I LAVORATORI CHE LA SINISTRA VORREBBE RAPPRESENTARE

camusso-camusso-contro-renzi-modello-thatcher

[di Guido MORANO]

Si è aperto nel nostro partito e in generale tra le forze interessate a cambiare in meglio il Paese, il dibattito sulle norme che tutelano e facilitano l’ingresso e la permanenza sul lavoro. Era inevitabile (?) che alla fine si approdasse sull’art. 18, destinato, ma perché e con quale fondamento non è chiaro, il punto dirimente di ogni dibattito sul tema. Personalmente non sono convinto che i problemi del lavoro, nel loro complesso, siano risolvibili , mantenendo o eliminando l’art 18. Leggi il resto di questa voce

Generazione Telemaco: il dovere di meritare l’eredità

“L’Europa è il luogo del futuro, deve tornare a essere una frontiera”. All’Europarlamento di Bruxelles, Matteo Renzi apre il semestre europeo a presidenza italiana
di Matteo Renzi, pubblicato il 2 luglio 2014

20140702-205744-75464737.jpg
Se oggi l’Europa facesse un selfie che immagine verrebbe fuori? Posso dirlo con estrema preoccupazione? Emergerebbe il volto della stanchezza, in alcuni casi della rassegnazione. Se dovessi dirlo in modo sintetico, l’Europa oggi mostrerebbe nel selfie il volto della noia. Leggi il resto di questa voce

RENZI E IL SEMESTRE EUROPEO: “PORTEREMO LA VOCE DELL’ITALIA CON DETERMINAZIONE”

Il presidente del Consiglio indica il programma di mille giorni per il semestre italiano di presidenza

matteo_renzi_imgcamera

Renzi ai partner europei: “Chi non vuole la crescita viola i trattati”

Il premier, alla vigilia della presidenza del semestre europeo, presenta  il programma. Apertura della cancelliera tedesca sul patto di stabilità

24 giugno 2014 [fonte: http://www.rainews.it ]

La voce dell’Italia in Europa. Quella di un paese forte e consapevole delle proprie qualità. È il concetto chiave che il premier Matteo Renzi lancia alla Camera, dove presenta le priorità del semestre di presidenza italiano che inizia il 1° luglio. Leggi il resto di questa voce

RIFORME, RENZI A M5S: VEDIAMOCI MERCOLEDÌ 25/6

matteo_renzi_imgpiccola[ di Matteo Renzi ]

Onorevoli capigruppo del M5S, rispondo alla vostra del ringraziandovi per l’apertura di un dialogo franco, aperto e trasparente nell’interesse dell’Italia.

La vostra lettera del 16 giugno scorso conferma che ci sono molto cose che continuano a vederci su fronti contrapposti, ma proprio per questo giudico importante che le forze politiche più rappresentative del Paese provino a scrivere insieme le regole del gioco. Lo scrive Matteo Renzi in una lettera inviata ai 5 stelle. Leggi il resto di questa voce

DOPO IL FINE SETTIMANA NELLE PIAZZE RENZI A MILANO MARTEDÌ 20 MAGGIO

Tutti nelle piazze lombarde venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 maggio. A una settimana dalle elezioni europee e amministrative del 25 maggio troviamoci nelle nostre piazze per sostenere l’Europa, il PD, i nostri candidati.
Invece il 20 maggio alle ore 10.30 il Segretario Nazionale del Partito Democratico Matteo Renzi sarà a Milano per una tappa della sfida elettorale europea e amministrativa. L’appuntamento è presso il Teatro Piccolo Paolo Grassi di via Rovello 2 a Milano (M1 Cordusio) per un grande incontro pubblico.
Dopo il weekend con 80+80 banchetti organizzati da tutti i circoli di Milano metropolitana questo appuntamento sarà decisivo per far sentire tutto il sostegno della “Città metropolitana milanese” per la campagna elettorale del Partito Democratico.

20140516-194225.jpg

Sandro Gozi: “Riforme di Renzi sono strutturali. Così convinceremo l’Europa sul rapporto Deficit/Pil”.

20140315-002830.jpg
Martina Cecchi De Rossi, L’Huffington Post – 14/Mar/2014
Le riforme che Renzi porta nel dossier per il bilaterale di lunedì con Angela Merkel sono a tutti gli effetti strutturali, in primis quella che riduce il cuneo fiscale. E in quanto tali giustificano un eventuale aumento del rapporto Deficit/Pil. Anche se, dice Sandro Gozi, sottosegretario alla Presidenza con delega agli Affari europei, non è affatto detto che serva usare “tutto lo 0,4%” che ci separa dal fatidico ‘tetto del 3’. Di certo Renzi parte “incoraggiato” e forte del sostegno di Giorgio Napolitano: tra i due “c’è piena condivisione” sulla linea della crescita, e non più del solo rigore. Leggi il resto di questa voce

CORRERE O MORIRE

di Ezio Mauro – la Repubblica, 14/03/2014

AVEVAMO detto che Renzi è un performer politico. Questo significa che per lui la politica risiede nei contenuti, ma anche nel gesto che li comunica e nella leadership che sceglie l’uno e gli altri, e li governa insieme, enfatizzandoli e certificandoli di persona.
Così è avvenuto, plasticamente, con la manovra economica. Non un annuncio ma una performance, appunto, nella conferenza stampa di mercoledì e ieri a «Porta a porta». La prova di un nuovo esercizio delle leadership, in cui il Premier fissa un obiettivo, lo comunica prima che il Consiglio dei ministri scriva nei decreti le coperture finanziarie e si assicuri il timbro della Ue, lo trasforma in slogan efficace (10 miliardi in busta paga per 10 milioni di italiani) e fissa addirittura la data di scadenza dell’operazione, mettendo in gioco la propria credibilità: se il bonus non arriva il 27 maggio, datemi del buffone. Leggi il resto di questa voce

UNA GIORNATA STRAORDINARIA PER #LASVOLTABUONA

Dal taglio del cuneo al capitolo imprese, dai provvedimenti per casa, scuola e giovani fino alla legge delega per riorganizzare il mercato del lavoro: ecco i provvedimenti annunciati da Renzi e le relative coperture.

Tutto Renzi, misura per misura

«Cento giorni di lotta molto dura, per cambiare ad aprile la pubblica amministrazione, a maggio il fisco e a giugno la giustizia». Il nemico dichiarato è «chi dice che si è sempre fatto così». E allora ecco il pacchetto di misure economiche presentate da Matteo Renzi questo pomeriggio al termine del sesto consiglio dei ministri da quando è premier. La #svoltabuona è l’hashtag lanciato per discutere su Twitter le misure annunciate. Vediamo il dettaglio. Leggi il resto di questa voce

LETTA SFIDA RENZI

20140205-001912.jpg

Fonte: Huffingtonpost.it
Enrico Letta pronto a sfidare Matteo Renzi in direzione Pd: “Basta rinvii: patto di coalizione e rimpasto”
“Se anche il presidente di Confindustria Squinzi chiede al governo di agire, il Pd, come maggiore partito di maggioranza, non può tirarsi indietro. Dunque, basta rinvii: ora bisogna accelerare sull’agenda di governo: idee e persone”. Che significa patto di coalizione e rimpasto. Dopo un mese di relativo silenzio o almeno non belligeranza con Matteo Renzi, Enrico Letta lancia il suo guanto di sfida al segretario del Pd. Leggi il resto di questa voce

RENZI: “HANNO PERSO LA TESTA. SQUADRISTI DA CODICE PENALE”

Rai1 - Matteo Renzi ospite a "Porta a Porta"

Intervista a Matteo Renzi di Federico Geremicca – La Stampa, 31/01/2014

Il commento è secco, lapidario, privo di fronzoli e di retorica. Dice Matteo Renzi: «Non servono giri di parole per dire quel che il Movimento Cinque Stelle sta mettendo in scena alla Camera: roba da squadristi, al limite – se non oltre – del codice penale. E quanto all`atto d`accusa contro Napolitano, spero che nessuno si lasci ingannare: non c`entrano niente la voglia di cambiamento, la Costituzione e quelle balle lì. Siamo di fronte ad una strategia lucida ma disperata: tutta studiata a tavolino».
Leggi il resto di questa voce

DA ME PROPOSTE CONCRETE

Lettera di Matteo Renzi al direttore de La Stampa
Caro Direttore,
sono un affezionato lettore di Luca Ricolfi e un appassionato di fumetti Disney. Ho letto che il vostro editorialista paragona la mia segreteria a Qui, Quo, Qua. La cosa, dunque, è stata talmente divertente da far passare in secondo piano la sorpresa per una ricostruzione in cui non mi ritrovo. 
Se fino ad oggi si sono perse occasioni su occasioni, caro Direttore, è difficile dare la colpa a chi non c`era. Per restare alla metafora ricolfiana a Qui, Quo, Qua. Che sono disegnati come molto antipatici, ma – almeno nella rappresentazione disneyana – qualche problema lo risolvono. 
Zio Paperino è più simpatico ma non ne azzecca una. E soprattutto l`attuale classe dirigente assomiglia molto a Paperoga: dove tocca, sbaglia. Persino volenterosa, intendiamoci. Ma rompe e non paga. E accade da troppi anni. 

Leggi il resto di questa voce

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PD: L’INTERVENTO DI MATTEO RENZI

Matteo Renzi, Sindaco di Firenze

ASCOLTA L’INTERVENTO CLICCA QUI

QUELLO CHE MANCA ALLA VERA SVOLTA

di ANTONIO POLITO, Corriere della Sera, 29 ottobre 2013

Nella linea di Renzi sembra persistere una forma di scaltrezza: l’attualità politica impone delle risposte, ma il problema dei problemi è sempre un altro: «Cambiare l’Italia». Alla sua terza o quarta discesa in campo, Matteo Renzi è un po’ troppo simile a se stesso. Neanche l’ultima Leopolda da giovane candidato gli ha fornito una matura piattaforma da segretario. Eppure tra poco più di un mese, pur non essendo in Parlamento (come Grillo), avrà il compito di guidare un esercito di più di quattrocento parlamentari. Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: CAMBIAMO VERSO A QUATTRO PUNTI

INTERVISTA A MATTEO RENZI: «SE VINCO IO, MAI PIÙ LARGHE INTESE»

VLADIMIRO FRULLETTI

L’Unità, 20 ottobre 2013

Non le ricorda Balotelli? Indubbie qualità, ma anche difficile da gestire? ». Cesare Prandelli sorride ma glissa: «Bella domanda». Poi si riprende la ramazza e torna a spazzare Piazza D’Azeglio insieme a un centinaio di volontari (parecchi stranieri: studentesse californiane e immigrati filippini) armati di pettorine arancioni. A fianco Matteo Renzi. Questo sabato si pulisce Firenze. Si chiamano Angeli del Bello come gli angeli che ripulirono Firenze dal fango nel 1966. Il sindaco saluta tutti («ciao grande!»), batte il cinque ai bambini, stringe mani. Degli studenti gli chiedono anche di firmare la giustificazione per la scuola. Ringrazia Prandelli («è lui il vero sindaco») e gli altri volontari, spiega come diventerà la piazza coi nuovi giardini, poi torna a Palazzo Vecchio. Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: UNA SVOLTA RADICALE DALLA POLITICA ALLE BANCHE

Renzi_20130915di ALDO CAZZULLO

Corriere della Sera, 18 ottobre 2013

«L’Italia ha bisogno di una svolta radicale». Lo dice Matteo Renzi in  un’intervista al Corriere: «Chiederemo all’Europa di rivedere il limite del 3%, ma prima dobbiamo fare le riforme rinviate per troppo tempo. Compresa quella del fisco: io avevo proposto un taglio al cuneo fiscale da 22 miliardi». Renzi annuncia la ricandidatura a Firenze: «Farò il segretario del Pd e insieme il sindaco. Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: DIAMO IL NOME DEI NOSTRI SOGNI ALL’ITALIA E IL PD CAMBIERÀ VERSO A QUESTO PAESE