Archivi categoria: POLITICA NAZIONALE

CONGRESSO PD 2018: RISCHI IN COMUNE, VERSO L’UNIONE SOCIALE DELL’EUROPA

Annunci

CONGRESSO PD 2018: L’EUROPA DEI PICCOLI STATI E DEI PICCOLI STATI CHE SI CREDONO GRANDI

CONGRESSO PD 2018: NOI NON ABBIAMO BISOGNO DI UNA NUOVA CORDATA DI POTERE, NOI ABBIAMO BISOGNO DI UNA ALTERNATIVA POLITICA E CULTURALE

CONGRESSO PD 2018: CRISI DELLA DEMOCRAZIA RAPPRESENTATIVA E UNIONE EUROPEA

RIPENSARE LE CORRENTI NEL PD

[ di Simone MERCURI ]

Bruxelles.
Un mese dopo il Referendum Costituzionale, fine gennaio 2017 circa, ero nella sala grande del S&D in Parlamento Europeo, in preparazione del discorso di Gianni Pittella che lanciava la sua candidatura, accolta per acclamazione da tutto il gruppo, per la Presidenza del Parlamento (poi finita male).

In quell’occasione davanti a me si presenta un ragazzo, assistente di un eurodeputato Italiano del centro/sud (non ricordo bene il nome).

Leggi il resto di questa voce

CONGRESSO PD 2018: GENERI, GENERAZIONI E STATO SOCIALE

CONGRESSO PD 2018: LO SVILUPPO SOSTENIBILE E LE POLITICHE DI OGGI E DI DOMANI

CONGRESSO PD 2018: DEMOCRAZIA, TECNOLOGIA PARTITI

CONGRESSO PD 2018: LE PAROLE CHE ABBIAMO PERSO

COME FUNZIONA LO SPREAD? LE BANCHE HANNO GIÀ AUMENTATO IL COSTO DEI PRESTITI

di David Arboit

Il governo dell’ignoranza lo nega ma la guerra alla Unione Europea ha un costo che gli italiani stanno già pagando. Loro fanno la guerra alla UE e il popolo italiano la paga. Le banche hanno già aumentato i tassi di interesse e prendere a prestito denaro o fare mutui costa di più. Un semplice specchietto pubblicato in un articolo de “La Stampa” lo fa vedere con chiarezza. Clicca qui

Segue un articolo con un altro specchietto che ci va vedere come siamo messi nella classifica di affidabilità del nostro debito pubblico: malissimo, siamo sull’orlo di un baratro anche se non ci siamo cascati ancora dentro. I nostri titoli di stato non sono ancora stati classificati “titoli spazzatura”, cioè carta straccia, perché è ancora in corso la trattativa con al UE.

Segue ancora un articolo di Carlo Cottarelli che spiega l’azzardo che il governo sta facendo e per quale ragione una crisi finanziaria devastante in Italia non è una ipotesi remota.

IL GOVERNO LEGA-M5S METTE I SOLDI DEGLI ITALIANI NELLE MANI DEI RUSSI

di David Arboit

Quello che non era riuscito a fare l’URSS lo fa il governo del cambiamento: portare i russi, comandati da un colonnello del KGB, alla conquista dell’Italia . Dice Vladimir Putin: «L’economia italiana – ha detto – ha basi molto solide, ci fidiamo del Governo e siamo sicuri che i problemi saranno risolti». L’esatto contrario di quello che dice l’Unione Europea. clicca qui

Dice ancora Putin, che se abbiamo problemi ci pensa lui: «Non ci sono remore di carattere politico sull’acquisto dei titoli di Stato italiani da parte del fondo sovrano russo». Putin salvatore dell’Italia, Putin benefattore dell’Italia, Putin amico di Trump e insieme ha deciso di portare fuori l’Italia dalla UE. Il governo dell’ignoranza strategica è d’accordo.

Sulla questione chiarisce anche un articolo del Corriere della Sera firmato da Federico Fubini. clicca qui

ERO STRANIERO E MI AVETE ACCOLTO

di Giambattista Maiorano

In quel momento mi sono sentito sprofondare …! Da lei non me lo sarei mai aspettato. Stava entrando per la celebrazione della messa del mattino di un giorno feriale. Ci va con frequenza. Incontrandoci abbiamo scambiato solo qualche impressione rispetto agli avvenimenti che scuotono l’Italia, in primis gli immigrati. Ad un certo punto mi dice: sì, sì, ma il Papa faccia il Papa, perché vuole anche lui occuparsi di politica? Riferendosi ai nuovi governanti, si mostra comprensiva. Poverini, esclama, sono appena arrivati, lasciamoli lavorare e se proprio sto Papa insiste, che se li porti tutti in Vaticano! Leggi il resto di questa voce

MOVIMENTO 5 STELLE INESPERIENZA, INCOMPETENZA E ARROGANZA: INEVITABILMENTE BURATTINI SENZA FILI

di David Arboit

I politici dilettanti, quando alla ignoranza aggiungono l’arroganza e la mancanza di umiltà, diventano necessariamente zimbello di faccendieri senza scrupoli e di politici navigati e scaltri. E intanto la Lega di Salvini, che non è più quella di una volta, adesso perdona, perdona tutto a tutti, non dice nemmeno una parola, chiude un occhio, anzi li chiude tutti e due sui ladroni romani.

A Buccinasco chiedono le dimissioni del Sindaco per un commento su facebook (clicca qui1, clicca qui2). Primo firmatario della mozione di sfiducia Alberto Schiavone capo di M5S a Buccinasco. E a Roma? non è successo niente. Come se niente fosse! Leggi il resto di questa voce

L’IMMIGRAZIONE METTE IN CRISI LE RADICI CRISTIANA E UMANISTA DELLA CIVILTÀ EUROPEA

di David Arboit

In Italia, con il governo Salvini-Di Maio, la questione è diventata evidente se non spudorata. Ma in questi anni il cambiamento si vedeva già chiaramente (anche se le azioni i discorsi erano meno plateali) guardando al comportamento di molti altri leader politici europei. Di fronte a un fenomeno epocale come l’immigrazione da paesi dominati dalla povertà e dalla guerra, l’Europa ha ignorato e ha tradito le radici cristiana e umanista della sua cultura. Ha tradito sé stessa, di nuovo. Non è infatti la prima volta. Leggi il resto di questa voce

CAMERA DEI DEPUTATI, FIDUCIA AL GOVERNO CONTE: I DEPUTATI DEL PARTITO DEMOCRATICO

Lia Quartapelle

Stefania Pezzopane

Andrea Giorgis

Anna Ascani

Walter Verini

Chiara Gribaudo

Luigi Martin

GRAZIANO DEL RIO

RIFLESSIONE DEL SENATORE FRANCO MIRABELLI

[ testo del Senatore Franco MIRABELLI ]

Lo scambio della campanella tra Gentiloni e Conte è stato un momento triste, anche perché penso che abbiamo consegnato un Paese migliore, dopo 5 anni di Governi guidati dal PD.

Il Paese è migliorato da tanti punti di vista, tutti i dati economici lo confermano e abbiamo fatto riforme importanti, molte delle quali non hanno ancora avuto una ricaduta concreta sulla vita delle persone ma nei prossimi anni dimostreranno di esser state efficaci e utili per l’Italia.

In questi anni abbiamo messo in campo diverse squadre di Governo che hanno saputo dedicarsi al Paese.

Non è stato solo un problema di comunicazione ciò che ci ha impedito di veder valorizzato tutto il lavoro che abbiamo fatto.

Abbiamo presentato tutte le riforme realizzate come qualcosa che potesse avere una sorta di valore risolutivo per tutti i problemi dell’Italia mentre, invece, i cittadini ancora non avevano visto le ricadute concrete di ciò che era stato fatto e dei dati macroeconomici positivi.

Leggi il resto di questa voce

IL PIANO B DI RINASCITA NAZIONALE DI PAOLO SAVONA: COME DEVE FUNZIONARE LO STATO DEMOCRATICO SECONDO I NAZIONAL-POPULISTI

di David Arboit

Ecco le slide proposte nell’ottobre del 2015 in cui sono descritti i passaggi del piano B (clicca qui).

Il senso del piano è in estrema sintesi riassunto dal video qui sopra e anche da un articolo del Corriere della Sera pubblicato oggi (clicca qui).

Su “La Repubblica” di oggi un cittadino imprenditore ha acquistato oggi una pagina e propone a Salvini e Di Maio una semplice domanda (clicca qui).

A questi due uomini molto probabilmente verrà affidato il destino del nostro Paese. A chi non crede nelle loro menzogne e nei loro sotterfugi è affidato un compito storico cruciale.

 

I SINDACI MILANO SALA, PISAPIA, MORATTI, ALBERTINI, FORMENTINI, BORGHINI, PILLITTERI E TOGNOLI FIRMANO LETTERA SOSTEGNO MATTARELLA

(AGI) Milano, 29 maggio 2018

Una lettera a sostegno del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, firmata da tutti gli ultimi 8 sindaci della città di Milano: a ritroso Giuseppe Sala, Giuliano Pisapia, Letizia Moratti, Gabriele Albertini, Marco Formentini, Giampiero Borghini, Paolo Pillitteri e Carlo Tognoli. È l’iniziativa istituzionale partita dal capoluogo lombardo e indirizzata al Colle. Leggi il resto di questa voce

PAOLO SAVONA SÌ, PAOLO SAVONA NO: LE RAGIONI ISTITUZIONALI E LE RAGIONI DI SICUREZZA ECONOMICA NAZIONALE ALLA BASE DELLA SCELTA DI MATTARELLA

di David Arboit

Il furioso dibattito sul conferimento al professor Paolo Savona di un ministero economico si è concluso questa sera 27 maggio 2018: il Presidente del Consiglio in pectore Conte ha rinunciato all’incarico. Il giornalista tedesco Udo Gumpel, che da anni vive in Italia come corrispondente estero del suo paese, aveva dato una rappresentazione comica (clicca qui) del problema, ma la questione è estremamente seria. I temi importanti su cui riflettere sono due: quello formale istituzionale e quello politico economico. Leggi il resto di questa voce

19 MAGGIO 2018, ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO: GLI INTERVENTI E I COMMENTI

MARCO CAMPIONE     PATRIZIA TOIA      GIANNI CUPERLO     ROBERTO GIACHETTI      

ANNA ASCANI       ANDREA ORLANDO     PIERO FASSINO      FRANCESCO VERDUCCI

ANDREA MARCUCCI     FRANCESCO BOCCIA     WALTER VERINI   RAFFAELLA PAITA

BARBARA POLLASTRINI     MILA SPICOLA       MARZIA CAPPELLI      PINA COCCI

I commenti dei giornali Leggi il resto di questa voce

MOVIMENTO 5 STELLE + LEGA: È NATO IL NUOVO “NUOVO CENTRO DESTRA”

di David Arboit

Il Centrodestra di Berlusconi è morto! (clicca qui1, clicca qui2) Viva il Nuovo “Nuovo Centro Destra”. Ci aveva provato Angelino Alfano con suoi amici, ma ha fallito: il Nuovo Centro Destra di Alfano non era mai decollato, perché lui non aveva il “quid” (?!?). Ci sono riusciti invece Salvini e Di Maio, che il “quid” evidentemente ce l’hanno. È infatti nato in questi giorni un Nuovo “Nuovo Centro Destra” che pur non essendo un progetto politico “targato” dai protagonisti in questo modo, politicamente lo è di fatto. Ma in che senso possiamo palare di Nuovo “Nuovo Centro Destra” (NNCD)? Leggi il resto di questa voce

NOTE DA STOCCARDA

                        Maurizio LEVA

[ di Maurizio LEVA ]

Da tre anni faccio il pendolare tra Milano/Buccinasco e Stoccarda, nel Baden Württemberg, dove lavoro come dirigente di una Società leader nella Consulenza in ambito Energia relativamente a grandi progetti finanziati dalla Banca Mondiale, dalla Banca Europea e dallo Stato Tedesco.

Quasi incredibilmente per la nostra realtà italiana a 62 anni ed alle soglie della pensione mi è stato chiesto da una Azienda con cui non avevo rapporti professionali diretti durante la mia attività a Milano (sono stato un dirigente ABB) di trasferirmi in Germania ed iniziare una nuova avventura lavorativa. Lo dico perchè parliamo di uno dei punti importanti che divide l’Italia dalla Germania.

Leggi il resto di questa voce

ANALISI DEL VOTO E DELLA SITUAZIONE POLITICA ATTUALE

[ di Simone MERCURI ]

Il giorno 8 Maggio 2018 si è riunita l’Assemblea degli iscritti del Circolo PD Buccinasco.

Rispondendo alle domande, riportate qui sotto, proposte dalla Segreteria Metropolitana, è nato un dibattito costruttivo che viene sintetizzato come segue:
Leggi il resto di questa voce

IL NUOVO GOVERNO E IL PD

[ di Giambattista Maiorano ]

Pare siamo ormai giunti alla fese finale del varo del nuovo governo grillo leghista.

Salvo sporadici interventi su whatsApp destinato ad iscritti ed amici del PD di Buccinasco, ho preferito disertare gli abituali appuntamenti nel sito, lasciando tutto lo spazio agli acuti articoli del nostro vicesindaco David Arboit tanto sull’evoluzione della situazione generale quanto sulla situazione all’interno del nostro partito.

Non un’assenza per indifferenza e tanto meno per mancanza di stimoli, quanto per una voluta pausa di riflessione nel tentativo di meglio comprendere spudorate giravolte da un lato e la sofferenza di un corpo ferito e ancora in preda alle convulsioni dei vari personalismi non in grado di riprendersi dall’altro.

Oggi il quadro sembra più chiaro.

Leggi il resto di questa voce

IL NAZIONALISMO DEI SOVRANISTI È UNA VISIONE DEL FUTURO MIOPE E CHE INGANNA I CITTADINI

di David Arboit

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella interviene a Firenze riaffermando che il destino economico politico e sociale dell’Italia è inscritto del disegno della Unione Europea. Senza Unione Europea l’Italia non ha futuro.

Sulla formazione del governo il quqdro politico delineato da Mattarella può essere determinante? Leggi il resto di questa voce

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA MATTARELLA AI PARTITI VINCITORI: LA RESPONSABILITÀ È VOSTRA

di David Arboit

A differenza di alcuni suoi predecessori Mattarella lavora marcando nettamente lo stile dell’arbitro, uno stile che secondo alcuni politici italiani difettava alcuni dei Presidenti che lo hanno preceduto.

In sintesi il Presidente della Repubblica ha detto: Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI RISPONDE A UN ISCRITTO DEL PD BUCCINASCO

Da: Matteo Renzi [mailto:matteo@matteorenzi.it]
Inviato: mercoledì 2 maggio 2018 14:01
A: Giovanni Giannone
Oggetto: Re: Riflessioni

Caro Giovanni,

intanto grazie per aver riconosciuto che la tua è una lunga email!

Il tempo a disposizione è sempre poco, ma ti rispondo volentieri.

Nella tua riflessione emerge la necessità di affrontare il modo in cui siamo organizzati, il modo in cui vogliamo andare avanti. Anche per questo dobbiamo guardare verso il futuro, non perderlo di vista, non perderci.

Penso che ci riusciremo se ci faremo guidare dalla franchezza, dal rispetto reciproco, e dalla nostra autentica passione per la politica. Senza censure e senza ipocrisie.

Restiamo in contatto, ci tengo.

Se mi scrivi ancora, ti leggo molto volentieri!

Un saluto,

Matteo

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Ciao Matteo,

SPERO CHE TU POSSA TROVARE IL TEMPO E LA VOGLIA DI LEGGERE QUESTE LUNGHE RIFLESSIONI….

la sconfitta elettorale del 4 marzo è un duro colpo.

Diventa ancora più cocente se pensiamo che tra il tuo governo e quello Gentiloni avete fatto bene e anche molto.

Leggi il resto di questa voce

LE “ENORMI RESPONSABILITÀ” POLITICHE E CULTURALI DI GIORNALI E GIORNALISTI NELLA CRISI POLITICA ITALIANA

di David Arboit

La pressione per indurre il PD a suicidarsi sostenendo un governo M5S passa attraverso due tormentoni propagandistici: il dovere di essere responsabili (il bene del Paese viene prima del bene del PD, e quindi ci si deve sacrificare) e il dovere di liberarsi dal rancore (siete vittime del risentimento che cova nel cuore di Matteo Renzi e dei suoi amici, che adesso accecati dalla sconfitta si comportano da “gufi e rosiconi”). È una propaganda martellante che comincia a fare breccia anche nel popolo del PD. L’obiettivo? Dopo la batosta elettorale, ora si tratta di sgombrare il campo dai relitti del PD sconfitto, togliere di mezzo i resti di un partito che i padroni della opinione pubblica ritengono inutile, anzi dannoso. Il percorso di rottamazione del PD ha come punto di partenza un governo con M5S.

Chi vuole la rottamazione del PD? Leggi il resto di questa voce

LA CRISI DEL PARTITO DEMOCRATICO: CHE FARE?

di David Arboit

Arroccamento, irrilevanza, Aventino, termini ricorrenti in queste settimane dopo le elezioni e che mostrano con evidenza da un lato uno stato confusione mentale, d’altro lato un tirare per la giacca i dirigenti del Pd a favore di un preciso progetto politico. Ampiamente sostenuti e amplificati dai burattinai della opinione pubblica nazionale, alcuni noti esponenti del Partito Democratico mostrano chiaramente di non avere colto la lezione che nasce dai risultati elettorali del 4 marzo 2018. Che fare? Leggi il resto di questa voce

CRISI POLITICA ITALIANA: L’IMPORTANTE È INFORNARE, NON IMPORTA CHE COSA O CON CHI

di David Arboit

Sfiducia, amarezza e grande pessimismo nel commento di Biagio De Giovanni pubblicato ieri su “Il Mattino” di Napoli. Sono passati più di quaranta giorni dalle elezioni e stiamo assistendo al peggiore tra i “teatrini della politica” mai visti in Italia. Il volto nuovo della nuova classe dirigente appare vecchio, anzi stravecchio e soprattutto capriccioso e inconcludente. Leggi il resto di questa voce