Archivi categoria: POLITICA NAZIONALE

LA LEGITTIMA DIFESA DEI MIGRANTI E L’ILLEGITTIMITÀ DEI RESPINGIMENTI VERSO LA LIBIA: CHI SONO VERAMENTE I CRIMINALI?

di David Arboit

La rivista Diritto Penale Contemporaneo pubblica una interessante sentenza del Tribunale di Trapani nella quale si analizza e si giudica il comportamento tenuto da alcuni migranti. Mentre una nave italiana, dopo averli raccolti li stava trasportando in Libia, si sono ribellati all’equipaggio e lo hanno costretto a fare rotta verso l’Italia.

Il Tribunale ha accertato, anche per ammissione dei migranti imputati nel procedimento e che hanno capeggiato la rivolta, le minacce e le altre violazioni del Codice Penale, ma ha concesso ai migranti la scriminante della legittima difesa. Quali considerazioni sono alla base di questo giudizio? Leggi il resto di questa voce

Annunci

DIREZIONE NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO DEL 18 GIUGNO 2019: SINTESI E COMMENTI

di David Arboit

Durante la Direzione Nazionale del 18 giugno il segretario Nicola Zingaretti dialoga con la minoranza e ottiene il consenso di Guerini e Martina. La corrente renziana interviene con critiche ma senza polemiche.

Nella relazione introduttiva Zingaretti ha sottolineato che occorre andare “Avanti con spirito unitario, non si può affossare l’unica forza che combatte governo illiberale” (clicca qui).

Al termine della discussione il Segretario del Pd ricuce e ottiene il consenso di Guerini e Martina. I renziani critici ma senza polemiche. Alla fine non c’è bisogno di un voto. (clicca qui)

Quali allora le prossime iniziative per il Partito Democratico? Ecco alcune indicazioni (clicca qui). In particolare occorre articolare quello che Zingaretti ha chiamato Piano per l’Italia con proposte adeguate su temi cruciali come l’ambiente, la scuola, il lavoro (clicca qui) e il welfare.

Sulla stampa nazionale hanno commentato gli esiti della Direzione Nazionale: Leggi il resto di questa voce

QUAL È L’ORIENTAMENTO POLITICO DI QUELLI CHE VOTANO LEGA? SI SENTONO DI DESTRA? DI SINISTRA? DI CENTRO? NÉ L’UNO NÉ L’ALTRO? E CHI VOTA PD? E M5S?

di David Arboit

Un interessante pezzo apparso sul quotidiano “La Repubblica” del 17 giugno, autore Ilvo Diamanti, rappresenta e discute un sondaggio su come si collocano gli elettori italiani sull’asse sinistra-centro-destra tenendo conto delle preferenze elettorali dichiarate. Un terzo degli lettori non si riconosce più nella classica divisione e anche chi vi si riconosce è aperto a scelte elettorali le più varie ed eventuali. (clicca qui). Leggi il resto di questa voce

I COMMENTI SULLA NUOVA SEGRETERIA NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO

David Arboit

Zingaretti ha finalmente reso pubblica la sua squadra dei più stretti collaboratori. Ecco alcuni commenti pubblicati sulle più importanti testate del Paese. Leggi il resto di questa voce

ZINGARETTI NOMINA LA NUOVA SEGRETERIA NAZIONALE: NUOVE COMPETENZE PER VOLTARE FINALMENTE PAGINA

Il segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti, rende nota la composizione della nuova segreteria e degli incarichi di lavoro. Leggi il resto di questa voce

LA RIDICOLA VICENDA DEI MINBOT. INUTILI, ILLEGALI MA SOPRATTUTTO PERICOLOSI: E SE FOSSERO UN TENTATIVO DI TRUFFA NEI CONFRONTI DEGLI ITALIANI?

David Arboit

La discussione sui minibot in questi giorni si è basata su due argomenti: 1) per quanto siano mini sono in ogni caso nuovo debito pubblico che si somma a quello che c’è già; 2) sono carta moneta perché non hanno scadenza e si suggerisce di usarli come mezzo di pagamento. In realtà bisognerebbe avere il coraggio di dire tutto fino in fondo: non è che potrebbero essere un tentativo di truffa nei confronti dei cittadini italiani che poi alla fine si troverebbero ad avere in mano carta straccia?

Vediamo perché. Leggi il resto di questa voce

CARLO CALENDA AL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO LUIGI DIMAIO: FACCIAMO INSIEME IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

MASSIMO CACCIARI E GIANRICO CAROGIGLIO: ERRORI E PROSPETTIVE DEL PARTITO DEMOCRATICO

Intervistati da Corrado Formigli durante la trasmissione Piazzapulita, Gianrico Carofiglio e Massimo Cacciari delineano in modo semplice e chiaro errori, strategie politiche e sfide future per il PD. L’intervista va dal minuto 13.00 al minuto 40.00.

UN NUOVO PARTITO DI CENTRO DEI MODERATI? PROPOSTA INOPPORTUNA SECONDO ZINGARETTI, PISAPIA, SALA E GENTILONI

David Arboit

Mercoledì 29 maggio Carlo Calenda in una intervista lancia una provocazione: «Sono pronto a fondare un partito alleato del PD» (clicca qui). In sostanza, dice Calenda, «Sono inscritto al PD, lavoro con Zingaretti, ma serve un partito politico di centro liberal democratico.» La provocazione viene ripresa rapidamente da tutti i mass media.

Passano due giorni e arrivano in successione le risposte, che comprendono anche visioni strategiche che potrebbero essere utili al dibattito del Partito Democratico. Leggi il resto di questa voce

DALL’ANALISI DEL VOTO AI PROGETTI PER IL FUTURO: PROPOSTE DI STRATEGIA POLITICA PER IL FUTURO DEL PARTITO DEMOCRATICO

di David Arboit

Dopo avere esposto la sua relazione introduttiva Nicola Zingaretti chiude la Direzione nazionale del PD e va in conferenza stampa. La minoranza, dice, ha chiesto di rinviare a dopo i ballottaggi la discussione sulla relazione. Come mai? Vuole riaprire la fase congressuale? Vedremo. Zingaretti ribadisce che sono due le linee strategiche su cui deve camminare il PD: un “Piano per l’Italia” che dovrà sintetizzare creazione di nuovo lavoro e rivoluzione verde; una radicale riorganizzazione del partito. Riguardo alle varie anime e personalità del PD risponde ai giornalisti chiarendo che il pluralismo delle posizioni deve trovare una sintesi grazie a uno spirito unitario.

Dopo il breve intervallo della campagna elettorale, è Carlo Calenda che sembra riaprire di nuovo la discussione congressuale con in un’intervista a “La Repubblica” del 29 maggio ponendo il tema del nuovo partito dei moderati.

Che cosa dice Calenda? Leggi il resto di questa voce

EUROPEE 2019: CHE COSA È SUCCESSO VERAMENTE CON QUESTE ELEZIONI?

di David Arboit

A quattro giorni dalle votazioni è il momento di raccogliere le idee e provare ad analizzare i risultati per approfondire le ragioni di quello che è accaduto. Detto in parole povere «In tutta Europa vincono i partiti europeisti – scrive Cerasa su “Il Foglio” del 28 maggio – crescono i liberali, non sfondano i partiti nazionalisti (tranne che in Italia e in Francia), e tra i grandi del continente il Paese che mostra lo stato di salute peggiore» è l’Italia (clicca qui).

Perché l’Italia è nello stato di salute peggiore? Leggi il resto di questa voce

L’ANALISI DEI RISULTATI DELLE EUROPEE 2019 FATTA DALL’ISTITUTO CARLO CATTANEO DI BOLOGNA

David Arboit

L’analisi dei flussi di voto è importante e per questa ragione occorre che sia fatta da persone al di sopra di ogni sospetto, ossia da professionisti specializzati. Il “sospetto” è che nel fare l’analisi del voto, e in particolare dei flussi, ognuno “tiri l’acqua al suo mulino”, e cioè provi a far valere il suo punto di vista a prescindere. In particolare per il PD, una seria e onesta analisi del voto, libera da orizzonti interpretativi del tipo “revanche correntizia”, è indispensabile per dare un futuro a una nuova proposta politica.

Posto tra parentesi il serio problema della avalutatività nel quadro epistemologico delle scienze sociali (da Weber a Habermas) sta di fatto che punto di riferimento per le analisi postelettorali in Italia è l’istituto Carlo Cattaneo. Ecco che cosa ci dicono. Leggi il resto di questa voce

ELEZIONI EUROPEE 2019: I RISULTATI A BUCCINASCO

#il26VOTOPD

2019_05_24 MILANO, BEPPE SALA, FRANS TIMMERMANS, NICOLA ZINGARETTI CONCLUDONO LA CAMPAGNA ELETTORALE

UN PROGRAMMA CONCRETO E FATTIBILE DI RIFORMA DELLA UNIONE EUROPEA: MANIFESTO PER LA DEMOCRATIZZAZIONE DELL’EUROPA

di David Arboit

Ormai manca poco al voto e si può dire che in Italia il dibattito politico sull’Europa non ha mostrato una particolare ricchezza di contenuti. Vale allora la pena di farsi un’idea sul progetto di riforma del sistema politico europeo proposto da un gruppo di studiosi europei guidati dal francese Thomas Piketty (clicca qui). Qui di seguito una breve introduzione video di Piketty, poi il “Manifesto” spiegato con una lezione video dal professor Pasquale De Sena docente di Diritto internazionale e infine il testo con l’introduzione al “Manifesto”. Per approfondire le proposte e firmare il manifesto bisogna andare al sito http://tdem.eu.

La lezione del professor Pasquale De Sena.

(trad. it. David Arboit)

Noi, cittadini europei, provenienti da contesti e paesi diversi, lanciamo oggi un appello per una profonda trasformazione delle istituzioni e delle politiche europee. Leggi il resto di questa voce

INTERVISTE AL PD: MATTEO RENZI, NICOLA ZINGARETTI, MARCO MINNITI, GRAZIANO DEL RIO, BEPPE SALA, PAOLO GENTILONI, ENRICO LETTA, ENRICO ROSSI

MATTEO RENZI, su “la Repubblica” del 12 maggio (clicca qui), riconosce al neosegretario Nicola Zingaretti il merito di avere provato, e di esserci riuscito, a «mettere insieme» nel PD molti che avevano fatto scelte elettorali differenti.

NICOLA ZINGARETTI, su “la Repubblica” del 14 maggio (clicca qui), rafforza l’idea di un PD sempre più orientato a lavorare in modo costruttivo e utile per le fasce più deboli della società italiana, mentre il Governo nelle medesime aree sociali semina un odio pericoloso e inconcludente.

MARCO MINNITI E GRAZIANO DEL RIO, su “la Repubblica” del 15 maggio (clicca qui), fanno la predica al Ministro dell’interno fannullone Matteo Salvini, che si occupa di fare propaganda al suo partito e strumentalizza le forze dell’ordine per il suo fine.

BEPPE SALA, su “la Repubblica” del 15 maggio (clicca qui), racconta un pezzo della sua avventura amministrativa mettendo in evidenza come la scelta di mettersi a diposizione di una città per amministrarla è un percorso molto faticoso e pieno di rischi.

PAOLO GENTILONI, sul “Corriere della Sera” del 16 maggio (clicca qui), riafferma quanto già richiamato da Zingaretti, e cioè che l’unica via d’uscita dalla crisi in cui il governo Lega-M5S sta portando l’Italia sono le elezioni anticipate e che l’alternativa al governo nazionalista e populista è solo un governo di Centrosinistra. No di sicuro a un’alleanza con M5S.

ENRICO LETTA, sul “Corriere della Sera” del 18 maggio (clicca qui), sottolinea che Salvini ha di sicuro il primato del peggior leader della storia d’Italia e che per sconfiggere la deriva populista, nazionalista e parafascista il PD, in un sistema elettorale proporzionale, deve avere il ruolo di un polo aggregatore di una nuova alleanza di Centrosinistra: «Aprirsi, aggregare, unire». Pericoloso l’isolamento dell’Italia in Europa e un altro No a un’alleanza con M5S.

ENRICO ROSSI, su “la Repubblica” del 19 maggio (clicca qui), comunica che dopo un periodo di lontananza dal PD, ritornerà volentieri nel Partito perché ritiene che Zingaretti abbia in mente un progetto politico aperto e inclusivo.

NICOLA ZINGARETTI, sul “Corriere della Sera” del 21 maggio (clicca qui), illustra le linee fondamentali del “Piano per l’Italia”, il progetto di governo del Partito Democratico in caso di elezioni anticipate.

MAURIZIO MARTINA, su “La Stampa” del 24 maggio (clicca qui), afferma che è « fondamentale che il Pd torni a rappresentare il mondo del lavoro dipendente» e che si affrontino «Le grandi questioni legate alla transizione ecologica». No a un’alleanza con M5S e avanti con la ricostruzione di un Centrosinistra di governo.

20 MAGGIO 2010, MATTEO RENZI A MILANO PER LA CAMPAGNA ELETTORALE DELLE ELEZIONI EUROPEE

LE LEGGI RAZZIALI FASCISTE E DECRETO SICUREZZA: UN PARAGONE INTELLIGENTE, UTILE E DOVEROSO. ECCO IL VIDEO DEI RAGAZZI DI PALERMO

David Arboit

Ecco il lavoro degli studenti di Palermo che ha fatto saltare i nervi alla al Ministro della propaganda Matteo Salvini, al Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti e all’Ufficio Scolastico Provinciale (ex Provveditorato agli Studi) di Palermo.

Due le considerazioni che si possono fare su questa vicenda di straordinaria gravità.

Leggi il resto di questa voce

#BUCCINASCO 19 MAGGIO ORE 21: CONFRONTO TRA IRENE TINAGLI (PD) E ANGELO CIOCCA (LEGA)

Irene Tinagli (Partito Democratico) e Angelo Ciocca (Lega – Salvini Premier) si confrontano in vista delle Elezioni Europee del 26/5. Moderatore della serata: Francesco Corti- 19 Maggio h. 21 – Auditorium Fagnana – Via Tiziano, 7 – Buccinasco

VI ASPETTIAMO

LA DIFFERENZA FRA IL MINISTERO DELLA PUBBLICA SICUREZZA E IL MINISTERO DELLA PROPAGANDA SPIEGATA AI SALVINI

di David Arboit

Mentre la criminalità continua a sparare, il ministro dell’Interno Matteo Salvini è ormai da un anno in campagna elettorale permanente. Ci voleva il caso della bambina in fin di vita a Napoli per mettere a tema la questione: lavorare per la sicurezza degli italiani è cosa diversa dal bla bla bla sulla minaccia degli immigrati. Ci voleva una piccola vittima innocente per fare capire agli italiani che Salvini non è un Ministro degli interni ma è solo un Ministro della propaganda, e che la sicurezza degli italiani, in verità, la trascura.

La lezione sulla differenza fra propaganda e sicurezza la danno a Salvini in molti. Ascoltiamoli. Leggi il resto di questa voce

HA SENSO O OGGI PARLARE DI PERICOLO FASCISTA? IL FASCISMO HA UN FUTURO? C’È ANCORA BISOGNO DI ANTIFASCISMO?

di David Arboit

In un articolo del 2016 lo storico Aldo Giannuli provava a rispondere alla domanda “C’è un pericolo fascista in Italia e in Europa?” (clicca qui). Analizzando le “condizioni ambientali generali” che nella storia hanno portato alla affermazione dei regimi fascisti, Giannuli arrivava alla conclusione che era estremamente improbabile la comparsa in Europa di nuovo Stato fascista.

Analisi condivisibile, ma che anche alla luce di quanto si è visto negli anni seguenti trascura a mio giudizio alcuni fatti che quantomeno suscitano domande e preoccupazioni. Leggi il resto di questa voce

DEF, IL DOCUMENTO DI ECONOMIA E FINANZA DEL GOVERNO LEGA-M5S: UNA VALUTAZIONE DEL PD

di David Arboit

Marco Leonardi, professore di economia e consulente economico del Partito Democratico, esprime una valutazione sul documento economico e finanziario proposto dal Governo Lega-M5S. È un documento particolare nel suo genere: nel leggerne i contenuti appare evidente la volontà del Ministro Tria di non rovinare definitivamente la sua credibilità e quindi la scelta di non fare affermazioni smaccatamente insostenibili. Leonardi sottolinea nella sua intervista a RAI 1 questi elementi di verità.

Per un approfondimento, sempre di Leonardi, è opportuno leggere un articolo pubblicato sulla rivista Il Mulino (clicca qui).

NICOLA ZINGARETTI VOLTA PAGINA: INCONTRA I SINDACATI NELLA SEDE DEL PD

di David Arboit

L’immagine del Segretario del PD Zangaretti seduto a un tavolo della sede del PD di fronte a Landini e ad altri sindacalisti è la plastica rappresentazione di una svolta radicale (clicca qui). Lo ha notato subito Stefano Folli nel suo editoriale di oggi sul quotidiano “la Repubblica” (clicca qui).

Nella manifestazione del 9 febbraio 2019 a Roma, Landini neosegretario della CGIL aveva lanciato un chiaro messaggio di dialogo alla politica (clicca qui), messaggio che il neosegratario del PD ha colto. Un chiaro segno che è vero: si è voltato pagina. Leggi il resto di questa voce

15 PROPOSTE PER LA GIUSTIZIA SOCIALE: PARTITO DEMOCRATICO, SE SUL PUNTO CI SEI BATTI UN COLPO

di David Arboit

Mentre il governo giallo-verde impiega decine di miliardi di euro nel “reddito di cittadinanza” e in “quota cento”, due iniziative politiche che in soldoni potrebbero essere riassunte dicendo che “il governo paga i cittadini per non lavorare o per smettere di lavorare”, un gruppo di lavoro guidato dall’economista Fabrizio Barca (uomo del PD, anche se spesso emarginato da una élite di partito autoreferenziale) ha individuato 15 proposte politiche che definiscono strategie di sviluppo economico orientate verso la giustizia sociale (clicca qui per la sintesi).

Auspico fortemente che il Segretario Zingaretti e la Direzione nazionale del Partito Democratico prendano in seria considerazione queste proposte (alcune come il “salario minimo” sono già all’ordine del giorno), ne discutano ampiamente, perché ritengo che possano consentire al PD di “voltare pagina” veramente per quanto riguarda una visione strategica della politica economica e dello sviluppo del Paese. Leggi il resto di questa voce

ARROGANZA, IPOCRISIA, DISUMANITÀ: MA QUAL È IL DIO DI SALVINI?

di Giambattista Maiorano

Non sarà sfuggita a nessuno un’espressione che, sempre più frequentemente, esce dalla bocca del nostro amato Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Interni Matteo Salvini: il buon Dio. Cosa questo voglia significare non abbiamo ancora avuto modo di saperlo né letto in alcun comunicato stampa. Nel merito, qualche chiarimento sarebbe più che auspicabile. Difficile individuare nel suo Dio quello della misericordia. D’altra parte è nota l’umana tentazione di costruirsi un Dio a propria immagine e somiglianza come dimostra il noto motto “Gott mit uns” (Dio è con noi) che ha caratterizzato la storia militare della Germania dai cavalieri templari fino al nazismo. Leggi il resto di questa voce

17 MARZO 2019, ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO: INTERVENTI E CONCLUSIONI DI ZINGARETTI

GLI INTERVENTI: Robero Giachetti a 18.00; Maurizio Martina a 31.50; Anna Zambon a 44.15; Paolo Furia a 47.55; Roberta Pinotti a 53.15; Pierfrancesco Maiorino a 59.05; Anna Ascani a 1.05.05; Matteo Ricci 1.11.50; Sabrina Ugolini a 1.19.55; Marco Camberlotto a 1.26.30; Maria Saladino a 1.29.55; Mattia Zunino a 1.34.27; Clara Scapin a 1.40.45; Giacomo Dannibale a 1.45.45; Jacopo Bencini a 1.50.45. Le conclusioni di Nicola Zingaretti 2.01.00.

17 MARZO 2019, ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO: L’INTERVENTO INTRODUTTIVO DI NICOLA ZINGARETTI

IL DISAGIO SOCIALE ED ECONOMICO DI MOLTI ITALIANI


di David Arboit

Emerge da un’inchiesta svolta dal settimanale “Altroconsumo” il disagio economico di una bella fetta di italiani: più o meno un 40%. La percentuale corrisponde a una valutazione fatta alcune settimane fa da “Il Sole 24 Ore” a proposito del reddito di cittadinanza (780 euro) nella quale si registrava un numero importante di “lavoratori poveri”, la cui condizione è lavorare (e guadagnare) ma essere poveri ugualmente perché il salario è troppo basso, e per i quali sarebbe più conveniente smettere di lavorare e percepire il reddito. Leggi il resto di questa voce

DOPO IL GRANDE SUCCESSO DELLE PRIMARIE: DICONO DI NOI

di David Arboit

Dopo la vittoria alle primarie il neosegretario NICOLA ZINGARETTI inizia lavorare per mettere in pratica lo slogan che ha definito la sua campagna elettorale: “voltiamo pagina”. (clicca qui) «Si è riaperta la speranza e ora dobbiamo con umiltà unire e cambiare. Non dobbiamo solo fare opposizione ma dare ai problemi che i gialloverdi cavalcano soluzioni migliori e aprire una nuova fase della democrazia». Il progetto politico del nuovo PD è ben delineato in una ricca intervista pubblicata su “La Stampa” (clicca qui). Leggi il resto di questa voce

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: