Archivi Blog

IL PD DELLE OPPORTUNITA’: APERTO, CHE ASCOLTA, CHE INCLUDE. OPPURE SEPARATI IN CASA? NE PARLIAMO MARTEDI’ AL CIRCOLO

Pd, alta tensione. Il day after il derby San Giovanni-Leopolda.

Il presidente del partito Matteo Orfini lancia l’allarme: «La scissione? Il rischio c’è»

renzi-cgil

Il fine settimana trascorso ci ha offerto una occasione di confronto e anche di scontro notevole: a Roma, in Piazza San Giovanni o a Firenze, alla Stazione Leopolda, con il Governo o contro, dentro o fuori dal PD e se dentro come.

Ne parliamo al nostro Circolo

MARTEDI 28 Ottobre in Cascina Robbiolo di Via Aldo Moro, ore 21 

Come sempre l’invito alla discussione è aperto a tutti, iscritti e non, dubbiosi e convinti, a chi vuole dire la sua.

Renzi: coloriamo la nostra storia di futuro, mandiamola nel domani

Intervento di Matteo Renzi all’Assemblea nazionale del Partito Democratico.
http://www.youdem.tv/doc/269025/renzi-coloriamo-la-nostra-storia-di-futuro-mandiamola-nel-domani.htm

Matteo Orfini eletto Presidente dell’Assemblea del Pd. Ascolta il suo
Intervento all’Assemblea nazionale del Partito Democratico.
http://www.youdem.tv/doc/269027/matteo-orfini-eletto-presidente-dellassemblea-del-pd.htm

ORFINI: “GIUSTO DIALOGARE CON SILVIO, FINO A IERI CI STAVAMO AL GOVERNO”

matteo-orfini1La Repubblica, 16 gennaio 2014 – Intervista a Matteo Orfini

Attento Renzi, non si può incontrare Berlusconi nella sede del Pd: Alfredo D`Attorre, area Cuperlo, mette in guardia il segretario sul rischio di “baciare il rospo”. Ma il leader dei Giovani turchi, Matteo Orfini, dissente.
Giusto incontrare Berlusconi? 
«Certo, se riconosciamo che la legge elettorale è una priorità del paese, è ragionevole che il nostro segretario dialoghi a 360 gradi con tutte le forze politiche. A partire da quelle di maggioranza, ma cercando un rapporto anche con le opposizioni». Leggi il resto di questa voce

INTERVISTA A MATTEO ORFINI: IN QUESTI ANNI IL PD HA PAGATO LA RIMOZIONE DEL CONFLITTO

Il Manifesto, 22 agosto 2013

«Il rischio che il Pdl faccia saltare il governo è concreto. Ma per noi è irricevibile qualsiasi atto che metta in discussione il fatto che Berlusconi debba pagare il suo debito con la giustizia». Matteo Orfini, sinistra Pd, scarso tasso di larghintesismo, non ha dubbi: nel suo partito – stavolta – «non ci saranno franchi tiratori». Anche perché quello che si svolge in queste ore «è un dibattito surreale. In qualsiasi paese normale il Pdl avrebbe chiesto scusa agli italiani perché il suo leader si è macchiato di reati così gravi. Qui chiede la grazia. Se il Pdl non accetterà che il Pd voti la decadenza, si assumerà la responsabilità di far saltare in aria tutto. Ma non c’è terza via». Leggi il resto di questa voce

COSA È SUCCESSO (DAVVERO) OGGI 10 LUGLIO 2013

matteo-orfini1Matteo Orfini

http://orfini.wordpress.com, 10 luglio 2013

Questa mattina eravamo convocati alle 10 per discutere e votare alcuni provvedimenti. Come spesso capita, all’inizio della seduta è stato comunicato un primo rinvio della seduta perché era in corso una discussione sul calendario in consiglio di presidenza. La ragione era evidente a tutti, anche perché era sui giornali. Il Pdl stava chiedendo una sospensione di tre giorni dell’attività parlamentare in seguito alla nota decisione della Cassazione sulla data della sentenza Mediaset. La richiesta era ovviamente irricevibile e vergognosa. E infatti è stata respinta. Leggi il resto di questa voce

INTERVISTA A MATTEO ORFINI: «RENZI? È DIVENTATO DI SINISTRA COME NOI»

Matteo Renzi

Matteo Renzi

David Allegranti

Corriere della Sera, 29 giugno 2013

«Ho la fortuna di avere Yoram Gutgeld come compagno di banco, quindi abbiamo discusso spesso di queste cose. Ritengo la bozza in larga parte condivisibile: è una svolta notevole, un cambio di direzione radicale rispetto alle cose dette da Renzi. La notizia è che secondo il Renzi di oggi avevamo ragione noi allora e torto lui. Finalmente ha abbandonato l’impianto economico della destra americana, in Italia impersonato da Zingales». Leggi il resto di questa voce

PD: PER RICOMINCIARE OCCORRE RIPARTIRE DAL RICONOSCIMENTO DI UN FALLIMENTO

matteo-orfini1Di Matteo Orfini

http://www.leftwing.it

Il risultato delle elezioni di febbraio ha spiazzato tutti: politici e commentatori, partiti e istituti demoscopici. Gli italiani hanno espresso con il voto un misto di rabbia e sfiducia, frustrazione e risentimento. Un malessere che da tempo e per mille vie si era manifestato nel paese e che tuttavia noi per primi, a sinistra, abbiamo enormemente sottovalutato. Leggi il resto di questa voce

MATTEO ORFINI: I NOSTRI SLEALI EQUILIBRI

matteo-orfini1Di Daniela Preziosi

Il manifesto, 10 maggio 2013

«Dobbiamo liberarci dello shock di quello che è successo. Il gruppo dirigente del Pd ha esaurito la sua funzione, è dominato dalla chiusura e dalla paura. Paura dei propri elettori, del sostegno al governo, di fare una proposta. Dobbiamo scuoterci e affrontare una partita complicata, vivendo i prossimi mesi come l’occasione per rifondare il Pd. Se cerchiamo solo di traghettare nella nuova fase gli equilibri della vecchia facciamo un danno al Pd e al paese». Parla Matteo Orfini, area Rifare l’Italia, ovvero i giovani turchi. Era per il no alle larghe intese, per disciplina ha votato sì alla fiducia al governo. Era nella segreteria di Bersani, si è dimesso, non ha incarichi nell’esecutivo. Leggi il resto di questa voce