Archivi Blog

IL 67% DEGLI ITALIANI CHIEDE UN GOVERNO

di MASSIMO RAZZI, La Repubblica, 12 febbraio 2013

Il 67 per cento degli italiani vuole un governo adesso. L’opzione più accreditata (52%) è un esecutivo guidato da Bersani e appoggiato dall’M5S. Solo il 28% ritiene più opportuno il ritorno immediato alle urne, il 5% non ha un’opinione in merito. Da notare che elettori del centrosinistra, grillini e montiani convergono sulla necessità di avere presto un esecutivo mentre quelli del centrodestra preferiscono nuove elezioni. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato da Ipr Marketing per Repubblica.it. Leggi il resto di questa voce

Annunci

QUALE GOVERNO E QUALI CONTENUTI. CONFRONTO SUL RISULTATO ELETTORALE

Scegliere una direzione

IN QUESTE ORE C’È STATO UN FITTO SCAMBIO DI MAIL TRA AMICI E SIMPATIZZANTI DEL CIRCOLO PD DI BUCCINASCO. UN CONFRONTO SERIO E CONCRETO SULL’ESITO ELETTORALE. RIPORTIAMO LE OPINIONI QUI, PER AGGIUNGERE NUOVI SPUNTI.

 

“Caro Grillo, l’Italia ha bisogno che tu dia fiducia”.  (Clicca QUI)

ma avete ricevuto anche voi questa mail? ma cos’è ? prima lo votano e poi gli inviano una petizione?

——————— o ——————— o ——————— o ——————— o ———————

non è follia, ma è lo scorrere della politica.

L’abbiamo detto anche durante il  nostro incontro di martedì. Nel M5S c’è di tutto. Non è un partito con delle tesi, un programma elettorale definito, ecc.
Ci sono dei “filoni di  interesse” che hanno catalizzato il voto.

Leggi il resto di questa voce

SUL VOTO DI DOMENICA LE INCOGNITE DELL’EXPLOIT DEL M5S E DELLA TENUTA DI MONTI

Roberto D’Alimonte, Il Sole 24 ore, 22 febbraio 2012

Il prossimo governo del Paese dipenderà dal voto del Senato. Questo è vero sia che alla Camera vinca Berlusconi sia che vinca Bersani, come sembra molto probabile viste le tendenze che avevamo sotto gli occhi fino a qualche giorno fa. In questo ramo del Parlamento può succedere di tutto. Nel 2006 la Casa delle Libertà di Berlusconi arrivò prima in 7 regioni su 17 e questo bastò per dare al Cavaliere 155 seggi contro i 154 dell’Unione di Prodi. Andò così perché la Cdl vinse in molte regioni “pesanti”: Lombardia, Piemonte, Veneto, Lazio, Puglia e Sicilia (oltre a Friuli-Venezia Giulia). Leggi il resto di questa voce

IL FINANCIAL TIMES PRENDE A SCHIAFFI MONTI: «NON È L’UOMO GIUSTO PER GUIDARE L’ITALIA»