RENZI: “HANNO PERSO LA TESTA. SQUADRISTI DA CODICE PENALE”

Rai1 - Matteo Renzi ospite a "Porta a Porta"

Intervista a Matteo Renzi di Federico Geremicca – La Stampa, 31/01/2014

Il commento è secco, lapidario, privo di fronzoli e di retorica. Dice Matteo Renzi: «Non servono giri di parole per dire quel che il Movimento Cinque Stelle sta mettendo in scena alla Camera: roba da squadristi, al limite – se non oltre – del codice penale. E quanto all`atto d`accusa contro Napolitano, spero che nessuno si lasci ingannare: non c`entrano niente la voglia di cambiamento, la Costituzione e quelle balle lì. Siamo di fronte ad una strategia lucida ma disperata: tutta studiata a tavolino».

Le voci degli altri passeggeri e il rumore di fondo del treno col quale Matteo Renzi sta tornando a Firenze, non ostacolano la comprensione né del ragionamento del leader democratico né il suo umore. È quasi ora di pranzo e il sindaco-segretario non ha difficoltà a spiegare quel che pensa intorno a ciò che sta accadendo.
Al centro del Suo ragionamento c`è Beppe Grillo. I due, infatti, ormai si considerano reciprocamente il «nemico numero uno»: e non è difficile ipotizzare che è proprio dal l`esito del loro duello che dipenderanno tante cose…
«La verità è che gli stiamo tagliando l`erba sotto i piedi – dice Renzi – smontando uno a uno tutti i suoi soliti e triti argomenti. La riforma della legge elettorale, l`abolizione del Senato come Camera elettiva, la cancellazione delle Province, il taglio al finanziamento dei partiti e la revisione del Titolo V… Dalla politica arrivano finalmente risposte, Beppe Grillo non sa come reagire e perde la testa. È per questo che cerca la rissa, la butta in caciara e arriva addirittura a proporre l`impeachment di Napolitano, al quale siamo stati noi a chiedere di restare. Ma vedrete che quest`ultima mossa gli si ritorcerà contro e gli creerà problemi perfino nei suoi gruppi parlamentari».
Renzi contro Grillo, e viceversa. Nel corso del colloquio il leader democratico tornerà spesso sul punto, ma l`avvio non può che essere per Napolitano. «Una cosa senza senso, l`attacco al presidente – dice -. Una vigliaccata. Quando ha ceduto alle richieste di ricandidatura, la scommessa del Capo dello Stato era proprio sulle riforme: è per questo che ha accettato di restare. Parliamo delle stesse riforme che Grillo invoca a gran voce e che ora – invece – vuole fermare. Capisco bene che i primi mesi di questa legislatura siano stati comodi per lui, con la politica bloccata e incapace di dare risposte: ha potuto approfittarne. Ma credo che ora abbia capito che la musica è totalmente cambiata e che andare avanti con la propaganda non può pagare».
L`avvento di Renzi alla segreteria, da solo, non sarebbe bastato; c`è voluto quello che il leader Pd considera un atto di coerenza e di coraggio: l`intesa con Berlusconi per avviare le riforme. È questo che ha sbloccato la situazione; ed è questo che starebbe creando nervosismi e problemi al movimento del comico genovese.
«Siamo a un passo da una legge che non è la migliore possibile, che abbiamo provato e proveremo a migliorare – annota Renzi – ma che comunque assicura quel che il Paese chiedeva: governabilità e difesa del bipolarismo. E non è questione solo di. legge elettorale: la politica comincia a dare risposte anche sulle altre riforme e se continua così, se ce la facciamo, per Grillo si fa notte…».
L`attacco a Napolitano, dunque, sarebbe più o meno questo: un moltiplicatore di tensioni per sviare l`attenzione da quel che sta accadendo. «Vede, Napolitano va difeso anche per questo: per il fatto che la difesa della sua persona e del suo ruolo, oggi coincide con la difesa delle istituzioni. Impedire a deputati di accedere alle commissioni per votare e lavorare è squadrismo; insultare con volgarità inaccettabili le nostre deputate è una vergogna, e c`è da ricorrere al codice penale. I Cinque Stelle hanno capito che la musica è cambiata e reagiscono così. Del resto, non c`è chi non veda. La differenza con un anno fa». Già, l`anno trascorso. Di questi tempi, dodici mesi fa, si era nel, pieno di una campagna elettorale che pareva scontata e che poi, invece, è andata com`è andata…
«Lo ricorderete anche voi, no? Un anno fa spiega Renzi – .Beppe Grillo parlava di futuro e di cambiamento, di rinnovamento della Repubblica e di speranze per i giovani: con una campagna aggressiva ma allegra, con toni certo duri ma ancora speranzosi, ha quasi vinto le elezioni… E ascoltatelo ora, invece: solo discorsi rabbiosi, bui, minacciosi, disperati. Semina odio. Ma il Paese non ne può più di tutto questo: vuole voltare pagina e tornare, finalmente, a guardare avanti».
E può farlo – è il ragionamento nemmeno tanto sottinteso – perché qualcosa si è messo in movimento.
«A quest`atteggiamento rabbioso fa da contraltare – insiste Renzi l`idea che con un orizzonte serio e con la calma necessaria, quel che deve esser fatto sarà fatto. È per questo che, al di là dell`indignazione, non siamo preoccupati da quel che dice e dalle assurde iniziative che mette in campo. Noi abbiamo un`altra idea di quel che serve al Paese, dopo anni di paralisi e di risse: e quel che serve, noi lo faremo…».
Ci vorrà calma e tempo, Renzi lo sa. Ma si dice pronto: pronto a lavorare ed a smentire il sospetto che lo circonda, e cioè che voglia solo e semplicemente le elezioni anticipate.
«Non so più cosa dire per cancellare questa sciocchezza – si lamenta mentre il treno entra in stazione -. Ma vorrei che almeno si riconoscesse che sto facendo solo e semplicemente quel che avevo sempre detto…
Il governo ha suoi problemi, certo, ma non me ne occupo perché a questo pensa Letta.
Ai nostri deputati e ai nostri senatori, invece, vorrei mandare un messaggio chiaro: ci sono molte cose da fare, vanno fatte e le faremo. Occorrerà tempo: ed è per questo che dico che la legislatura può arrivare fino al 2018 e che non c`è nessun motivo perché loro si debbano sentire dei dead man walking…».
Annunci

Pubblicato il 31 gennaio 2014, in POLITICA NAZIONALE con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Quanti milioni di voti avrà tagliato “la tagliola” a quelli del PD ??

  2. Il movimento di Grillo, per statuto, non può fare apparentamenti con quei partiti che vuol mandare a casa; cioè tutti gli altri. Questo vuol dire alle prossime elezione saranno fuori dal ballottaggio e ad andare a casa saranno proprio loro. La reazione che abbiamo visto è la reazione tipica di chi perde la “poltrona” dopo aver assaggiato i privilegi che essa poltrona elargisce. Immaturi, inaffidabili, opportunisti. Direbbe Grillo: “Alle prossime elezioni, a casa !!!!!!!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: