Archivi Blog

Enrico Letta: “Dobbiamo battere il populismo. Grillo riesce solo a insultare”

20140521-202905.jpg
[fonte: Huffington Post] Arginare il populismo in vista delle elezioni europee. Dopo l’avvertimento del capo dello Stato Giorgio Napolitano arriva anche quello dell’ex premier Enrico Letta. Il predecessore di Matteo Renzi a Palazzo Chigi era già tornato in campo a Genova per la campagna elettorale di Sergio Cofferrati. Questa volta invece ha parlato a Padova.

Leggi il resto di questa voce

Annunci

PROFESSIONISTI DEL CONFLITTO? POTREI ESSERE UNO DI LORO

Franco Monaco, Europa, 21 agosto 2013

Nel suo discorso in apertura del meeting di Rimini di CL, Enrico Letta ha bacchettato i professionisti del conflitto. Coloro che fanno assurgere il conflitto a valore in sé e a ideologia. Messa così è difficile dissentire. Tuttavia, la fonte (il premier di un governo di larghe intese con il Pdl) e la sede (il meeting di CL) suggeriscono l’esigenza di qualche messa a punto al fine di scongiurare fraintendimenti perfettamente possibili. Leggi il resto di questa voce

DOCUMENTO CONGRESSUALE. FRANCESCO BOCCIA: PD CONSERVATORE, VIA QUESTI DIRIGENTI

di TOMMASO CIRIACO, La Repubblica, 19 agosto 2013

I toni della mozione congressuale sono così duri da far sembrare la “rottamazione” una carezza. I big del Pd entrano nel mirino dei lettiani capitanati da Francesco Boccia a metà documento (leggi). E ne escono solo parecchi capoversi dopo. Il partito di via del Nazareno è descritto come “conservatore”, guidato da una “classe dirigente che non serve più” e che vive “in un regolamento di conti perenne”. È l’intero campo della sinistra a finire sotto processo: “Una classe dirigente imbevuta di questa “vecchiezza” può sopravvivere, e bene, sino alla pensione ma non costruisce nulla, non mette nemmeno un mattone, riesce a malapena a perpetuare una vita dorata per sé, i suoi familiari e i compagni di merenda. Nulla di più”. Leggi il resto di questa voce

E ADESSO? IL PD E IL GOVERNO LETTA

enrico_letta[ di Giambattista Maiorano ]

Mentre i ministri giurano davanti a Napolitano, una sparatoria avviene tra Palazzo Chigi e Montecitorio. Due carabinieri feriti, uno dei due in modo serio, si saprà più tardi. Tutti pensano ad un atto terroristico. Grazie a Dio non è così anche se la circostanza e la coincidenza farebbero presumere il contrario. Dopo il timore, il sospiro di sollievo: non è il biglietto di presentazione del nuovo governo presieduto da Enrico Letta.

Leggi il resto di questa voce