Archivi Blog

IL CONFRONTO CUPERLO, RENZI, CIVATI: TERZA PARTE

IL CONFRONTO CUPERLO, RENZI, CIVATI: SECONDA PARTE

IL CONFRONTO CUPERLO, RENZI, CIVITATI: PRIMA PARTE

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PD: L’INTERVENTO DI MATTEO RENZI

Matteo Renzi, Sindaco di Firenze

ASCOLTA L’INTERVENTO CLICCA QUI

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PD: L’INTERVENTO DI GIANNI CUPERLO

Assemblea nazionale del Partito Democratico, prima giornata

ASCOLTA L’INTERVENTO CLICCA QUI

ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PD: L’INTERVENTO DI PIPPO CIVATI

pippo-civati-2

ASCOLTA L’INTERVENTO CLICCA QUI

IL CONGRESSO DEL CIRCOLO DEL PD DI BUCCINASCO: UNA DOMENICA SPESA BENE

pd_buccinasco_congresso_nazionaledi Guido Morano

Domenica 27 ottobre abbiamo tenuto il congresso del nostro Circolo per l’elezione degli organismi dirigenti. Una domenica mattina spesa bene, a giudizio dei partecipanti in particolare dei nuovi iscritti. Ancora una volta infatti abbiamo dimostrato che si può discutere di politica, che lo si può fare serenamente, in modo ragionato e non banale, proponendo, dove possibile, di concretizzare le idee in azioni. Leggi il resto di questa voce

GIANNI CUPERLO: RIFONDIAMO IL PARTITO PARLANDO UN LINGUAGGIO DI SINISTRA

Assemblea nazionale del Partito Democratico, prima giornata

Ascolta l’intervista clicca qui

QUELLO CHE MANCA ALLA VERA SVOLTA

di ANTONIO POLITO, Corriere della Sera, 29 ottobre 2013

Nella linea di Renzi sembra persistere una forma di scaltrezza: l’attualità politica impone delle risposte, ma il problema dei problemi è sempre un altro: «Cambiare l’Italia». Alla sua terza o quarta discesa in campo, Matteo Renzi è un po’ troppo simile a se stesso. Neanche l’ultima Leopolda da giovane candidato gli ha fornito una matura piattaforma da segretario. Eppure tra poco più di un mese, pur non essendo in Parlamento (come Grillo), avrà il compito di guidare un esercito di più di quattrocento parlamentari. Leggi il resto di questa voce

IL SINDACO E IL CAVALIERE: DUE DESTINI INCROCIATI

di ILVO DIAMANTI, La Repubblica, 28 ottobre 2013

Non è un caso che Berlusconi abbia sciolto il Pdl e rilanciato Forza Italia in coincidenza con la Leopolda. La convention organizzata da Matteo Renzi a Firenze. E non è un caso che la ri-nascita di Fi sia stata prevista nello stesso giorno delle primarie del Pd. L’8 dicembre. Berlusconi, in questo modo, intende, ovviamente, “trainare” la propria ri-discesa in campo. Utilizzando un evento di successo, in grado di mobilitare milioni di persone. Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: CAMBIAMO VERSO A QUATTRO PUNTI

PIPPO CIVATI, PRESENTA LA CANDIDATURA A ROMA

pippo-civati-2

Ascolta l’intervento di Civati

IL PD MILANESE AL CONGRESSO PROVINCIALE

segretario_provinciale_26_10_2013di Guido Morano

Sabato 26 si terranno le votazioni per la scelta del nuovo segretario della federazione provinciale del nostro partito. La contesa è tra quattro candidati che in parte rappresentano gli schieramenti che si fronteggeranno nella fase successiva a questa, per la nomina del segretario nazionale. Il tutto culminerà con le primarie nazionali dell’8 dicembre. Un percorso lungo e dal mio punto di vista, abbastanza arzigogolato, che cerca di tenere insieme i legittimi diritti degli iscritti e la necessità di coinvolgere al massimo, come è già avvenuto, elettori e cittadini non iscritti. Avendo assistito a un incontro a Corsico tra i 4 candidati, voglio qui esprimere la mia personale opinione. Leggi il resto di questa voce

INTERVISTA A GIANNI CUPERLO. NOI ABBIAMO QUALCOSA DA FARCI PERDONARE: RIPARTIRE DALLA DIGNITÀ DELLA PERSONA

I GIOVANI INTERVISTANO GIANNI CUPERLO (clicca qui)

INTERVISTA A MATTEO RENZI: «SE VINCO IO, MAI PIÙ LARGHE INTESE»

VLADIMIRO FRULLETTI

L’Unità, 20 ottobre 2013

Non le ricorda Balotelli? Indubbie qualità, ma anche difficile da gestire? ». Cesare Prandelli sorride ma glissa: «Bella domanda». Poi si riprende la ramazza e torna a spazzare Piazza D’Azeglio insieme a un centinaio di volontari (parecchi stranieri: studentesse californiane e immigrati filippini) armati di pettorine arancioni. A fianco Matteo Renzi. Questo sabato si pulisce Firenze. Si chiamano Angeli del Bello come gli angeli che ripulirono Firenze dal fango nel 1966. Il sindaco saluta tutti («ciao grande!»), batte il cinque ai bambini, stringe mani. Degli studenti gli chiedono anche di firmare la giustificazione per la scuola. Ringrazia Prandelli («è lui il vero sindaco») e gli altri volontari, spiega come diventerà la piazza coi nuovi giardini, poi torna a Palazzo Vecchio. Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: UNA SVOLTA RADICALE DALLA POLITICA ALLE BANCHE

Renzi_20130915di ALDO CAZZULLO

Corriere della Sera, 18 ottobre 2013

«L’Italia ha bisogno di una svolta radicale». Lo dice Matteo Renzi in  un’intervista al Corriere: «Chiederemo all’Europa di rivedere il limite del 3%, ma prima dobbiamo fare le riforme rinviate per troppo tempo. Compresa quella del fisco: io avevo proposto un taglio al cuneo fiscale da 22 miliardi». Renzi annuncia la ricandidatura a Firenze: «Farò il segretario del Pd e insieme il sindaco. Leggi il resto di questa voce

BUCCINASCO VERSO IL CONGRESSO DEL PARTITO DEMOCRATICO

di Guido Morano

Si avvia il percorso che culminerà l’8 dicembre con le primarie che definiranno il nuovo segretario nazionale che presumibilmente condurrà il PD alle prossime elezioni. L’attesa intorno a questo percorso, e in particolare al suo esito finale è già forte e prevedibilmente crescerà verso la tappa finale. È noto che il dibattito intorno alle regole che definiscono la partecipazione dei cittadini, iscritti al PD e non, è stato lungo e travagliato e l’esito finale forse non completamente soddisfacente. Leggi il resto di questa voce

PER UN’ALTRA IDEA DI PD SPICCHIAMO IL VOLO

altra-idea-di-PD

Tutti gli interventi

Intervento di Fabrizio Barca

Intervento di Pippo Civati

GIANNI CUPERLO: «SUI DIRITTI UMANI È SBAGLIATO INSEGUIRE I SONDAGGI»

Gianni-Cuperlo_02SIMONE COLLINI

L’unità, 14 ottobre 2013

«Sui diritti umani, sulla dignità delle persone, non si possono inseguire i sondaggi». A Gianni Cuperlo non sono piaciute le uscite di Renzi contro il messaggio di Napolitano su amnistia e indulto. Provvedimenti, dice  lo sfidante del sindaco nella corsa per la segreteria del Pd richiamando quel che è scritto nella nostra Costituzione, utili proprio a ristabilire «un fondamentale principio di legalità che oggi viene violato in modi palesi e clamorosi». Leggi il resto di questa voce

PIPPO CIVATI «LA LEGALITÀ STA CON LA CIVILTÀ. MA MATTEO SOSTIENE LETTA?»

giuseppe-civatiOSVALDO SABATO

L’unità, 14 ottobre 2013

È un errore. Matteo Renzi nel lanciare la sua candidatura a segretario nazionale del Pd lo dice chiaramente: sbagliato parlare di amnistia e indulto. Aprendo così un conflitto con il Quirinale. «Lui dice di più, dice che questo concetto va rifiutato perché sarebbe una deroga alla legalità» commenta Pippo Civati, uno dei suoi competitor alla leadership dei democratici. «Io vorrei ricordare a Renzi che il principio di legalità sta insieme a quello di civiltà, anzi lo precede. Per cui non è immaginabile che ci siano delle condizioni carcerarie che sono ritenute al di sotto della soglia civile» aggiunge. Per Civati è questo il punto di partenza «da cui non esulare mai». Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: DIAMO IL NOME DEI NOSTRI SOGNI ALL’ITALIA E IL PD CAMBIERÀ VERSO A QUESTO PAESE

INTERVISTA A PIPPO CIVATI

giuseppe-civatiVladimiro Frulletti

L’Unità, 10 ottobre 2013

È pronto a votare la fiducia a Letta se così deciderà il congresso. Ma non per questo Pippo Civati  abbandona le sue critiche alle larghe intese, ribadendo che la via d’uscita è il veloce ritorno al voto con un Pd che riallacci il dialogo con Sel e presti attenzione ai 5Stelle. Leggi il resto di questa voce

SINISTRA: SMETTETE DI RIMPIANGERE IL PASSATO

di MICHELE SERRA, La Repubblica. 16 luglio 2013

Se dire “qualcosa di sinistra” fosse così facile, in molti l’avrebbero già detta, questa cosa. O per ruolo politico o per dovere intellettuale o anche solo per fare bella figura. Ma così non è stato, specie negli ultimi anni; tanto da far sospettare (i più sospettosi) che la sinistra abbia trascurato apposta i suoi doveri e i suoi compiti, pur sapendo bene quali fossero, per viltà o per opportunismo; o da far temere (i più timorosi) che la sinistra abbia esaurito strada facendo la sua funzione storica, e taccia, dunque, non per calcolo ma per inettitudine. Per totale smarrimento. Sono abbastanza vecchio di questi luoghi – la sinistra, le sue persone, le sue parole, i suoi giornali, i suoi interminabili dibattiti – da poter azzardare un’ipotesi un poco (solo un poco) più precisa. Leggi il resto di questa voce

MATTEO RENZI: «CON ME SEGRETARIO DEL PD LETTA SARÀ PIÙ FORTE»

Renzi_20130915MASSIMO GRAMELLINI, La Stampa 6 ottobre 2013

Ero andato a Firenze per capire se si può comprare un’auto usata da Matteo Renzi e ho scoperto che va in bici. Ci sta seduto sopra, nel cortile di Palazzo Vecchio. «Pedala, altrimenti cadi», gli grida qualcuno, facendo il verso alla sua famosa battuta su Letta. Il ciclista abbassa il cavalletto e scende. È una pila atomica. Attraversa piazza della Signoria, stringe mani di turisti, saluta in inglese gli americani, accenna un inchino ai giapponesi, raccoglie cartacce dal selciato e le va a buttare nel cassonetto. A tavola rinuncia al vino e solleva la camicia per mostrare un preludio di pancetta. “81 chili. Da qui ai quarant’anni voglio scendere a 75. Mi sono dato un anno e mezzo di tempo”. Forse non solo per dimagrire.   Leggi il resto di questa voce

GIANNI CUPERLO: «ORA IL CONGRESSO PUÒ PREPARARE IL CANTIERE PER L’ALTERNATIVA»

Gianni-Cuperlo_02MARIA ZEGARELLI, l’Unità 3 ottobre 2013

Gianni Cuperlo, candidato alla segreteria Pd, parla di una «frattura senza ritorno» che si è consumata ieri nel Pdl. Nulla sarà mai più come prima, anche se l’ evoluzione di questo strappo non è ancora completamente scritta. Secondo il parlamentare Pd è Silvio Berlusconi il grande sconfitto di questa ennesima giornata scandita dai colpi di teatro di un partito al cui interno è successo tutto e il contrario di tutto. Leggi il resto di questa voce

VERSO I CONGRESSI DEL PARTITO DEMOCRATICO

PD_BUCCINASCO_Congresso_bGuido Morano

Le clamorose giravolte di Silvio Berlusconi al Senato hanno segnato certamente la fine della sua autorevolezza politica, se non la sua fine politica tout court. La spaccatura del Pdl a proposito della linea politica appare evidente, al di là dell’unanime solidarietà verso l’excapo espressa sostenendo la menzogna dell’attentato alla democrazia per via giudiziaria. La vittoria politica del Pd e di Enrico Letta è nettissima e indiscutibile. A questo punto noi democratici possiamo aprire con tranquillità il percorso del Congresso.

La riunione della Direzione nazionale del Partito Democratico di venerdì 27 settembre ha approvato le regole. Le tappe essenziali del percorso congressuale sono le seguenti.

1) Entro le ore 20.00 del giorno 11 ottobre 2013 dovranno essere presentate le candidature a Segretario nazionale. Leggi il resto di questa voce

CONGRESSO PD: LA DIREZIONE APPROVA LE REGOLE. PRIMARIE L’8 DICEMBRE

PD_BUCCINASCO_Congresso_b(AGI) – Roma, 27 settembre 2013, 15:15

La direzione del Pd ha approvato le regole per il congresso del partito. Il testo ha ottenuto la quasi unanimità, con un solo astenuto. Resta confermato l’8 dicembre per primarie del Pd. Entro il 6 novembre si terranno i congressi provinciali e di circolo, poi si partirà con la fase nazionale. La convenzione nazionale si terrà il 24 novembre, mentre dal 25 presenteranno le liste. Prevista una sola lista per ciascun candidato.

L’unico astenuto durante la votazione, a differenza di quanto appreso in un primo momento, non è Nico Stumpo. Si tratterebbe, a quanto riferito da diversi presenti, di Graziano Milia, presidente della Provincia di Cagliari. Leggi il resto di questa voce

PANORAMA INTERVISTA A GIANNI CUPERLO

Gianni-Cuperlo_02di Carlo Puca, Panorama, 26 settembre 2013

Dalemiani, veltroniani, lettiani, bindiani e altri ancora: la grande novità della sua candidatura a segretario del Pd è che ora esistono pure i cuperliani. «Per carità, non vorrei mai stare in una corrente che mi adottasse come leader».

Questa è una citazione di Marx. Groucho, naturalmente, non Karl. «Esatto. Un genio assoluto, Groucho». Leggi il resto di questa voce

PD. I SOSPETTI DEI QUARANTENNI: 
UNA TRAMA BERSANI-LETTA

CARLO BERTINI, La Stampa, 22 settembre 2013

Se in quel di Firenze la convinzione prevalente è che dietro il tentativo di far slittare il congresso «c’è stato un chiaro intervento di Letta», a Roma, sul marciapiede della Conciliazione, si consumano i sospetti ed emerge una sola unità d’intenti: quella dell’asse generazionale delle truppe pro Renzi-Cuperlo contro la vecchia guardia. Un giovane delegato fa notare come «stranamente stavolta non sono arrivate tutte le telefonate di rito per le convocazioni a Roma» e i principali indiziati sono quelli che ancora hanno le leve del partito. Leggi il resto di questa voce

I SABOTAGGI INACCETTABILI DEGLI OLIGARCHI DEL PD

PD_BUCCINASCO_Congresso_bDavid Arboit

Gianni Pittella inizia il suo intervento e dice «Anche io sono d’accordo con Cuperlo che le regole non sono il fine ma sono il mezzo» ma ci abbiamo messo quattro mesi di discussioni per arrivare a un testo condiviso, per arrivare «al traguardo. Avremmo impiegato meglio questi quattro mesi a discutere di politica. Ora ci sono, la telenovela è finita.» Lo interrompe la presidenza e dice «vedo che c’è un certo movimento in sala. Ricordo che dopo gli interventi di Pittella e Civati noi dobbiamo votare. Chiedo ai delegati di non andarsene, c’è bisogno di una maggioranza qualificata». Ma loro se ne vanno. Episodio marginale, ma cruciale, simbolo perfetto della più grossa e deleteria tara del PD. Chi sono quelli che se ne vanno? Sono i famosi 101? O forse non sono 101, sono di più, Leggi il resto di questa voce