Archivi Blog

MATERNA DON STEFANO BIANCHI: USCIRE DALLE POSIZIONI IDEOLOGICHE

di Giambattista Maiorano

Ho letto e apprezzato molto quanto ha scritto Barbara Massa a proposito di quanto accaduto durante la seduta della Commissione Servizi alla Persona dello scorso 28 febbraio. Se un appunto mi sento garbatamente di rivolgerle è quello dell’impropria distinzione tra scuola statale e scuola privata paritaria con riferimento alla loro funzione pubblica. Il sistema scolastico è costituzionalmente integrato e sotto questo profilo tanto l’una quanto l’altra godono della stessa qualifica pubblica. Leggi il resto di questa voce

Annunci

IL DIRITTO DI SCELTA

BarbaraMassa[ di Barbara Massa ]

L’acceso incontro dell’altra sera, tra Amministrazione Comunale e Comitato Genitori della Scuola Parrocchiale mi ha stimolato diverse riflessioni e lasciato sospeso nella testa un progetto.

Dopo aver superato un primo momento di reale imbarazzo per i toni concitati e a tratti violenti, che hanno accompagnato l’intera seduta, mi sono resa conto di essere letteralmente circondata da genitori della Scuola Parrocchiale. Ce ne erano ovunque: a destra, sinistra, davanti e dietro (dietro ne avevo un che mi faceva “paurissima”).  Ero letteralmente circondata.

Mi viene freddo, prendo la giacca e me la metto come copertina. Mi accorgo che l’intento è quello di nascondermi.  Che ci faccio io qui?  Poi, guardo Paola, alla mia destra, unico altro genitore di scuola pubblica presente, e mi dico che in fondo non sono sola …però la giacca non me la tolgo da addosso. Leggi il resto di questa voce

TUTTI DICONO CHE LA SCUOLA E’ IMPORTANTE. NON HO MAI SENTITO NESSUNO DIRE IL CONTRARIO…

barbara_massa

[ di Barbara Massa ]

Il prossimo week end andremo a votare.

Ecco la prima considerazione la vorrei fare partendo da qui. Dove andremo a votare? Andremo nelle scuole.
E in quali scuole?
Quelle pubbliche.
Mio figlio Leonardo, 9 anni rimarrà a casa 5 giorni di cui tre lavorativi! TRE GIORNI LAVORATIVI! Cosa vuole dire lasciare a casa un bambino di 9 anni 3 giorni? Ve lo dico io: vuole dire rivoluzionare la vita di migliaia di famiglie (genitori, nonni, esborsi per baby sitter, giorni di ferie e mille altre acrobazie), vuole dire considerare il tempo scuola qualche cosa di secondario, secondari i tempi che si sono dati gli insegnati, secondario il calendario scolastico che si era stabilito l’anno precedente…. Insomma tutto secondario.
E quando entriamo nelle nostre scuole, guardiamole. Leggi il resto di questa voce