Archivio mensile:gennaio 2018

LA GRANDE RIFORMA DEL TERZO SETTORE AVVIATA NEL 2016 VERRÀ COMPLETATA NEL FEBBRAIO 2019

di David Arboit

La grande riforma del Terzo Settore è stata avvia nel giugno del 2016 con l’approvazione della legge “Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale” (clicca qui). Il Governo ha voluto mettere ordine in un sistema assai complesso che comprende 300 mila associazioni, 1 milione di lavoratori e 4 milioni di volontari. Garantire uno sviluppo corretto di questo grande ambito sociale ed economico è l’obiettivo della riforma. Leggi il resto di questa voce

Annunci

REDDITO DI INCLUSIONE: LA PRIMA MISURA VARATA IN ITALIA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ

di David Arboit

Fino al 2017 l’Italia, assieme alla Grecia, era l’unico Paese in Europa a non avere alcun tipo di legislazione che prevedesse un sostegno al reddito per chi vive in povertà. La soluzione del problema di prevedere un eventuale sostegno al reddito di chi viveva in povertà gravava tutto sulle spalle degli enti locali. Dal 1 dicembre 2017 è operativo il Reddito di inclusione, REI, approvato dal governo con la Legge Delega n. 33 del 15 marzo 2017. Leggi il resto di questa voce

GIORNATA DELLA MEMORIA 2018, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DICE NO AL MITO DEL FASCISMO BUONO

di David Arboit

Non è stato in discorso rituale quello del Presidente della Repubblica. È stata una ammissione chiara delle gravi colpe di cui si è macchiato il nostro Paese. Il Presidente demolisce definitivamente con chiarezza il mito degli “italiani brava gente” che già aveva scricchiolato parecchio quando fu scoperto il famoso “armadio della vergogna” (clicca qui per il discorso integrale di Mattarella). Leggi il resto di questa voce

CONFERENZA DEI VESCOVI ITALIANI: LA CHIESA «NON È UN PARTITO E NON STRINGE ACCORDI CON ALCUN SOGGETTO POLITICO»

di David Arboit

Il presidente della CEI Gualtiero Bassetti ha aperto con la sua prolusione (clicca qui il discorso integrale) la sessione invernale del Consiglio permanente dei Vescovi italiani soffermandosi sui temi di maggiore attualità. Si espresso anche sulla situazione politica italiana e sulle imminenti elezioni precisando che la Chiesa «non è un partito e non stringe accordi con alcun soggetto politico». La Chiesa ha come obiettivi il dialogo con tutti e lo sviluppo integrale dell’uomo, due propositi che «costituiscono il nostro orizzonte di riferimento». E per favorire lo sviluppo integrale dell’uomo che fare? Leggi il resto di questa voce

WELFARE: DAL “PREMIO ALLA NASCITA” ALLO SMART WORKING, TUTTE LE MISURE ATTUATE DAI GOVERNI DI CENTROSINISTRA PER LE FAMIGLIE

di David Arboit

In Italia, soprattutto in certe aree politico sociali sedicenti cristiane cattoliche (magari quelle che poi se il Papa parla di accoglienza dei migranti dicono che si sbaglia) la parola famiglia impazza alla grande. E c’è sempre qualcuno che punta il dito soprattutto contro la sinistra per dire che la sinistra non la difende la famiglia. Facciamo allora un po’ di fact checking, come dicono gli inglesi, cioè di riscontro tra le parole e le cose, di verifica dei fatti. Leggi il resto di questa voce

RESTO AL SUD. VIA ALL’INCENTIVO PER I GIOVANI MERIDIONALI DAI 18 AI 35 ANNI: VALE 1,25 MILIARDI DI EURO

di David Arboit

La disoccupazione giovanile è uno dei grossi problemi dell’Italia, in particolare nelle regioni meridionali. Che fare? Una soluzione c’è. Non è una proposta è un fatto. È il programma “Resto al sud” varato dal governo Gentiloni. Dal 15 gennaio 2018 è possibile per i giovani tra i 18 e i 35 anni presentare una domanda per ottenere dallo Stato i finanziamenti per avviare un progetto imprenditoriale nell’Italia meridionale (clicca qui). Leggi il resto di questa voce

ELEZIONI ITALIANE: I GIUDIZI DI CHI CI GUARDA DALL’ESTERO

di David Arboit

Le elezioni italiane non sono fonte di preoccupazione nei Paesi della Unione Europea, anche se qualche dubbio c’è. Coi dubbi ha iniziato Pierre Moscovici, Commissario europeo per gli affari economici e monetari: «Il voto italiano è un rischio politico per l’Unione Europea». Si è aggiunto poi Jyrki Katainen Commissario europeo per il lavoro e la crescita economica: «Spero che l’Italia sia guidata da un governo stabile e pro europeo». Silenzio e indifferenza sembrano comunque prevalere (clicca qui). Stanno in silenzio, e probabilmente lavorano sotto traccia, quelli che invece pensano all’opposto dei due precedenti. Che cosa pensano questi ultimi? Leggi il resto di questa voce

IL NEW DEAL DEL GOVERNO GENTILONI: UNO STRAORDINARIO PIANO DECENNALE DI LAVORI PUBBLICI

di David Arboit

108 miliardi di investimento in dieci anni con un Piano industriale 2017-2026. È il frutto di una decisione del Governo Gentiloni formalizzata nell’articolo 49 del Decreto legge n. 50 del 24 aprile del 2017, ma che era già stata progettata nel settembre del 2016. «Parliamo di diverse decine di miliardi – sottolinea il Ministro dei trasporti Graziano Delrio – per infrastrutture e la rete di connessione: una enorme mole di risorse pari a poco più di 100 miliardi di euro in dieci anni. Un vero piano keynesiano» (clicca qui). Leggi il resto di questa voce

GOVERNARE LA SICUREZZA E L’IMMIGRAZIONE: IL LAVORO DI MARCO MINNITI

di David Arboit

In Italia, in Europa, negli Stati Uniti, in tutto il mondo, il tema immigrazione collegato al tema sicurezza tiene banco nel dibattito politico. In Italia e in Europa è da tre anni almeno che è diventato tema continuo di polemica e strumentalizzazione politica. Le posizioni ideologiche e le strumentalizzazioni politiche sembrano rendere impossibile un ragionamento serio e razionale sulla questione. Quando se ne parla sembra sempre che prendano il sopravvento la reazione istintiva e il sentimento. La testa si annebbia e si pensa e si parla con la pancia, prevale la propaganda. Il comportamento dell’ex sindaco di Varese Attilio Fontana lo conferma. Che fare? Leggi il resto di questa voce

IGNORANZA: ATTILIO FONTANA E LA LEGA NON SANNO CHE LA RAZZA NON ESISTE

di David Arboit

Pensavamo di avere definitivamente archiviato il problema della razza con la Resistenza e la sconfitta del fascismo. E invece ecco che ricompare. Anzi, ricompaiono insieme in questi ultimi mesi sia il fascismo sia il problema della razza: un caso? Una coincidenza? La maschera del “leghismo in doppio petto” l’ha gettata ieri l’ex Sindaco di Varese Attilio Fontana (Clicca qui 1) (Clicca qui 2). Leggi il resto di questa voce

CAMPAGNA ELETTORALE 2018: PRIMA DI ENTRARE NEL VIVO

di Giambattista Maiorano

Di campagne elettorali ne ho viste tante. Quasi tutte vissute con partecipazione consapevole. Ho sofferto negli anni la graduale riduzione della partecipazione popolare. Il distacco tra “politica” e pubblica opinione è divenuto sempre più marcato. Si è drasticamente ridotta la capacità di ascolto mentre si dileguava la ricerca di un confronto che potesse rendere ragione delle reciproche opinioni. È così aumentata a dismisura la voglia del monologo e dell’autoreferenzialità con eccesso di personalizzazione e il desiderio spasmodico di puntare l’indice verso altri con a corredo l’insulto, la volgarità, la pretesa del possesso della verità esclusiva. Leggi il resto di questa voce

BOOM DI CONTRATTI A TERMINE: RECORD IN ITALIA CON OTRE 23 MILIONI DI CCCUPATI

di David Arboit

Propaganda elettorale del PD a favore del Governo di Centrosinistra? No, dati ISTAT. Il numero di occupati è superiore al picco pre-crisi del 2008, cioè da quando si misurano le serie storiche, cioè a partire dal 1977. In Italia non abbiamo mai avuto 23.183.000 occupati. Va tutto bene? No, però è evidente che si è cambiato verso, che sta andando meglio (clicca qui 1clicca qui 2). Chi discute solo della qualità di questi posti di lavoro dimentica da dove veniamo: una crisi epocale durissima. Leggi il resto di questa voce

SCONFITTA DEI GUFI: GLI ITALIANI SPENDONO E RISPARMIANO DI PIÙ. SCENDE LA PRESSIONE FISCALE, AUMENTANO INVESTIMENTI E CONSUMI

di David Arboit

I gufi avrebbero voluto che alla vigilia della tornata elettorale tutto funzionasse male, in particolare l’economia, in modo che la rabbia e la paura potessero diventare i principali criteri di orientamento degli elettori. E invece accade che la congiuntura economica, sostenuta anche dalle iniziative dei Governi di Centrosinistra, ci mostra che l’Italia nel 2017 è uscita dal tunnel. E siccome è così, i partiti saranno costretti a misurarsi sulle ricette per fare funzionare meglio il motore dell’economia. Che tragedia per chi è capace solo di alimentare con una marea di chiacchiere la rabbia, le paure, il rancore, l’odio perché non è capace di proporre progetti fattibili. Ma leggiamo insieme i dati. Leggi il resto di questa voce