SINDACO MAIORANO: “AVANTI INSIEME”

L’esito non ha tradito le attese. Il risultato è chiaro: il centrosinistra (Partito Democratico – Lista Civica Noi di Buccinasco) si è affermato al primo turno con oltre 4 punti di distacco dal centrodestra. Rino Pruiti versus Nicolò Licata. Basterà tra due settimane? Quali le condizioni per la riconferma nella linea della continuità amministrativa?

Non è solo questione di tattica e di strategia. E’ vitale, per qualsiasi realtà locale, non interrompere ad ogni ciclo un’azione che necessità di più anni per dispiegare i suoi effetti. Il giudizio emerso dal voto ci da la convinzione che si potrà andare avanti affidandosi a soggetti che hanno goduto della stima e della considerazione di una fetta notevole di elettori.

Diversi tuttavia possono essere gli ostacoli sul tragitto ad iniziare dalla sottovalutazione dell’avversario o dalla voglia di strafare. Spetterà al candidato sindaco Pruiti e non di meno al Partito Democratico, per la dimensione della sua crescita, dimostrare responsabilità e coerenza di atteggiamento.

L’invito cordiale che mi sento di fare in queste ultime giornate da sindaco è quello di essere capaci di parlare a tutta la città che sono convinto non desidera interrompere il cammino intrapreso pur in mezzo a tante difficoltà, mettersi con essa in sintonia, non attardarsi in inutili quanto logoranti polemiche con chi è uscito dal campo, concentrarsi nel rilevare le incongruità dell’avversario da battere. Non sono poche. Proprio nella stessa giornata delle votazioni ce ne hanno presentate alcune che dicono da sole l’inaffidabilità di personaggi che, c’è da scommettere, Buccinasco vorrà respingere per non rivivere esperienze negative e laceranti.

Sono fatti purtroppo e non invenzioni per distrarre l’attenzione. E’ un fatto, per esempio, la scheda fotografata all’interno dell’urna e gioiosamente comparsa su facebook domenica mattina con tanto di ringraziamenti ai “Veri Amici” da parte di Gigi Iocca con il chiaro invito a moltiplicare le preferenze a suo favore. Questa volta non è andata bene come al solito, né a lui né al suo partito. E’ un segno dei tempi.

Forse qualcosa sta cambiando negli atteggiamenti dell’elettorato che giustamente punisce chi pensa di trattarlo come minus habens felice di masticare caramelle avariate. E’ un fatto che il suo candidato sindaco, quel Nicolò Licata, che, informato dell’accaduto, rilascia dichiarazioni ai giornalisti come se il soggetto non fosse a lui del tutto integrato e socio di maggioranza della sua compagnia. “Ciascuno risponde per sé”, questa la sua ilare risposta dismettendo i panni di chi ha il dovere di vigilare oltre a rappresentare le anime posticce di una pur sgangherata coalizione. E’ più o meno lo stesso atteggiamento, anche questo è un fatto, che Nicolò Licata ha manifestato di fronte al messaggio comparso sempre in facebook alle 22,03 del’11 ottobre scorso. Autore lo stesso vate di Forza Italia di Buccinasco, che manifestava solidarietà a Peppa (Sara) Papalia a fronte della chiusura del Bar Ritual disposta da un’ordinanza comunale su precisa “informativa riservata” indirizzata al sindaco della sua città dalla Prefettura di Milano a circa sette mesi dalla richiesta ufficiale. Notizie di legami per nulla edificanti e niente affatto basate, questo veniva affermato dall’interessata, sul pregiudizio dell’Amministrazione nei confronti di una persona incensurata cui si voleva togliere ogni possibilità di lavoro solo perché figlia di ….

Da un consigliere comunale ci si attenderebbe altro e da un ex maresciallo, probabilmente confuso (non posso credere in una sorta di indifferenza di chi per una vita ha indossato una così prestigiosa divisa) una reazione di fastidio ed una decisa presa di distanza da atteggiamenti tanto improvvidi quanto goliardici. Mi lascia perplesso quel modo un po’ troppo compagnone che rischia di finire con una quasi pacca sulle spalle e un lasciar passare come se nulla fosse. La legalità non concede indulgenze in particolare da chi, non per hobby ma per scelta di vita, considera incompatibili atteggiamenti di sì fatta natura.

In politica non si può giocare con l’ingenuità mista a pressapochismo. Il passato anche recente ce lo insegna. Loris Cereda non è andato incoscientemente a sbattere; è stato abilmente accompagnato. Prima ancora di lui, Guido Lanati non è caduto per caso, ma per interessi contrapposti e trappole disseminate da giovanissimi competitor che pur ufficialmente si spellavano le mani per i tanti applausi al comandante di turno. Cambiano i tempi, ma loro ci sono sempre in grande spolvero ed azionisti di maggioranza. Vista l’esperienza, c’è ancora chi vuole scommettere? Una volta si diceva: sbagliare è umano, perseverare è diabolico! Valeva prima. Vale tutt’ora, nonostante la buona fede che va accreditata al candidato Nicolò Licata.

Giambattista Maiorano

Annunci

Pubblicato il 13 giugno 2017, in AMMINISTRATIVE 2017, BUCCINASCO, POLITICA LOCALE con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: