RIFORMA COSTITUZIONALE: LE ORIGINI DEL PROGETTO DI RIFORMA E LE CONSEGUENZE NEGATIVE DI UN NO ALLA RIFORMA

 

di David Arboit

È storicamente necessaria una riforma dell’ordinamento dello Stato? Certamente sì sostiene Luciano Violante nella conferenza tenuta al Centro Culturale Milanese il 24 ottobre 2016. Per comprendere il senso della riforma e gli obiettivi che si pone è importante fare una riflessione seria sulla storia del nostro Paese. Solo guardando al passato e interpretandolo correttamente si può progettare il futuro.

Come deve essere riformata la Costituzione? Usciti dall’età della cosiddetta “guerra fredda” siamo entrati nell’età della globalizzazione, che è soprattutto competizione economica in un mercato mondializzato. È quindi diventato indispensabile riformare l’ordinamento dello Stato per garantire all’Italia sia la stabilità di governo sia una rapidità decisionale, due fattori indispensabili per competere sul mercato mondiale. In un articolo uscito ieri sul quotidiano “Corriere della Sera” Luciano Violante dimostra il valore reale della riforma utilizzando un interessante stratagemma dimostrativo (clicca qui).

Annunci

Pubblicato il 27 novembre 2016 su POLITICA NAZIONALE, REFERENDUM COSTITUZIONALE. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: