RAGGI ABBAGLIANTI. LE RESPONSABILITÀ DEI MEDIA

vota miraggi

di Luigi Di Gregorio (Professore aggregato di Scienza Politica all’Università della Tuscia), http://www.glistatigenerali.com, 7 giugno 2016

I mezzi di comunicazione di massa producono un sacco di danni alla politica. La cosiddetta media logic – ossia, in sintesi, la necessità che i mass media hanno di stare sul mercato, “vendendoci” le notizie – spinge giornali e tv a trasformare ogni avvenimento e ogni settore della società in un mix di sensazionalismo, personalizzazione, banalizzazione, voyeurismo, gossip. In una parola: spettacolo. Come diceva Guy Debord, nulla sfugge dalla logica dello spettacolo, è come un blob che avanza e si mangia tutto. Se non ci si adegua a quella logica, semplicemente non si vende alcuna informazione. Perché non intrattiene e nessuno la “compra”.

La politica non è per niente indenne da questa logica, anzi ne è la prima vittima sacrificale.

Sono spariti i programmi, le politiche pubbliche, le aree culturali, le idee, i partiti, a tutto vantaggio di storie individuali, “immagini dei candidati”, profili più o meno veritieri di singoli “eroi” chiamati a sobbarcarsi imprese sempre più impossibili. Con campagne elettorali incentrate su gravidanze, curriculum, Ferrari, pettegolezzi, retroscena, ecc.. E niente altro, questo è il problema…

Questa deriva ha trasformato completamente la percezione della politica agli occhi dei cittadini, buona parte dei quali ritiene che un singolo può governare qualunque cosa, praticamente da solo, pur non avendo idea di ciò che sta per governare. La complessità è sparita, le competenze pure. Tutti possono fare tutto, basta che siano onesti (il che peraltro è semplice da dimostrare, quando non hai mai governato nulla…).

Tempo fa scrissi questo pezzo sottolineando quanto fossi rimasto colpito dal fatto che nel M5S ci fossero ben 209 persone convinte di poter fare il sindaco di Roma, mentre i partiti “tradizionali” faticavano a trovare candidati.

Perché oltre 200 cittadini romani si candidano con un videoclip alla carica di massimo cittadino della capitale? Semplice, perché non hanno idea di quello che stanno facendo.E non avendo idea, si sentono in grado di farlo.

E perché ci si dovrebbe lanciare in un’impresa del tutto ignota con tanta leggerezza? Perché la politica ormai passa per una cosa alla portata di tutti. La ragione per cui “gli altri” hanno fallito è “solo” la loro disonestà. Se io sono moralmente granitico, anche se non ho idea di cosa sia la politica e l’amministrazione, sono serenamente in grado di guidare l’amministrazione più complessa e messa male d’Italia…

Ieri, a Piazza Pulita, Formigli, Berlinguer, Mieli e Sgarbi si interrogavano sulla capacità di Virginia Raggi di governare Roma. Uno di loro, addirittura, ha detto: “se riesce a mettere a posto le buche e a migliorare il traffico, è fatta”. Ecco, questo è il messaggio che passa e che fa danni incredibili. Se gli opinion leader, le “autorità cognitive”, ci dicono in tv che basta fare due cose “semplici” per governare bene Roma, noi ci convinciamo del fatto che tutti i predecessori siano stati degli inetti totali, oltre che ladri (ovviamente). E che dunque basta una “brava ragazza” che arriva e risolve tutti i problemi con la bacchetta magica e una dose massiccia di buona volontà.

Diamo qualche numero su Roma:

– oltre 1200 km quadrati di superficie, pari a 8 volte Milano e alla somma delle superfici delle prime 9 città italiane per abitanti. Il territorio amministrato dal Sindaco di Roma è pari alla somma delle superfici di Milano, Torino, Napoli, Palermo, Genova, Firenze, Bologna, Venezia e Catania.

– Circa 6000 km di strade: da Roma alla Groenlandia, per capirci.

– Un bilancio di circa 7 miliardi di euro (e di circa 3 mila pagine…).

– Un debito residuo ancora oggi pari a oltre 13 miliardi.

– 23 mila dipendenti; circa 55 mila considerando anche le aziende municipalizzate.

– 15 Municipi, 23 Dipartimenti, 6 strutture di supporto agli organi politici.

– Un numero di centri di costo imprecisato, nessuno è riuscito a quantificarli….in ogni caso nell’ordine delle centinaia.

– Circa 20 mila provvedimenti amministrativi all’anno, tra delibere, determine dirigenziali e ordinanze sindacali.

Potrei andare avanti, ma mi fermo qui. Aggiungo solo una mia notazione personale. Quando dirigevo il Dipartimento di comunicazione istituzionale di Roma Capitale “viaggiavo” a 100 telefonate in entrata al giorno e circa 400 mail. Nessuna delle quali era per salutarmi o per chiedermi “Ciao, come stai?”… Immaginate cosa arriva alla segreteria del Sindaco.

Ora, torniamo alla domanda di Formigli. Può farcela Virginia Raggi a governare Roma meglio degli altri? Ecco, questa domanda è semplicemente insensata. La domanda sensata dovrebbe essere: è in grado Virginia Raggi di mettere in piedi una squadra super competente, che conosca perfettamente la città, i suoi diversi territori, gli stakeholders principali, la macchina amministrativa e le sue municipalizzate? Ed è in grado di portare avanti a livello nazionale una discussione seria sulla governance di Roma? O, in alternativa, di ottenere risorse abbondanti da Governo e Regione Lazio per provare a mettere qualche toppa ai tanti problemi strutturali di questa città?

Invece, niente. Le “squadre” non esistono più nell’era della personalizzazione: è tutta una questione individuale. Come non esiste la complessità: tutto semplice, basta riempire qualche buca… (per le quali servirebbero 4-500 milioni l’anno, particolare che “sfugge” a tutti).

Dove ci porta questa logica? Mi pare abbastanza evidente. Ci porta a tritare e a consumare come caramelle tutti gli “eroi” individuali possibili e immaginabili. Ognuno è costretto a sobbarcarsi “mari e monti” per essere eletto e poi paga l’onere di dover affrontare individualmente anche ogni responsabilità, dagli scontrini alle multe, fino alle vicende più grandi e complesse. E nessuno può uscire indenne. Neanche Mandrake può governare Roma da solo.

Alle condizioni attuali, il Sindaco di Roma è l’incarico pubblico più difficile in Italia e sul quale vi è il carico di aspettative più alto in assoluto. Servirebbe un dream team e probabilmente non basterebbe. Una squadra iperlegittimata, in grado di dialogare con autorevolezza con tutti i settori della città, con gli stakeholders più importanti, capace di trasformare un’amministrazione affaticata e “impaurita” in un’azienda virtuosa ed efficiente e in grado di impostare una riforma della legge su Roma Capitale dialogando con le istituzioni statali. Una squadra con una vision della città, che dia un senso alla Roma contemporanea, al suo ruolo nella “megalopoli globale”: una vera e propria metamorfosi culturale e strategica.

Insomma, mai come oggi Roma avrebbe bisogno di una classe dirigente super e di un appoggio incondizionato delle altre istituzioni nazionali.

Quello che vedo, invece, come probabile maggioranza tra due settimane, è un gruppetto di ragazzi di buona volontà senza competenze specifiche che ritengono gli stakeholders solo lobbies e “poteri forti” da evitare come la peste, vedono l’amministrazione come un covo di potenziali corrotti da far ruotare come trottole per evitare le tentazioni, e possiedono una vision della città che ha prodotto pannolini lavabili e baratto come magiche soluzioni di lungo periodo. Inutile dire poi come sarebbe il rapporto col governo nazionale e con la Regione Lazio, data l’innata ritrosia del M5S a “trattare” con chiunque faccia parte dei “vecchi partiti” (le parole più usate da Virginia Raggi in tutta la campagna elettorale).

Ecco, non credo sia questa la classe dirigente super di cui abbiamo bisogno. Ma d’altronde, se “a Roma basta riempire qualche buca per fare il Sindaco”…è quella che ci meritiamo ed è quella che vince grazie alla deformazione della realtà impressa dalla banalizzazione mediatica.

La “realtà mediaticamente determinata” che viviamo quotidianamente ci riempie di illusioni ottiche. Una vera e propria malattia autodegenerativa per il sistema. Per ora questa dinamica folle ha “solo” ucciso la politica di professione. Fra breve ucciderà anche gli outsider civici (i tecnici li ha già fatti fuori). Resta solo da capire quanto ci metterà a distruggere il sistema-paese e l’intera comunità politica.

Annunci

Pubblicato il 10 giugno 2016 su AMMINISTRAZIONE COMUNE, POLITICA LOCALE, POLITICA NAZIONALE. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 7 commenti.

  1. E’ dura per voi piddini accettare la realtà……invece di sprecare 200 righe potevate dire che con voi Roma era sicuramente governata meglio…….con una vera squadra in grado di dialogare con autorevolezza con tutti i settori della città…..in quattro parole…. che MAFIA CAPITALE era meglio……

    • Complimenti a Roberto per la concisione e la efficacia.
      Bello quel riferimento alla “autorevolezza”…!

      Mi hai battuto per 4 righe a 38!
      Franco

      • Roberto, a Roma il PD ha fallito e ha fallito con Ignazio Marino, una persona che incarnava in fondo lo stile e le intenzioni politiche che oggi incarna la Raggi. Non sono in grado di dare giudizi non superficiali sulla Giunta Marino. Il Comune di Roma, inteso come sistema burocratico è un tritacarne. Ho letto le 700 pagine della Relazione prefettizia su Roma capitale, e nel periodo di Natale ho fatto delle sintesi che ho pubblicato su questo blog. Soluzioni? Sono scettico su qualunque soluzione. Penso che in ogni caso Giachetti possa fare meglio di Raggi, perché il PD ha più risorse umane di M5S.

  2. Cari lettori, ed elettori

    vorrei dare un suggerimento:
    Copiare il testo di Luigi De Gregorio in world
    Selezionare “sostituisci”
    Al posto di “Raggi” mettere “Renzi”
    Al posto di “Sindaco” o “Sindaco di Roma” mettere “Presidente del Consiglio”

    Salvare e rileggere.

    Perché ho l’impressione che il testo funzioni ancora molto bene?

    A parte le battute (ma è un gioco che invito a fare prendendo come base certa pubblicità elettorale) cosa vuole dire il sito del PD di Buccinasco pubblicando questo articolo?

    Che occorrerebbe formazione degli eletti e degli elettori?
    Siamo d’accordo.

    Ma sono anni che il PD (e gli altri partiti) candidano sportivi, attori, bei ragazzi e belle ragazze, giovani e donne, con belle foto sui manifesti, e poche parole sulle loro capacità, esperienze, conoscenze.

    Ieri ho ricevuto da un candidato PD al Comune di Milano l’invito a votare Sala al ballottaggio perché così ci sarebbero più donne in Consiglio comunale.
    Al mio interlocutore, di cui non faccio il nome per carità di patria, non è venuto in mente di scrivere che i Consiglieri Comunali che entrerebbero a Palazzo Marino con Sala sono più preparati, onesti, capaci di quelli che sarebbero eletti nel caso vincesse invece Parisi.

    NO!
    Mi consiglia di votare (far votare) Sala perché così ci sarebbero più donne nella assemblea!

    E’ anche questa la proposta del PD di Buccinasco?

    Nei regolamenti del PD (lo so per averne fatto parte) è scritto che uomini e donne devono essere in pari numero negli organi dirigenti.

    NON si parla di capacità, onesta, preparazione.

    Non è possibile che ci siano, che so 6 donne e 0 uomini eletti in un direttivo perché ci sono 6 candidate migliori dei candidati maschi. NON SIA MAI ! E’ IMPOSSIBILE!

    Quindi, se la candidata Raggi sarà eletta, la mia preoccupazione non è solo che sia brava almeno come “Alemanno” (che esempio avete preso!) ma che abbia un team forte, capace ed onesto che la affianchi.

    E poco interesserà ai romani se saranno uomini o donne, belli o brutti.

    Ma invece che la Amministrazione funzioni meglio di quando erano “gli esperti” al comando!

    Scusate per la lunghezza, ma so che in questo blog è tollerata…

    Franco Gatti

  3. Vedremo a breve se vincerà la Raggi. Vedremo poi se la sua squadra sarà costruita sulla competenza o sugli “eroi giovani e belli”. E nel giro di qualche anno tireremo le somme.

    La cosa interessante di questo articolo, però, non è tanto l’aspetto da campagna elettorale, che io ho voluto introdurre, e non mi pare fosse nelle intenzioni del prof autore. Quanto piuttosto l’osservazione che se è vero che i politici sono distanti dai cittadini, specularmente i cittadini sono altrettanto abissalmente distanti dalla politica come responsabilità concreta che si relaziona con circostanze e problemi reali, come realtà di governo, come realtà amministrativa concreta.
    Ecco allora, al di là delle polemiche da campagna elettorale, se vogliamo fermarci al fatto sociologico senza utilizzarlo par fare campagna, possiamo dire che politici e cittadini hanno tutti, nessuno escluso, la testa nel “pallone” di un dibattito politico assurdo, distantissimo dalla realtà, un dibattito in cui le parole non hanno più un rapporto con le cose, ma hanno solo rapporti con altre parole che nulla hanno che fare con la realtà. L’ignoranza è allora fondamento, metodo di lavoro, e stile abilmente coltivato del discorso politico dominante.
    Se è vero ciò che precede, allora si può dire che la più grande responsabilità, forse, non è né del cittadino che sguazza felice nella sua ignoranza, né del politico che anche lui sguazza felice nell’ignoranza oppure approfitta scaltramente dell’ignoranza, ma dei giornalisti che per ragioni loro, servilismo, utilità personale e non so che altro, sono i principali “coltivatori” dell’ignoranza.

  4. Quando si comincia a dare la colpa agli altri dei propri risultati la situazione è davvero difficile. In particolare in politica nei confronti dei media.
    Saluti.
    Paolo Caimi

  5. Il politico, i partiti, devono portare acasa voti. Per portare a casa voti bisogna tener conto di quello che pensa la gente, dei bisogni e degli interessi che esprime la gente. Su quale base la gente esprime i propri bisogni e i propri interssi? Su quale base la gente esprime le proprie preoccupazioni e atribuisce responsabilità a questo o a quello? Su quale base si forma oggi il senso comune, la mentalità dominante e più diffusa della gente, quali sono i luoghi in cui le persone si fanno un’idea di qualcosa, qualunque cosa?
    Peraltro oggi l’Italiano medio è uno che si mette alla finestra, punta il dito e critica. La finestra è di solito il web nelle sue varie forme. Purtroppo, però, è scientificamente dimostrato che a un osservatore esterno è preclusa la possibilità di comprendere le dinamiche sociali. È la legge fondamentale della sociologia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: