Archivio mensile:maggio 2016

L’ANPI SOSTIENE IL NO AL REFERENDUM? SÌ, MA NON TUTTI

di David Arboit

Carlo Smuraglia, presidente dell’ANPI, ha schierato l’associazione nel campo del No perché la quasi totalità dei delegati al Congresso dell’associazione vede nella riforma costituzionale una pericolosa erosione della sovranità popolare, una riduzione delle opportunità democratiche (CLICCA e leggi). Il problema posto dall’ANPI e dal fronte del No è un problema reale che però deve essere discusso in modo adeguato e inquadrato in una valutazione ampia sul sistema politico. Leggi il resto di questa voce

REFERENDUM COSTITUZIONALE: LA CGIL ESPRIME UN GIUDIZIO CRITICO SULLA PROPOSTA DI MODIFICA COSTITUZIONALE

cgil

Ordine del giorno approvato ieri, 24 maggio 2016, dal Comitato Direttivo della Cgil riunitosi a Roma presso la sede nazionale della Confederazione. Il documento è stato approvato con due voti contrari e nessuno astenuto. Di seguito il testo dell’odg.  Leggi il resto di questa voce

BUCCINASCO: AL VIA LE GIORNATE DELLE ASSOCIAZIONI IN FESTA

Manifesto Festa Assoc_2016

Ufficio stampa Comune di Buccinasco

Per il ventunesimo anno, le associazioni di Buccinasco festeggiano insieme alla cittadinanza riunendosi al parco Spina Azzurra tutte insieme con i propri stand informativi e con una serie di eventi che coinvolgeranno grandi e piccoli. Leggi il resto di questa voce

REFERENDUM COSTITUZIONALE: PASSATO E PRESENTE, ENRICO BERLINGUER E LE RIFORME ISTITUZIONALI

XVI CongressoPCI_riforme istituzionalidi David Arboit

La zuffa sull’utilizzo politico di Enrico Berlinguer ha malamente aperto un capitolo importante del percorso per chiarire alcuni dei temi che voteremo con il referendum costituzionale. In particolare il riferimento storico è il seguente: una riforma della Costituzione che riveda la parte che riguarda l’ordinamento della Repubblica e la forma di governo è in discussione ormai da molti decenni. Berlinguer è stato tirato in ballo peraltro con uno stile che segna la distanza abissale che ci separa da quegli anni: la personalizzazione. Si discute utilizzando l’argomento “Lo ha detto Berlinguer” dimenticandosi che, per quanto acuto, Berlinguer era comunque il “portavoce” di un partito di massa che elaborava collettivamente le sue strategie politiche. Leggi il resto di questa voce

LINEA M4 A BUCCINASCO E SVILUPPI NEI PROGETTI DI MM SPA

concedete conecssionario contractortratto da http://www.comune.buccinasco.mi.it/INFO UTILI/Trasporti

La Giunta comunale, su proposta del Sindaco, ha incontrato alcuni giorni fa, un responsabile tecnico di MM Spa per verificare la fattibilità di una eventuale fermata a Buccinasco e ottenere informazioni su quanto già previsto nei progetti per la realizzazione di M4. In primo luogo si e con soddisfazione riscontrato che sia il PGT milanese sia il PUMS milanese prendevano effettivamente considerazione un prolungamento della metropolitana M4, come mostrato dalle seguenti carte (CLICCA sui documenti): Doc. 1: Carta PGT Milano sudovest – Doc. 2: Carta Piano Urbano Mobilità sostenibile Milano Leggi il resto di questa voce

M4 A BUCCINASCO, UN SOGNO? NEANCHE TANTO!

metro m4 trenoUfficio stampa del Comune di Buccinasco

La possibilità di una fermata della metropolitana sul nostro territorio è concreta e già prevista sia nel PGT di Milano che nel Piano della Mobilità. Il sindaco Maiorano e la Giunta di Buccinasco stanno lavorando per verificare l’indispensabile interesse degli altri Comuni. «Carte e progetti alla mano, abbiamo verificato l’esistenza dei presupposti tecnici per realizzare nel nostro territorio una fermata della linea 4 della metropolitana. La linea infatti è già predisposta per proseguire a Buccinasco, raggiungere Corsico e infine attestarsi su Cesano Boscone. Il progetto prevede una lunghezza di circa 4 chilometri con tempi di realizzazione di circa 5 anni, compresi i tempi tecnici di studio di fattibilità, preliminare, progetto esecutivo, gara d’appalto». Leggi il resto di questa voce

REFERENDUM COSTITUZIONALE: NE POSSIAMO DISCUTERE RAZIONALMENTE?

giorgio-napolitanodi David Arboit

Il dibattito pubblico sulla riforma della Costituzione sta prendendo una pessima piega. Per indurre gli elettori a votare per la propria parte c’è chi imposta la discussione in modo fazioso e criminalizza l’avversario. E quando l’avversario diventa nemico scoppia la guerra, e siccome la guerra è guerra il fine giustifica i mezzi, le parole diventano pietre, la discussione diventa guerra psicologica e l’utilizzo sistematico della menzogna diventa l’arma comunemente utilizzata. Leggi il resto di questa voce

REFERENDUM COSTITUZIONALE: PARLAMENTARE, PRESIDENZIALE, SEMIPRESIDENZIALE: LE FORME DI REPUBBLICA

presidenzialismo-suffragiodi David Arboit

Elemento cardine delle costituzioni moderne è la divisione dei poteri. Questo principio, frutto della cultura dell’Illuminismo e delle rivoluzioni francese e americana, nato nel Settecento per opporsi all’assolutismo (tutto il potere è del sovrano), prescrive che l’attività di direzione politica sia distribuita fra più organi e che la distribuzione del potere a più istituzioni garantisca una equilibrata ripartizione delle prerogative di indirizzo politico (la possibilità di prendere decisioni politiche) e un reciproco controllo.

La divisione dei poteri è una conseguenza del principio della sovranità popolare, una conquista politica anche questa dovuta alle rivoluzioni del Settecento: con le rivoluzioni si afferma l’idea che titolare primo e ultimo del potere politico non è più il re ma il popolo. Leggi il resto di questa voce

REFERENDUM COSTITUZIONALE, 21 MAGGIO 2016, MATTEO RENZI APRE LA CAMPAGNA REFERENDARIA: BASTA UN Sì

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi è intervenuto al Teatro Sociale di Bergamo per l’apertura della campagna del “si” per il referendum sulla riforma costituzionale.

L’ITALIA FINALMENTE SVOLTA. SI ALLA LEGGE SULLE UNIONI CIVILI

Renzi: “Sono molto contento, oggi è un giorno di festa, l’Italia fa un passo in avanti. Era un giorno molto atteso. Naturalmente ci sono le polemiche di quelli che avrebbero voluto di più, di quelli che avrebbero voluto di meno, ma c’è una gioia molto forte, molto diffusa di coloro che finalmente vedono riconoscere diritti alle coppie omosessuali”. Il Premier ha poi aggiunto: “Battaglia da fare anche a rischio di perdere voti”. Nessun calcolo davanti a una battaglia che, anche a rischio di perdere consensi, andava fatta. “Quando ci sono delle cose giuste da fare vanno fatte”. Matteo Renzi ha ascoltato l’annuncio del risultato e commentato in diretta su Radio Capital“È legge, punto”. Di fronte all’ipotesi di perdere i voti dei cattolici con questa legge: “Nessuno di noi ha fatto calcoli o ha verificato con i dati dei sondaggi. L’atteggiamento di una parte del mondo cattolico era atteso e per certi aspetti anche comprensibile. Trovo però fuori luogo le dichiarazioni di chi collega questo fatto con il referendum costituzionale. Ma se uno deve perdere dei voti per una battaglia giusta li perde. Facciamola finita”.
Leggi il resto di questa voce

49.3 LA FRATTURA SOCIALE NEL PARTITO SOCIALISTA FRANCESE

di David Arboit

Molte analogie con l’Italia su tre questioni fondamentali in questo articolo del quotidiano della sinistra francese “Liberation” (clicca qui). Analogie sia sul tema del lavoro sia riguardo al tema del rapporto Governo/Parlamento e della governabilità/rappresentatività sia riguardo allo scontro a sinistra. Analogie che ci aiutano a capire che alcuni temi e problemi sono questioni chiave comuni a tutti i paesi europei, anche in vista del referendum costituzionale.

Ecco l’inizio dell’articolo:

«Compleanno divertente. Trentacinque anni dopo l’ingresso di François Mitterrand nel Palazzo dell’Eliseo, Francois Hollande e Manuel Valls Martedì hanno constatato che non avevano la maggioranza nell’Assemblea Nazionale sulla classica legislazione economica e sociale. Leggi il resto di questa voce

BUCCINASCO M4, SI PUÒ FARE LA FERMATA, LO DICE BEPPE SALA

metro m4 trenomaiorano_scrivaniadi David Arboit

Sono due righe, solo due righe nel programma di Beppe Sala, candidato Sindaco per il Centrosinistra a Milano, ma per Buccinasco sono molto importanti. Dicono che la M4 a Buccinasco si può fare e si farà (clicca qui). A questo punto, prima di tutto è doveroso riconoscere che il lavoro politico fatto dal nostro Sindaco Gianni Maiorano, un lavoro paziente, e a volte ingrato e faticoso, fatto lontano dai riflettori dei mass media, senza clamore, senza schiamazzi, senza politica degli annunci, ha dato il frutto sperato. Leggi il resto di questa voce

BUCCINASCO, LA CULTURA NON SI BUTTA: I VECCHI LIBRI HANNO UNA NUOVA VITA

libri_successoUfficio stampa del Comune di Buccinasco

In un solo fine settimana i cittadini di Buccinasco hanno ritirato quasi tutti i libri messi a disposizione dalla biblioteca comunale. Un successo la campagna “Adotta un libro” promossa dal Servizio Ambiente e Controllo del Territorio Mamme con bambini, ragazzi, anziani. In tanti, tantissimi, hanno accolto l’invito del Comune di Buccinasco che, in occasione dei lavori di rinnovo della biblioteca, ha lanciato la campagna “Adotta un libro!”. Circa 3000 volumi destinati al macero, perché considerati ormai obsoleti dal sistema bibliotecario, che l’Amministrazione ha invece voluto salvare perché “la cultura non si butta” e l’ambiente va preservato riducendo i rifiuti e riutilizzando il più possibile. Leggi il resto di questa voce

PAPA FRASCESCO DEMOLISCE LA RETORICA DELLE RADICI CRISTIANE DELL’EUROPA

papafrancescocarlomagno52

di David Arboit

Certamente tutti ricordate gli infiniti dibattiti sulle radici cristiane dell’Europa. Divennero furiosi quando si trattò di scrivere la Costituzione europea. In particolare nella difesa ideologica delle radici cristiane europee si distinsero i popolari, e tutti i liberali democratici e i cristiano democratici d’Europa, facendone un valore irrinunciabile se non una pregiudiziale. Ebbene, lor signori sono stati ieri sbugiardati da Papa Francesco. Certamente svergognati, ma in che senso?

Tra le righe del discorso di Papa Francesco si leggeva chiaramente: ipocriti, sepolcri imbiancati, il vostro comportamento è vergognosamente contrario e opposto rispetto alla retorica demagogica sulle radici cristiane dell’Europa di cui vi siete riempiti e vi riempite continuamente la bocca. Vergognatevi, pentitevi e cambiate vita, cioè cambiate la vostra politica. Ma che cosa ha detto il Papa? (clicca e leggi il discorso) Ha scritto e comunicato a dei politici che ben rappresentano l’egoismo e la meschinità dei loro elettori un programma economico, politico, sociale e in ultima istanza umano di straordinaria bellezza. Leggi il resto di questa voce

PLATÌ, ANNA RITA LEONARDI: NON CI SONO LE CONDIZIONI POLITICHE PER UNA SERENA CAMPAGNA ELETTORALE

di Anna, Rita Leonardi (Facebook)

Sono stata convocata ad una riunione a Roma ed insieme ai vertici del partito, abbiamo dovuto constatare che non c’erano più le condizioni politiche e di agibilità per svolgere serenamente la campagna elettorale. Questa scelta nasce anche a seguito di alcune vicende che, da un anno e per un anno, continuano a perdurare sul territorio Platiese. Vicende che rendono queste elezioni, ancora oggi, non un alto momento politico, ma una farsa degna del peggiore sceneggiatore. Leggi il resto di questa voce

IL SINDACO DI BUCCINASCO SCRIVE AL SETTIMANALE “SÌ O NO” SULLA MATERNA PARITARIA

maiorano_scrivaniadi Giambattista Maiorano

Gentile Renato Caporale, Direttore del settimanale “Sì o No”

Io sono e sono sempre stato quello che in politica si suol dire un “moderato”. Un moderato né tiepido né debole perché dotato di una forte e indomabile passione per l’umano quale eredità derivata dal personalismo comunitario (Emmanul Mounier), che forma la cultura di base della storia del cattolicesimo democratico. Essere appassionati all’umano significa per me applicare alla politica buon senso, misura ed equilibrio che rappresentano i valori fondanti della moderazione. Leggi il resto di questa voce

CONSIDERAZIONE A MARGINE DELLA DISCUSSIONE SCUOLA MATERNA PARITARIA: STATO, MERCATO, FUNZIONE PUBBLICA

di David Arboit

Ho un sogno: parlare di politica riuscendo a fare un discorso razionale, cioè facendo in modo che ciascuno, esprimendo la propria opinione, cerchi quella verità che a nessuno appartiene e che è solo un nome per indicare il nostro desiderio insaziabile di bellezza e di giustizia. Ma non è solo un sogno, può accadere, a volte mi accade anche con chi non è della mia parte politica. Ecco qui di seguito un esempio. Leggi il resto di questa voce

BUCCINASCO, CONVENZIONE MATERNA PARITARIA: CASCA L’ASINO? SÌ, FORSE, MA L’ASINO CHI È?

paritaria maiorano caporaledi Giambattista Maiorano

Leggo sul settimanale locale “Sì o No” l’editoriale del direttore Renato Caporale di venerdì 29 aprile 2016 intitolato “Buccinasco sull’educazione, casca l’asino?” Che cosa dice l’editoriale? In sintesi:

  1. «non considerare la questione scuola come il più grande degli investimenti dei nostri tempi sarebbe una grande mal educazione della politica amministrativa» VERO sono d’accordo;
  2. «chiunque pensa che la scuola o l’educazione possa essere considerata un fatto economico è stato mal educato!» VERO sono d’accordo;
  3. «capire che la scuola in ogni forma e sostanza non è un “nemico” da combattere ma un “amico” da sostenere» VERO sono d’accordo;
  4. «“mal educata” a capire tutto questo, l’amministrazione di Buccinasco tenta uno “sparo” sulla materna parrocchiale di romano banco» FALSO, non sono d’accordo.

Leggi il resto di questa voce

GIULIANO PISAPIA: IL MONDO È CAMBIATO E ANCHE IL MODO DI FARE SINISTRA

Foto Piero Cruciatti / LaPresse 07-02-2016 Milano, Italia Politica Spoglio delle primarie amministrative del centrosinistra a Milano Nella foto: Antonio Iannetta, Giuliano Pisapia, Francesca Balzani, Giuseppe Sala, Francesco Majorino Photo Piero Cruciatti / LaPresse 07-02-2016 Milano, Italy Politica Scrutiny of the primary mayoral elections for the centreleft candidate In the Photo: Antonio Iannetta, Giuliano Pisapia, Francesca Balzani, Giuseppe Sala, Francesco Majorino,

 

«Io credo ancora in una sinistra diversa dalla destra, e questo è il punto di partenza. Per chi è uscito dal Pd il nemico principale è il Pd, per chi si è allontanato dal partito il nemico principale è Renzi. Quando sento dire che Renzi è uguale a Berlusconi io mi ribello». Leggi il resto di questa voce