Archivio mensile:maggio 2014

IN ARRIVO LA PISTA CICLABILE TRA BUCCINASCO CASTELLO E GUDO

GUDO
Termineranno entro fine giugno i lavori per la realizzazione dell’opera più importante del progetto “Itinerari tra acqua e verde” finanziato in parte dalla Regione Lombardia: su autorizzazione del Parco Sud, è previsto lo sradicamento di 17 giovani alberi che saranno sostituiti da 34 nuove piante, arricchendo così il patrimonio arboreo di Buccinasco.
Leggi il resto di questa voce

Annunci

GIOVEDI’ 29 MAGGIO – TESTAMENTO BIOLOGICO: E’ UN DIRITTO DECIDERE DEL PROPRIO FINE VITA ?

testam

Perché parlare di testamento biologico, perché affrontare un tema così delicato, spinoso e dirimente, come questo in una fase nella quale l’attenzione dei cittadini è comprensibilmente rivolta ai temi economici, alla crisi che stringe il Paese , alle elezioni europee e ai tanti annessi e connessi?  Noi pensiamo che anche in momenti così difficili non vada persa la “ragione” cioè la necessità di riflettere, discutere, meglio se collettivamente, su temi spesso trascurati , se non oscurati non solo dai media, ma spesso anche dalla nostra coscienza, dalle nostre paure.  Si può ritagliare, in un mondo comunicativo fatto di irrazionalità, di rabbia e di insulti, che tentano di travolgerci, uno spazio di serena riflessione su un tema che riguarda tutti, a prescindere dalle idee politiche  dal sesso, dal censo, dalla storia personale?

Leggi il resto di questa voce

A BUCCINASCO E’ ANDATA COSÌ

20140526-133144-48704375.jpg

“IERI NON HO VINTO IO MA LA SQUADRA PD”

20140526-130302-46982975.jpg
“Non considero questo risultato la legittimazione personale. Mi ha fatto piacere vedere al Nazareno un gruppo dirigente. Ieri non ha vinto una persona, c’era una foto di gruppo”. Matteo Renzi in conferenza stampa a Palazzo Chigi

20140526-130933-47373279.jpg

20140526-131538-47738073.jpg

LETTERA DI MATTEO RENZI AGLI ELETTORI

20140524-185611-68171098.jpg
Gentile amica, caro amico,
meno di sei mesi fa le primarie del Partito Democratico mi hanno consegnato il compito di guidare la nostra comunità. Da allora molta acqua è passata sotto i ponti, sia nella vita del PD che in quella del Governo.

Oggi l’Italia prova a ripartire concretamente con misure di sostegno al ceto medio come gli 80 euro mensili, con la diminuzione del 10% dell’Irap per le aziende, con un decreto occupazione che ha consentito di salvare migliaia di posti di lavoro a cominciare da Electrolux, con un investimento senza precedenti sulle scuole con circa diecimila cantieri che partiranno nella pausa estiva.

Dall’agricoltura al volontariato, dalla cultura alla pubblica amministrazione, dal fisco alla giustizia i progetti del Governo sono pronti, nel rispetto dei tempi previsti.

Leggi il resto di questa voce

CAPACI, 23 MAGGIO 1992. PER NON DIMENTICARE

Capaci

Nel giorno del ventiduesimo anniversario della strage di Capaci si è aperto a Caltanissetta il secondo processo per l’attentato in cui furono uccisi il giudice Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti di scorta Antonio MontinaroVito Schifani e Rocco Di Cilio. La nuova inchiesta sulla strage di Capaci si è basata sulle dichiarazioni del pentito Gaspare Spatuzza. Su Twitter il ricordo di quel 23 maggio 1992 è affidato agli hashtag #ionondimentico#Falcone#GiovanniFalcone e #Capaci. Renzi lancia l’hastag: #ionondimentico

Tra i commenti: “Avete chiuso cinque bocche ma ne avete aperte 50 milioni”, “#ionondimentico, ma non solo il 23 maggio o il 19 luglio. Ricordiamoci sempre di loro”, “#ionondimentico Falcone, Francesca e la scorta ed ancora oggi quelle mezze verità…”,  “#ionondimentico perchè cambiare questo paese è possibile. Grazie a chi ogni tanto c’è lo fa tornare in mente”.

Leggi il resto di questa voce

USCIRE DALL’EURO: PERCHÉ NON CI CONVIENE LASCIARE LA MONETA UNICA (VIDEO)

L’euro è la causa di tutti i mali della nostra economia? È vero che lasciando la moneta unica il nostro Paese potrebbe ricominciare a crescere trascinato dal boom delle esportazioni dovuto alla svalutazione della valuta? Quattrogatti.info, progetto che riunisce professionisti e ricercatori in scienze economiche e sociali, con questo video prova spiegare perché uscire dall’euro non sarebbe un buon affare per il nostro Paese.

 

Enrico Letta: “Dobbiamo battere il populismo. Grillo riesce solo a insultare”

20140521-202905.jpg
[fonte: Huffington Post] Arginare il populismo in vista delle elezioni europee. Dopo l’avvertimento del capo dello Stato Giorgio Napolitano arriva anche quello dell’ex premier Enrico Letta. Il predecessore di Matteo Renzi a Palazzo Chigi era già tornato in campo a Genova per la campagna elettorale di Sergio Cofferrati. Questa volta invece ha parlato a Padova.

Leggi il resto di questa voce

IL 25 MAGGIO BISOGNA VOTARE PER RENZI E PER SCHULZ

Scalfari[di Eugenio Scalfari – la Repubblica del 18/05/2014]

DA MOLTE settimane, esattamente da quando all’improvviso mise in crisi il governo Letta con un voto quasi unanime della direzione del Pd di cui era (ed è tuttora) il segretario politico, io ho criticato il governo Renzi e soprattutto lui medesimo che accentra nelle sue mani tutto il potere, con una minoranza di sinistra che di fatto si è messa il silenziatore per disturbarlo il meno possibile. Le ragioni delle mie critiche sono note. Riguardano la legge sul lavoro, la rottura con le organizzazioni sindacali, la legge elettorale, la riforma (di fatto l’abolizione) del Senato e la rivalutazione di Berlusconi. Quest’ultima era forse inevitabile per mandare avanti il programma di riforme, ma in tutte le cose e specialmente in politica c’è modo e modo di ottenere un risultato senza intestarlo con inutile enfasi ad un uomo che per vent’anni ha sgovernato il Paese e — dopo decine di leggi ad personam — è stato finalmente condannato con sentenza definitiva. Un pregiudicato insomma e non un padre della Patria. Ma la critica maggiore che ho sempre ripetuto al simpaticissimo Matteo Renzi — che sa vendere i suoi “articoli” mirabilmente — è stata quella che, lungi dal risolvere uno per ogni mese a cominciare da subito, i problemi che affliggono il Paese da trent’anni, non avrebbe potuto fare altro che proseguire il programma già impostato da Monti e poi aggiornato e avviato da Letta con i tempi e i passaggi da lui previsti e addirittura, per la sua parte maggiore, già contenuto nella legge di stabilità scritta da Letta con la preziosa collaborazione dell’allora ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni e approvata in via definitiva dal Parlamento.

DOPO IL FINE SETTIMANA NELLE PIAZZE RENZI A MILANO MARTEDÌ 20 MAGGIO

Tutti nelle piazze lombarde venerdì 16, sabato 17 e domenica 18 maggio. A una settimana dalle elezioni europee e amministrative del 25 maggio troviamoci nelle nostre piazze per sostenere l’Europa, il PD, i nostri candidati.
Invece il 20 maggio alle ore 10.30 il Segretario Nazionale del Partito Democratico Matteo Renzi sarà a Milano per una tappa della sfida elettorale europea e amministrativa. L’appuntamento è presso il Teatro Piccolo Paolo Grassi di via Rovello 2 a Milano (M1 Cordusio) per un grande incontro pubblico.
Dopo il weekend con 80+80 banchetti organizzati da tutti i circoli di Milano metropolitana questo appuntamento sarà decisivo per far sentire tutto il sostegno della “Città metropolitana milanese” per la campagna elettorale del Partito Democratico.

20140516-194225.jpg

25 MAGGIO, ELEZIONI EUROPEE. VOGLIAMO CAMBIARE L’EUROPA

cropped-pd_bandiereDomenica 25 maggio si vota per il rinnovo del Parlamento europeo.
Insieme alla capolista Alessia Mosca nella circoscrizione Nord Ovest i candidati lombardi sono Patrizia Toia, Antonio Panzeri, Sergio Aureli, Luigi Morgano, Paolo Sinigaglia e Francesca Zaltieri.

A Buccinasco trovi i Banchetti e Gazebo PD:

– SABATO ORE 10 P.ZZA SAN BIAGIO

– DOMENICA PARCO SPINA AZZURRA DALLE 16 

 

Come si vota

Scheda grigia: si vota domenica 25 maggio dalle 7 alle 23.00.
Fai una croce sul simbolo del PD. Si possono esprimere TRE PREFERENZE (non più di due per lo stesso genere)

Per saperne di più:
I candidati della circoscrizione Nord Ovest
Le schede dei candidati lombardi
I materiali per la campagna elettorale
Lo speciale del Ministero dell’Interno

PD_flyer_A5_fronte

 

VOGLIAMO CAMBIARE L’EUROPA

Oggi cambiare l’Europa è possibile: i partiti aderenti al Partito Socialista Europeo, e tra questi il PD,  hanno la possibilità vincendo le elezioni , di governare il processo di rinnovamento europeo.

La destra conservatrice europea, a cui aderisce Forza Italia che sbraita contro l’Europa, ha condotto in questi 5 anni, una politica di sacrifici e di rigore finanziario che ha condotto al disastro economico che viviamo.

Non sono i “tedeschi “ che vanno sconfitti, ma i partiti neoliberisti d’Europa e la loro politica. Non è l’uscita dall’euro che salverà l’Italia, ma il rilancio dell’economia, la difesa del lavoro, il sostegno ai giovani.

Questo è possibile solo votando in Italia il PD, e in Europa gli altri partiti della sinistra che sostengono l’unione delle nazioni europee, ma con una forte svolta economica.

LE PROPOSTE DEL PD IN SINTESI:

• Aumentare gli investimenti per favorire l’inserimento lavorativo dei giovani

•Avviare una politica creditizia di sostegno al processo di reindustrializzazione dell’Europa

•Sostenere  con investimenti l’innovazione delle imprese e la formazione dei lavoratori

• Prevedere per tutti i paesi l’introduzione del salario minimo garantito

•Aumentare gli stanziamenti per investimenti pubblici nelle infrastrutture a difesa dell’ambiente

•Garantire una politica degli accessi e della immigrazione che sia veramente europea e non ricada come ora  solo sui paesi di confine come l’Italia

•Dare alla Banca europea l’autonomia e gli spazi per una politica monetaria espansiva e di sostegno ai paesi più deboli

•Sostenere in campo agricolo e alimentare le tante realtà regionali che offrono qualità e tradizione di cui l’Italia è campione

•Dare finalmente ai cittadini europei la piena consapevolezza di appartenere ad una unica entità sociale e politica e non a una pura struttura burocratico verticistica come purtroppo è stato in questi anni

Le vicende della vicina Ucraina dimostrano come sia ancora fragile la pace in Europa e come sia ancora latitante una vera politica europea che sappia sganciarsi dalla tutela americana, per garantire la pace e la sicurezza dei suoi cittadini in un progetto di avvicinamentodelle nazioni e dei popoli europei. Solo l’Europa unita e democratica potrà garantire ai suoi cittadini una speranza in un mondo sempre più travagliato da conflitti etnici e religiosi nel quale la competizione economica e il potere delle grandi multinazionali rischiano  di trascinare il mondo in una spirale di povertà.

IL VERDE… E IL ROSSORE

Sindaco Buccinasco[di Giambattista Maiorano]
Fonte: http://maioranosindaco.wordpress.com
È normale che la gente non si faccia troppe domande circa i possibili intralci che non permettono di essere tempestivi negli interventi. È normale il fatto che ogni responsabilità sia fatta ricadere sull’Amministrazione, in primis sul Sindaco. È così per le buche sulle strade. È così, in questo particolare momento, per la gestione del verde pubblico.

Ogni giorno rispondo alle lamentele dei cittadini. Il più delle volte sono in forma diretta assolutamente rispettosa. Qualche volta, invece, sono rivolte in modo indiretto e rozzo, a volte con arroganza e presunzione (per i superficiali che ignorano la concretezza di certe questioni tutto è sempre facilmente risolvibile), a volte con l’asprezza di chi essendo avversario politico cerca la polemica sterile per farsi propaganda.

A quelli che semplicemente ed educatamente mi chiedono conto dell’operato della mia Amministrazione, dico le cose come le vedo, non uso filtri di segreterie per essere più o meno diplomatico e nascondere i fatti. In questi casi il ritorno che ricevo è di solito il grazie per avere evaso la richiesta di chiarimento e un caldo invito a muovermi, fare qualcosa, migliorare la situazione.

Leggi il resto di questa voce