IL PD MILANESE AL CONGRESSO PROVINCIALE

segretario_provinciale_26_10_2013di Guido Morano

Sabato 26 si terranno le votazioni per la scelta del nuovo segretario della federazione provinciale del nostro partito. La contesa è tra quattro candidati che in parte rappresentano gli schieramenti che si fronteggeranno nella fase successiva a questa, per la nomina del segretario nazionale. Il tutto culminerà con le primarie nazionali dell’8 dicembre. Un percorso lungo e dal mio punto di vista, abbastanza arzigogolato, che cerca di tenere insieme i legittimi diritti degli iscritti e la necessità di coinvolgere al massimo, come è già avvenuto, elettori e cittadini non iscritti. Avendo assistito a un incontro a Corsico tra i 4 candidati, voglio qui esprimere la mia personale opinione.

Premetto che a una contesa così importante il PD milanese arriva abbastanza impreparato, con una conoscenza dei contenuti oltre che dei candidati limitata io credo agli iscritti o poco più in là. E questo è un male perché si tratta di scegliere un ruolo e un gruppo dirigente nuovo, che guiderà le sorti del primo partito nella provincia economicamente e socialmente più importante d’Italia che ospiterà l’Expo, che da sempre rappresenta un punto di riferimento per il Paese, i cui comuni sono oggi in larga parte amministrati dal centro sinistra, con sindaci e amministratori del PD. A me sembra che in questa fase precongressuale tutto questo non è stato evidenziato quanto dovuto. Nel dibattito della serata di Corsico a mio giudizio, nessuno dei candidati alla carica si è espresso in modo chiaro su quali proposte economiche e sociali il PD dovrà sostenere nella nostra provincia. Si è parlato molto di “ Città Metropolitana”, tutti concordi nell’invocarla, ma senza che nessuno ne definisse i contenuti pratico operativi. Ad esempio quale ruolo avranno il Comune di Milano e le sue controllate, ATM, AMSA, A2A che nei fatti sono oggi gli attuatori di gran parte della politica sul territorio. E il ruolo di Milano, come sanno gli abitanti di Buccinasco, è ad esempio fondamentale dal punto di vista della mobilità e dei trasporti. Lo sanno bene i molti che ogni mattina si incolonnano per via Martinelli aspettando da oltre 20 anni la nuova viabilità, o i tanti che dovendo prendere i mezzi pubblici, ad es. il metro ad Assago, si chiedono perché devono pagare di più dei corsichesi. E poi a fronte della pesante dismissione industriale di questi anni, qual è il futuro economico del milanese? Ancora terra di conquista per le immobiliari, o palcoscenico per l’industria della moda, l’unica che sembra resistere, o invece avvio di una seria politica per il rilancio del sistema manifatturiero, basato sull’innovazione e il rispetto dell’ambiente? Temi difficili soprattutto per una contesa elettorale, svolta in tempi strettissimi, ma temi sui quali il PD è stato nel recente passato spesso silente se non addirittura a rimorchio di altri poteri e sui quali nel breve sarà chiamato a dare risposte.

Il nuovo gruppo dirigente, perché di questo stiamo parlando, dovrà confrontarsi coi cittadini e le forze politico economiche  del territorio, proponendo la sua, la nostra idea di sviluppo.

Vi è poi il tema di come rinnovare il PD. Anche qui a me sembra la sfida è importante: si tratta di trasformare un partito che in questi anni è apparso più preso a regolare conti interni, si pensi al crollo del Penatismo e del sistema di potere ad esso connesso, o allo scontro milanese sull’assessore Boeri per fare solo alcuni esempi. Personalmente credo si debba ricominciare da capo, modificando anche la natura degli organi dirigenti, consegnando finalmente le chiavi del partito ai circoli, che sono oggi l’unico legame coi cittadini e i loro problemi. Basta con organismi pletorici che servono solo ad alimentare clientele di potere, basta con le cordate fatte per cooptazione e non per merito, basta con un funzionamento dell’apparato che serve solo ad alimentare se stesso. I circoli non possono continuare a operare senza sentire di appartenere a una rete, ad un progetto comune di cui percepiscono il valore. In questi anni i circoli sono stati i veri protagonisti delle tante vittorie elettorali, del grande successo delle primarie, senza ricevere riconoscimenti sostanziali in termini di verifica e di contributo sulle decisioni dei vertici.  È facile e ricorrente la retorica del “militante” che si sacrifica per il partito, ma oggi questa retorica non regge più, anzi rischia di fare danni. Ancora oggi, se non per la buona volontà di singoli, si fatica ad avere contributi di idee e di attenzione da parte di dirigenti provinciali o regionali, per non dire di parlamentari. Tutti pressoché sconosciuti. E allora dove è finito il famoso legame coi cittadini, dove il confronto e l’arricchimento di idee tra eletti ed elettori?

Ecco devo dire che di tutto ciò, ma altro e non poco ci sarebbe da aggiungere, poco si è sentito l’altra sera a Corsico. Un intervento dal “ pubblico” ha sollecitato i candidati a esprimersi con più chiarezza anche sui temi che dividono e la necessità imprescindibile che il confronto sia sulle idee e non sulle cordate o sui capicordata. Non trasformiamo le prossime scadenze in una grande kermesse mediatico personalistica.

Gli italiani e gli iscritti al PD tra loro, non ne hanno bisogno.

Le elezione del segretario provinciale a Buccinasco: dove e quando (leggi)

Annunci

Pubblicato il 22 ottobre 2013, in POLITICA LOCALE con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 2 commenti.

  1. Un caro saluto a Guido Morano, una persona che stimo che, sono sicuro, farà molto bene come segretario del Pd di Buccinasco.

  2. luigia soresini

    Il nostro è un partito vecchio con molte resistenze al cambiamento a questo punto è meglio dividersi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: