LEGALITà ECONOMICA: CONVIENE. LOTTA CONTRO L’EVASIONE FISCALE

Annunci

Pubblicato il 8 luglio 2013 su ECONOMIA POLITICA. Aggiungi ai preferiti il collegamento . 1 Commento.

  1. Benchè apprezzabile nelle intenzioni e nella buona fede,questo filmato scopre “l’acqua calda” ed ,inoltre, mediante le qualificate e competenti opinioni di alcuni intervistati, propone un percorso di promozione della trasparenza fiscale e di prevenzione della sua devianza che potrà funzionare nel medio-lungo termine.Ciò significa che le future generazioni ,forse acquisiranno competenze per uno stile fiscale corretto ,mentre è assolutamente inutile e anche un pò ridicolo, sperare che una campagna socio-culturale relativa alla correttezza fiscale possa avere un effetto positivo su chi è abituato, quasi in automatico, ad evadere i tributi. Non nascondiamoci dietro un dito : quanti di noi riescono ad ottenere che un qualunque lavoratore che compie opere di riparazione o di altro genere nella nostra abitazione accetti un pagamento in assegno e,quindi, divenga rintracciabile in termini fiscali? Una minoranza .Eppure questa è la piccola o media evasione che ,sommata per ogni singolo caso, contribuisce non di poco all’ammontare totale della medesima . E dovrebbe indignare che i piccoli o medi evasori sono quelli che poi ,dichiarando un reddito molto basso, hanno accesso a tutta una serie di bonus ,di agevolazioni ,di sconti, nell’accesso ai servizi pubblici . Naturalmente non si tratta di criminalizzare una o un’altra categoria professionale ,poichè nessuna è indenne . Il problema è evidentemente culturale, talora, anche e purtroppo, aggravato da dichiarazioni di politici di prim’ordine che ,tutto sommato , ne giustificano l’esistenza con la motivazione che sia immorale avere una pressione fiscale elevata . Questo crea ,ovviamente ,senso d’impunità negli evasori , e rabbia in chi non evade per correttezza e senso civico pur avendone la potenzialità, ed in chi non evade e non potrebbe comunque farlo ( per esempio lavoratori dipendenti ). Per questo motivo ,in attesa che le nuove generazioni ,forse tra 10-20 anni , si comportino correttamente rispetto ai tributi da pagare, l’unico provvedimento nei confronti di chi non non vuole, oggi e adesso , rinunciare a questo odioso comportamento antisociale e, peraltro,lo ha oramai insito nel proprio DNA , è ,forzatamente quello punitivo ben lungi da derive vendicative , ma palesemente sanzionatorio. Se le stime parlano di 120-180 miliardi annui di evasione a fronte di 12 recuperati nella medesima unità di tempo,quante manovre finanziarie correttive avremmo potuto evitare nel passato e quante potremmo evitarne nel prossimo futuro. Eppure questa non è la priorità di nessun governo perchè ,poi, gli evasori , vanno a votare come tutti e a molti politici non piace perdere voti elettorali dichiarando lotta aperta all’evasione per cui si sentono costretti a denunciarne l’immoralità pubblicamente ed a parole, imitando ,poi, gli atti pratici (legislativi) ad azioni ed interventi sporadici e discontinui,mai di “sistema” . Ecco perchè ,questa asimmetria tra evasori e cittadini dovrebbe essere sanata o almeno riposizionata a livelli vicini a quelli della media europea con l’obiettivo rendere il nostro Paese davvero progredito ed evoluto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: