Archivio mensile:luglio 2013

IL CONGRESSO PD: LA QUESTIONE DEMOCRATICA

Alfredo Reichlin, L’Unità 31 luglio 2013

Assisto a questo inizio di discussione congressuale del Pd con molte perplessità. Dove si vuole andare? Come si vuole dirigere questo Paese? Non ho mai sentito così acutamente il bisogno di una forza organizzata capace di esprimere un punto di vista autonomo, realistico ma non subalterno, sulla realtà: sul dove va l’Italia. Leggi il resto di questa voce

Annunci

L’IMMOBILITÀ DELLA POLITICA

di BARBARA SPINELLI, La Repubblica, 31 luglio 2013

L’ha detto pure papa Francesco, il 25 luglio nella cattedrale di San Sebastiàn a Rio de Janeiro: meglio fare casino, hacer lio, che chiudersi dentro i recinti delle proprie parrocchie e immaginarsi potenti, anche se dentro già si è morti. Meglio “uscire fuori, per strada”, e disturbare, e farsi valere, piuttosto che installarsi “nella comodità, nel clericalismo, nella mondanità, in tutto quello che è l’essere chiusi in noi stessi”. Leggi il resto di questa voce

PRIMARIE APERTE PER NON CHIUDERE IL PD

Ilvo Diamanti. La Repubblica, 29 luglio 2013

Il Partito Democratico procede verso il congresso. Si svolgerà a fine novembre, ha garantito il reggente, Guglielmo Epifani. Con quali regole, però, non si sa ancora. Le regole, d’altronde, non scaldano il cuore dei militanti e degli elettori. Più sensibili ai discorsi sui valori. Ai contenuti. Di cui, peraltro, si sente parlare poco. Leggi il resto di questa voce

INTERVISTA A LEONARDO BOFF «BERGOGLIO? COME SAN FRANCESCO: RICOSTRUISCE LA CHIESA»

ANDREA TORNIELLI, La Stampa, 26 luglio 2013

«Tre settimane prima dell’elezione di Bergoglio avevo scritto su Twitter: il futuro Papa sarà Francesco, perché come fece il santo di Assisi serve chi ricostruisca la Chiesa che ha perduto la sua credibilità…». Leonardo  Boff non porta più il saio, dopo i contrasti con Roma per le sue posizioni teologiche ha lasciato l’ordine francescano e si è sposato. Ma la barba, bianchissima, è rimasta la stessa di quando era frate. Il teologo della liberazione che Joseph Ratzinger non riuscì a ammorbidire  parla con “La Stampa” del viaggio in Brasile del primo Papa latinoamericano della storia. Leggi il resto di questa voce

SPIAZZATI I POLITICI DEVOTI

LUIGI LA SPINA, La Stampa, 30 luglio 2013

E adesso chi glielo dice alla Gelmini, a Lupi, a Sacconi che ormai è inutile voler far piacere alla Chiesa chiedendo, ad esempio, una moratoria sulla legge contro l’omofobia? E chi glielo dirà a Pannella che decenni di allarmi contro le ingerenze vaticane sono da archiviare nel cestino della memoria? La verità è che quel bianco viaggiatore con la sua nera borsa ha spiazzato, tra le tante vecchie abitudini, anche la politica italiana.   Leggi il resto di questa voce

IL PROFESSOR LUCA RICOLFI E LE SUE CONCEZIONI SUPERFICIALI DELLA REALTÀ

di David Arboit

Leggete la quantità di banalità e luoghi comuni che il professor Luca Ricolfi riesce a mettere insieme nell’editoriale del 28 luglio 2013 (leggi qui). Non è una novità nel panorama italiano; memorabile e insuperata la più straordinaria fucina italiana di banalità e luoghi comuni: Francesco Alberoni.

I luoghi comuni si formano si solito per generazione spontanea, e si consolidano pian piano come vox populi (espressione ambivalente nel bene e nel male). Ma sono anche fabbricati ad arte, oppure amplificazioni calcolate della vox populi, e in quanto coltivati apposta sono armi di distrazione di massa. Artefici e/o utilizzatori primari di questi armi da guerra psicologica sono gli “intellettuali servi del potere”; l’espressione è vecchia (se ne possono trovare ampi riscontri già nella Roma imperiale), ma mai obsoleta. Leggi il resto di questa voce

FABRIZIO BARCA: «STOP AI DOPPI INCARICHI 
IL SEGRETARIO NON PUÒ FARE IL PREMIER»

fabrizio_barcadi GIOVANNA CASADIO

La Repubblica, 25 luglio 2013

ROMA  –  «Chi li prende questi impegni a rovesciare il Pd?». Fabrizio Barca, l’ex ministro della Coesione territoriale, lancia l’offensiva in vista del congresso («Ma non mi candido alla segreteria») per rifondare il partito. E dopo tre mesi di dibattiti, 170 circoli, 10 mila persone incontrate, sfida: «Al prossimo segretario chiedo sei requisiti…». E avverte del rischio che si scateni la sindrome del “perdi-perdi” se, per autoconservarsi, l’apparato proverà a bloccare Renzi. Leggi il resto di questa voce

DIBATTITO CON GIUSEPPE CIVATI, FABRIZIO BARCA, WALTER TOCCI, ANDREA RANIERI E SANDRA ZAMPA

27 luglio 2013, GUGLIELMO EPIFANI: IL TEMPO DEL CONGRESSO è ADESSO

QUELLO CHE ENRICO LETTA NON CAPISCE O FA FINTA DI NON CAPIRE

di David Arboit

Arringando i parlamentari del PD Enrico Letta si è trincerato dietro una lunga serie di luoghi comuni, di principi e di affermazioni apparentemente di buon senso, ma che in ultima istanza si rilevano inadeguate rispetto alla realtà del Paese e alla percezione che il popolo italiano, e in particolare iscritti ed elettori del PD, hanno della realtà del paese. Ha scomodato perfino Aldo Moro, che certamente si sarà rivoltato nella tomba, paragonando situazioni assolutamente incomparabili (ma come si fa a fare certi paragoni, ci vuole un bel coraggio!). Leggi il resto di questa voce

GIANNI PITTELLA CANDIDADTO ALLA SEGRETERIA DEL PARTITO DEMOCRATICO

GUARDA L’INTERVSITA A REPUBBLICA TV

SE LA STABILITÀ SI TRASFORMA IN IDOLATRIA

di Barbara Spinelli, La Repubblica, 24 luglio 2013

Stabilità: così spesso viene invocata e così febbrilmente, in Italia, che quasi non ci accorgiamo che è divenuta virtù teologale che assorbe ogni altra virtù: non mezzo, ma finalità ultima dell’agire politico. Non siamo i soli a subirne i ricatti: in tutta Europa, le ricette anticrisi l’assolutizzano. Dicono che la Grecia è per fortuna lontana, invece ci sta vicina come la pelle. Quotidianamente vengono additati i nemici della stabilità politica, e piano piano ogni inquietudine, ogni opposizione, ogni giornale che amplifichi notizie poco gradite al comando son guardati con diffidenza. Leggi il resto di questa voce

UN CONGRESSO PER PERSONE MATURE

Di Stefano Menichini, Europa, 23 luglio 2013

Rinviare un congresso – per certi aspetti sarebbe quasi un annullamento, date le circostanze – per paura di darsi un assetto politicamente pericoloso. Non riesco a immaginare un gesto più autolesionista. Anche un po’ offensivo, dice bene Gianni Cuperlo. Tanto varrebbe ammettere di essere regrediti all’infanzia politica, allo stato di un partito incapace di intendere, di volere e di muoversi razionalmente. Leggi il resto di questa voce

GIANNI CUPERLO: «RINVIARE IL CONGRESSO? UN’OFFESA»

Gianni-Cuperlo_02di Simone Collini, L’Unità, il 22 luglio 2013 ,

«Alfano prenda atto che la sua permanenza al Viminale indebolisce l’autorevolezza del governo», dice Gianni Cuperlo facendo riferimento al caso Shalabayeva. Ma il candidato segretario del Pd lancia un messaggio anche al suo stesso partito: «Basta, questo balletto sulla data del congresso è quasi offensivo. Ma come si fa a pensare dopo tutto quanto è accaduto che si possa rinviare una discussione di verità sul futuro del Pd e del Paese?». Leggi il resto di questa voce

TIRA UNA BRUTTA ARIA
 SULLA NOSTRA DEMOCRAZIA

democrazia-italiadi ILVO DIAMANTI, La Repubblica, 22 luglio 2013

Tanto rumore per nulla. I diplomatici kazaki vanno e vengono dai nostri ministeri. E, complici i nostri servizi e le nostre forze dell’ordine, prelevano la moglie e la figlia di un dissidente. Le deportano nel loro Paese. E se ne vanno. Senza che nulla accada, sul piano politico interno. In fondo nessuno sapeva. E tutto, comunque, è avvenuto all’insaputa del governo. Leggi il resto di questa voce

PIERLUIGI BERSANI, ENRICO LETTA, E IL PROFILO DEL BUON PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

di David Arboit

Quello che Bersani non ha capito

Ora ho capito perché Pierluigi Bersani, il figlio del benzinaio di Bettola, non avrebbe mai potuto diventare Presidente del Consiglio. Bersani non aveva una storia adatta e quindi è stato ritenuto, in ultima istanza, persona non idonea. Leggi il resto di questa voce

DEMOCRAZIA ED ECONOMIA POLITICA: UN INTRECCIO PERICOLOSO E PERVERSO

di David Arboit

Più volte durante la recente campagna elettorale nazionale abbiamo ascoltato il candidato Presidente del Consiglio per il Centrosinistra Pierluigi Bersani parlare dell’intreccio complesso e pericoloso tra crisi del sistema economico e crisi del sistema politico.

Un colosso della finanza mondiale, la banca d’affari statunitense JP Morgan, riprende il tema e lo affronta con una sua speciale interpretazione e con la relativa ipotesi di soluzione (leggi qui). Leggi il resto di questa voce

NAPOLITANO SOSPINGE IL PD VERSO UN’INGLORIOSA DISSOLUZIONE

di Gad Lerner, http://www.gadlerner.it/, 19 luglio 2013

Divenuto de facto leader incontrastato di un Partito Democratico rimasto acefalo dopo le dimissioni di Bersani, il presidente Giorgio Napolitano lo sta sospingendo a passi rapidi verso l’autodissoluzione. Nessuna delle scelte Pd compiute dalla sua rielezione al Quirinale in poi – condizionata dall’accettazione della suicida alleanza con Berlusconi – avrebbe superato il vaglio di una consultazione democratica fra gli iscritti. Non a caso il congresso è stato rinviato dopo l’estate (si sarebbe potuto benissimo celebrare in questi giorni) e ancora non si è avuta la decenza di fissarne la data: chi persegue in silenzio la strategia delle larghe intese sa benissimo che il governo Letta non sopravviverebbe a un vero congresso. Leggi il resto di questa voce

PICCOLE PAROLE DI APPREZZAMENTO PER RENZI (… E SARANNO LE ULTIME)

di Simone Negri, http://simonblacks.wordpress.com

Sarà la necessità di movimento quasi futurista che sento negli ultimi giorni, sta di fatto che per qualche ora ho visto in maniera più benevola la parabola di Matteo Renzi. Poi lo ho ascoltato nella chiacchierata da bar di Mentana (peraltro che strano format televisivo… è andato avanti fino al deperimento fisico dell’ospite) ed ho avuto la conferma che per me resta un boccone indigeribile. Leggi il resto di questa voce

BUCCINASCO: COMUNICATO FORZE POLITICHE DI MAGGIORANZA

Dopo un anno di governo cittadino siamo soddisfatti dell’operato della Giunta Maiorano. Nel 2012 ha ereditato un Comune con delle situazioni molto intricate, con problemi irrisolti, con fatti molto gravi che riguardano tutti i campi dell’Amministrazione locale, nessuno escluso. In pochi mesi ha realizzato un nuovo PGT, rispettando appieno il mandato ed il programma elettorale. Leggi il resto di questa voce

CONGRESSO PD: PREOCCUPAZIONI E ORIENTAMENTI

PD_BUCCINASCO_Congresso_bdi Giambattista Maiorano

C’è una gran voglia di discutere, di confrontarsi, di far sentire la propria voce, la rabbia spesso per scelte che, seppur imposte dalla stranissima situazione del dopo voto, non sono state metabolizzate e che difficilmente lo potranno essere. C’è già chi è pronto a scattare ai nastri di partenza, chi ancora attende chiedendo regole, chi ci sta pensando, chi reclama a gran voce e a ragione le date del Congresso. Su questo una parola definitiva verrà detta il 31 luglio. Mi fido del Segretario Nazionale e della Commissione: sono convinto, salvo imprevisti sempre possibili, che si farà entro l’anno, tra novembre e dicembre.

Non mi stupisce il guazzabuglio di opinioni. Leggi il resto di questa voce

FATTI, CHIACCHIERE E CALUNNIE

Maioranodi Giambattista Maiorano

«Non ti curar di lor, ma guarda e passa». Lo diceva il poeta. Voglio con forza riproporre questo motto, ma qualche sassolino dalla scarpa, così per celia, permettete che me lo levi. Lo faccio dopo un periodo di duro lavoro e dopo tre fatti che rappresentano tre obiettivi pienamente raggiunti dalla mia amministrazione: l’approvazione del Piano di Governo del Territorio (PGT), l’aggiudicazione ad AMSA Milano della gara sulla raccolta rifiuti e l’aggiudicazione all’Associazione Poeti Erranti (APE) della gara per la gestione amministrativa e operativa della Civica Scuola di Musica. Leggi il resto di questa voce

FATTI DI LEGALITÀ: A BUCCINASCO COMANDA LO STATO

orti_abusividi David Arboit

Ho vistato nel marzo 2013, insieme a un compagno di partito, la zona di Buccinasco del quartiere Terradeo, dietro al campo Sinti, in cui sono collocati gli orti e altri manufatti abusivi. Abbiamo visto con i nostri occhi la situazione di degrado e di illegalità che c’era. Evidente e incontestabile, perciò, la necessità di sanare la situazione. Leggi il resto di questa voce

LA GRANDE CONFUSIONE DEL PARTITO DEMOCRATICO

Eugenio Scalfari, La Repubblica, 14 luglio 2013

Si sapeva da tempo, anzi da sempre, che una condanna definitiva di Silvio Berlusconi, quando fosse arrivata, avrebbe provocato un terremoto. Si sapeva e non stupiva nessuno: Forza Italia prima e il Pdl poi sono partiti acefali, anzi non sono partiti, sono elettori che hanno in comune alcune emotività come l’anticomunismo, l’odio per le tasse e l’ostilità verso lo Stato e sono anche “lobbies” portatrici d’interessi concreti da soddisfare rapidamente.
 Leggi il resto di questa voce

ILS ONT PEUR DE TOUT

BUCCINASCO HA UN NUOVO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

logoPGTdi David Arboit

Buccinasco, 11 luglio 2013, ore 23 e 18: il Consiglio Comunale approva il Piano di Governo del Territorio. Si conclude così un anno di lavoro e di impegno a volte serratissimo, e che  ha messo a dura prova un po’ tutti: Sindaco, Consiglieri e dipendenti dell’Ufficio tecnico del comune.

I Sindaci che ci hanno preceduto hanno lavorato per fare le rotonde e per fare in modo che Buccinasco restasse una città verde, ricca di parchi e ben alberata. Noi abbiamo voluto fare un passo in più, un passo avanti che fosse all’altezza dei bisogni più veri e sentiti della cittadinanza. Leggi il resto di questa voce

COSA È SUCCESSO (DAVVERO) OGGI 10 LUGLIO 2013

matteo-orfini1Matteo Orfini

http://orfini.wordpress.com, 10 luglio 2013

Questa mattina eravamo convocati alle 10 per discutere e votare alcuni provvedimenti. Come spesso capita, all’inizio della seduta è stato comunicato un primo rinvio della seduta perché era in corso una discussione sul calendario in consiglio di presidenza. La ragione era evidente a tutti, anche perché era sui giornali. Il Pdl stava chiedendo una sospensione di tre giorni dell’attività parlamentare in seguito alla nota decisione della Cassazione sulla data della sentenza Mediaset. La richiesta era ovviamente irricevibile e vergognosa. E infatti è stata respinta. Leggi il resto di questa voce

INTERVISTA A GUGLIELMO EPIFANI: «SUPERATO OGNI LIMITE, COSÌ NON SI VA AVANTI»

unità_11_07_2013SIMONE COLLINI

L’Unità, 11 luglio 2013

«Il Pdl mette a rischio la funzione stessa di questo governo. C’è un limite oltre il quale il nostro senso di responsabilità, che anche oggi abbiamo dimostrato, non può andare. O c’è un chiarimento serio, o il Pdl dimostra di essere interessato ai problemi del Paese e non alle vicende giudiziarie di Berlusconi, oppure con la stessa forza con cui abbiamo fatto nascere questo governo diciamo che così non si può andare avanti». Guglielmo Epifani non sottovaluta affatto quanto avvenuto ieri. E in questa giornata di bagarre a Montecitorio innescata dal Pdl e da un Beppe Grillo che invoca nuove elezioni, il segretario del Pd lancia il suo ultimatum: «Noi non temiamo nulla, quale che sia l’evolversi della situazione». Leggi il resto di questa voce

ASPETTANDO RENZI: BETTINI PRESENTA IL SUO DOCUMENTO PER IL CONGRESSO PD

Angela Mauro, http://www.huffingtonpost.it, 9 luglio 2013

Ventitrè pagine, 32 firme, ma la sala al Capranichetta è affollata, quasi a voler dire di più dello stesso elenco dei firmatari. Goffredo Bettini, ex coordinatore del Pd di Walter Veltroni, presenta il suo documento congressuale (leggi qui) e comincia a segnare il territorio di Matteo Renzi a Roma. Per carità, va detto: documento a parte, il tutto è molto acerbo, perché il sindaco di Firenze ufficializzerà la sua candidatura solo a settembre. Però Bettini non nasconde la sintonia con il sindaco di Firenze, pur sottolineando che “non è il momento di forzare: da qui all’autunno il cammino è lungo”. E poi l’empatia è corrisposta dal primo cittadino toscano, che in un’intervista a Repubblica ha espresso apprezzamento per l’iniziativa romana. Leggi il resto di questa voce

CONGRESSO PD, I NODI RESTANO FINO A DOPO L’ESTATE

Angela Mauro, http://www.huffingtonpost.it, 8 luglio 2013

Doveva essere una giornata clou per le decisioni del Pd sulla sua prossima assise nazionale, regole, data, rapporto tra segretario e premier. Invece la riunione della commissione per il congresso in mattinata al Nazareno ha prodotto ben poco. Il nodo su leader e guida del governo verrà affrontato in un’altra riunione giovedì. La data delle primarie – probabilmente a dicembre – verrà decisa dalla direzione entro fine luglio. Leggi il resto di questa voce