Archivio mensile:maggio 2013

DARIO FO RACCONTA FRANCA RAME

ARIA PULITA NELL’AULASANA DI VIA EMILIA

aulasanaSi è conclusa la fase di osservazione del progetto che ha portato nella primavera del 2011 all’installazione di due aeratori in un’aula al piano rialzato dell’istituto scolastico dove oggi si respira un’area migliore. Un progetto-pilota che vede Buccinasco all’avanguardia per l’attenzione alla qualità dell’aria nelle scuole

Buccinasco (31 maggio 2013) – Sono rarissime in Italia le scuole dotate di ricambio d’aria ad alta filtrazione, recupero di calore e riduzione di livello acustico. Tra le pochissime c’è la scuola media statale di via Emilia, dove si è concluso il periodo di osservazione del Progetto AulaSana, che ha portato nella primavera del 2011 all’installazione di due aeratori in un’aula dell’istituto scolastico dove oggi si respira aria migliore.

Leggi il resto di questa voce

L’IGNORANTE MALAFEDE DI UN BUFFONE CHE RECITA LA PARTE DEL POLITICO

grillo_rana

di David Arboit

Beppe Grullo non demorde, ma lo capisco, il suo principio di vita è: the show must go on. Ecco allora che esibendo un disprezzo assoluto della logica e del principio di non contraddizione si mette la maschera del “maestrino dalla penna rossa” per scrivere lui stesso la lista dei “maestrini dalla penna rossa”. Sono quelli che hanno osato contraddirlo e ipotizzato che pure lui, in fondo, sia un essere umano e possa perfino aver fatto qualche errore. Leggi il resto di questa voce

ELEZIONI COMUNALI: VOTO, CINQUE MESSAGGI ALL’ITALIA

Fonte: L’Unità, 29 maggio 2013

Di Pietro Spataro

Nelle urne è accaduto il contrario del previsto. Con un tratto di matita gli elettori hanno smentito le certezze degli analisti e i numeri dei sondaggisti: e infatti il Pd non è sparito, Berlusconi non ha in mano le chiavi del Paese e Grillo non è il deus ex machina del nuovo che avanza. Le cose, come sempre, sono più complesse e i segnali del voto ci dicono, in modo certo confuso, che il Paese non è un malato terminale: la spinta al cambiamento resiste e il bipolarismo destra-sinistra resta il cuore del sistema politico. Semplificando, sono cinque i messaggi in bottiglia spediti a Roma dalle città d’Italia. Leggi il resto di questa voce

28 maggio 2013: GIOVANNI FLORIS INTERVISTA PIERLUIGI BERSANI

MATTEO RENZI: «M5S, ORA LAVORIAMO INSIEME. IL GOVERNO NON TIRI A CAMPARE»

Matteo Renzi

fonte: Il Messaggero

di Barbara Jerkov

Grillo attacca, il centrosinistra esulta, il centrodestra rilancia. Queste elezioni le hanno vinto davvero le larghe intese, sindaco?
«Prima di parlare di chi ha vinto o chi ha perso», premette Matteo Renzi, «dobbiamo parlare dell’astensione, che per le sue dimensioni ci deve preoccupare tutti, e molto. Quelli che il 25 febbraio avevano votato contro il sistema, stavolta a votare nemmeno ci sono andati. E’ un avvertimento allarmante per tutti, sinistra e destra». Leggi il resto di questa voce

LA SECONDA REPUBBLICA E’ FINITA SOLO ORA

fonte: Limes 

di Francesco Giovanni Truglia e Alessandro Zeli*

L’analisi del voto delle ultime elezioni politiche rivela l’erosione della base territoriale dei maggiori partiti e della Lega. Anche la vecchia contrapposizione “progressista vs conservatore” è superata. Il Movimento di Grillo ha raccolto e unificato blocchi sociali diversi. Leggi il resto di questa voce

C’È QUALCOSA DOPO IL PD?

di Marco Damilano, L’espresso, 24 maggio 2013

All’ingresso della sezione, ad ascoltare sul marciapiede, c’è Roberto Martini, impiegato, c’era anche nel documentario “La Cosa” di Nanni Moretti sul passaggio dal Pci al Pds, era il giovane compagno con i baffi che invocava il cambio del nome, «perché, compagni, la bandiera rossa fa venire i brividi a tutti, compreso il sottoscritto. Ma bisogna vedere la sostanza politica. Perché altrimenti, tra vent’anni, staremo ancora qui a parlare…». Leggi il resto di questa voce

IL PARTITO DEMOCRATICO VUOLE DAVVERO IL “CAMBIAMENTO FORTE”?

di David Arboit

«Il congresso del Pd deve avere – scrive giovedì 23 maggio Guglielmo Epifani sul suo profilo facebook – l’ambizione di dare al paese la proposta ed il programma per un cambiamento forte, di rafforzare e aggiornare l’identità e la cultura politica dei democratici, di ricostruire un rapporto di fiducia e di passione con i militanti, gli iscritti e gli elettori.» Affermazione tanto roboante quanto concretamente insignificante e fuori dalla realtà. Leggi il resto di questa voce

INTERVISTA A GIANNI CUPERLO: «FUORI DAL CENTROSINISTRA IL PD NON HA SENSO»

Gianni-Cuperlo_02Di Daniela Preziosi

Il Manifesto, 24 maggio 2013

«Sulla legge elettorale abbiamo un imperativo categorico, ormai persino morale: non tornare mai più al voto con il porcellum. Per questo il parlamento deve affrontare la riforma come una priorità. Apportare correttivi di superficie rischia di lasciare inevaso il tema di fondo: la nuova legge deve garantire per un verso la governabilità, cioè essere in grado di esprimere una maggioranza politica che possa governare il paese; per altro verso, deve restituire agli elettori il diritto di scegliere i propri rappresentanti. Leggi il resto di questa voce

INELEGGIBILITÀ: L’IMBARAZZO AVVELENA IL PD

Federico Geremicca, La Stampa del 24 maggio 2013

Un coro. Con qualche voce dissonante, certo, e qualche tono più basso, più imbarazzato di altri. Ma se si dovesse fotografare la reazione della cittadella politica romana alle motivazioni con le quali la Corte d’Appello di Milano ha confermato la condanna di Silvio Berlusconi a quattro anni di carcere e a cinque di interdizione dai pubblici uffici per frode fiscale, quella del coro è un’immagine che regge a sufficienza. Leggi il resto di questa voce

IL PARTITO DEMOCRATICO E LA MANIFESTAZIONE DELLA FIOM

di David Arboit

La manifestazione della FIOM di sabato 18 maggio ha giustamente aperto una discussione a sinistra.

Ad Avellino, durante una manifestazione elettorale, domenica 19 maggio, il neosegretario del Partito Democratico Guglielmo Epifani ha affermato che «Non mi piace la sinistra che di fronte alle difficoltà scappa sempre. Per questo non si deve tornare a due sinistre: una che si fa carico delle responsabilità l’altra che non le vuole. Sel si era presentata con noi al voto, ma alla prima difficoltà ha sciolto il matrimonio: si vede che non era un’unione molto solida». Leggi il resto di questa voce

PROCESSO CERBERUS, MAIORANO: “NON ABBASSIAMO LA GUARDIA!”

leggeugualepertuttiDopo il processo d’Appello bis che ha confermato le condanne del 2011, il sindaco esprime la sua fiducia nella giustizia, ricordando l’importanza di tutte quelle azioni amministrative che scoraggino qualsiasi infiltrazione mafiosa. Continua anche il lavoro culturale con scuole, giovani, associazioni.
Leggi il resto di questa voce

ORTI COMUNALI: CHE SIANO VERAMENTE UNA OPPORTUNITÀ PER TUTTI

orti_alpinidi Guido Morano

Da tempo il Comune di Buccinasco dispone di 2 aree in Via Degli Alpini e in Via dei Lavoratori suddivise in numerosi orti, che vengono periodicamente assegnati mediante bando, a chi ne fa domanda.

La creazione di queste aree, di proprietà del Comune e che quindi sono un bene di tutti, è nata per rispondere alla domanda sia culturale sia sociale di numerosi cittadini che giunti all’età della pensione sentono il bisogno o di recuperare una tradizione delle loro origini contadine o di mantenere un impegno che dia la sensazione di “rimanere attivi”. Leggi il resto di questa voce

GUGLIELMO EPIFANI: «PD ALL’ATTACCO PER RISALIRE LA CHINA. LA NOSTRA PRIORITÀ È IL LAVORO»

GUGLIELMO-EPIFANISimone Collini

L’Unità, 19 maggio 2013

La lealtà nei confronti del governo Letta, il monito a Berlusconi, gli appelli al gruppo dirigente del Pd e le iniziative per incontrare e rimotivare militanti ed elettori perplessi, delusi, anche infuriati. Passata una settimana da quando è stato eletto segretario, Guglielmo Epifani parla di quel che il Pd deve fare per «risalire la china», dell’impegno che il partito deve mettere nella sfida delle amministrative (lui ieri era a Roma con Marino, oggi sarà ad Avellino e domani a Siena al fianco dei candidati sindaci), delle altre battaglie politiche e sociali. A partire da quella, prioritaria, del lavoro per i giovani («È la vera grande emergenza del Paese»). Leggi il resto di questa voce

ROMA, 18 MAGGIO 2013, MANIFESTAZIONE FIOM: INTERVENTO DI MAURIZIO LANDINI

INTERVISTA A MATTEO ORFINI: NON SERVE FLESSIBILITÀ MA MENO PRECARIETÀ

Di Giovanna Casadio, La Repubblica, 18 maggio 2013

«Capisco che Prodi sia amareggiato, ma deve restare e aiutarci a ricostruire il Pd. Ora con l’elezione di Epifani alla guida del partito è stata fermata la caduta». Matteo Orfini, leader dei cosiddetti “giovani turchi”, la sinistra democratica, lancia però l’allarme: «Stiamo attenti a non trasformare il congresso in una sfida all’Ok Corral». E boccia le proposte avanzate su Repubblica da Sergio Chiamparino, pronto a correre per la segreteria: la sua è una ricetta superata. Leggi il resto di questa voce

PAPA FRANCESCO AGLI AMBASCIATORI: SULLA INGIUSTIZIA DEL SISTEMA ECONOMICO MONDIALE

Roma_18-05_2013Papa Francesco, 16 maggio 2013

Signori Ambasciatori,

l’umanità vive in questo momento come un tornante della propria storia, considerati i progressi registrati in vari ambiti. Dobbiamo lodare i risultati positivi che concorrono all’autentico benessere dell’umanità, ad esempio nei campi della salute, dell’educazione e della comunicazione. Tuttavia, va anche riconosciuto che la maggior parte degli uomini e delle donne del nostro tempo continuano a vivere in una precarietà quotidiana con conseguenze funeste. Leggi il resto di questa voce

INTERVISTA A GUSTAVO ZAGREBELSKY: NON C’È PACIFICAZIONE SENZA VERITÀ E GIUSTIZIA

Carmelo Lopapa, La Repubblica, 18 maggio 2013

L’ora della mobilitazione, per reagire «a questa condizione crepuscolare della democrazia». Per difendere la Costituzione ancora una volta «a rischio» dall’attacco che le viene mosso da una «oligarchia politica» che ricorre adesso a una Convenzione «estranea alla Costituzione». Parla di tentativo di «normalizzare» il Paese, il presidente emerito della Consulta Gustavo Zagrebelsky, altro che di «pacificazione». E di parlamentari che «senza titoli» si son messi in testa di cambiare volto alla Carta. Leggi il resto di questa voce

IL MOVIMENTO 5 STELLE HA DIFESO IL SISTEMA

grillo_guerra

di Wu Ming

Internazionale, 27 febbraio 2013

In risposta ai commenti e alle reazioni provocate da questo articolo, i Wu Ming hanno pubblicato il 27 febbraio 2013 nel loro sito Giap un post intitolato Perché “tifiamo rivolta” nel Movimento 5 stelle.

Adesso che il Movimento 5 stelle sembra aver “fatto il botto” alle elezioni, non crediamo si possa più rinviare una constatazione sull’assenza, sulla mancanza, che il movimento di Grillo e Casaleggio rappresenta e amministra. L’M5s amministra la mancanza di movimenti radicali in Italia. C’è uno spazio vuoto che l’M5S occupa… per mantenerlo vuoto. Leggi il resto di questa voce

PRIMA TOGLIAMO DI MEZZO IL PORCELLUM, MEGLIO È

http://www.partitodemocratico.it

Nel giorno dell’annuncio de ministro Dario Franceschini dell’avvio, il prossimo 29 maggio in Aula alla Camera, del dibattito sulle riforme, il Pd con varie iniziative torna a chiedere l’immediata abrogazione del porcellum. Leggi il resto di questa voce

IL PD HA LA FORZA DI CAMBIARE E PER CAMBIARE L’ITALIA

Casati Morano Maiorano

Morano, Casati, Maiorano

[di Guido Morano] Dopo la disastrosa gestione di inizio legislatura e dopo la nascita del governo Letta Alfano, si sono succedute nei commenti di personalità autorevoli, ma anche in quelli dei semplici elettori del nostro partito, valutazioni che oscillavano tra il furente e il deluso, mentre sui giornali si apriva la celebrazione del funerale del progetto politico del PD. Anche noi nel Circolo di Buccinasco dopo l’affossamento di Prodi e di Rodotà abbiamo sentito l’urgenza e la necessità di ragionare cercando di andare oltre la rabbia e la delusione dei primi momenti.

Leggi il resto di questa voce

LE FAVOLETTE DI MARCO TRAVAGLIO SU GRILLO

di Cristoforo Boni, L’Unità, 4 maggio 2013

Tra le favole di Marco Travaglio la più stupida è quella su Beppe Grillo, che generosamente ha tentato in questi due mesi di formare un governo Pd-Cinque stelle e che, poveretto, è stato travolto dalla ferrea determinazione all’«inciucio» di Bersani, Letta e Berlusconi. Leggi il resto di questa voce

11 MAGGIO 2013 ASSEMBLEA NAZIONALE DEL PARTITO DEMOCRATICO: INTERVENTO DI BERSANI E ALTRI

Matteo Renzi     Renato Soru    Gianni Cuperlo     Enrico letta     Laura Puppato     Enrico Rossi    Pippo Civati    Barbara Pollastrini     OccupyPD     Stefano Fassina    Sandro Gozzi    Rosy Bindi   

MATTEO ORFINI: I NOSTRI SLEALI EQUILIBRI

matteo-orfini1Di Daniela Preziosi

Il manifesto, 10 maggio 2013

«Dobbiamo liberarci dello shock di quello che è successo. Il gruppo dirigente del Pd ha esaurito la sua funzione, è dominato dalla chiusura e dalla paura. Paura dei propri elettori, del sostegno al governo, di fare una proposta. Dobbiamo scuoterci e affrontare una partita complicata, vivendo i prossimi mesi come l’occasione per rifondare il Pd. Se cerchiamo solo di traghettare nella nuova fase gli equilibri della vecchia facciamo un danno al Pd e al paese». Parla Matteo Orfini, area Rifare l’Italia, ovvero i giovani turchi. Era per il no alle larghe intese, per disciplina ha votato sì alla fiducia al governo. Era nella segreteria di Bersani, si è dimesso, non ha incarichi nell’esecutivo. Leggi il resto di questa voce

7 MAGGIO 2013: SONDAGGIO ELETTORALE

Sondaggi-07-mag-

12 MAGGIO, CASCINA ROBBIOLO: IL PD NEL GOVERNO LETTA E VERSO IL CONGRESSO

La necessità di discutere insieme di quello che sta avvenendo nel partito e di quali possano essere le prospettive per il nostro futuro. L’unica cosa che abbiamo chiara è che vogliamo rimanere nel PD e sentiamo necessità di trovare spazi di discussione aperta a tutti. Abbiamo chiesto a Ezio Casati ed Emanuele Fiano, Deputati del PD,  di confrontarci su quanto è accaduto nell’ultimo periodo e cosa intendono proporre per il futuro del nostro Partito. Sentiamo la necessità di allargare la discussione, coinvolgendo il più possibile gli iscritti, i simpatizzanti,  gli elettori  delle primarie, cittadini comuni.  L’incontro si terrà domenica 12 maggio dalle 10 alle 12 in Cascina Robbiolo di Via Aldo Moro a Buccinasco.

Nel Governo Letta e verso il Congresso

LA CONVENZIONE PER LE RIFORME: ATTENTI AL TRAPPOLONE

di GIOVANNI SARTORI, Corriere della Sera, 8 maggio 2013

Il primo maggio nel mio editoriale (leggi qui) avevo deliberatamente ignorato la proposta dei «saggi» di creare un nuovo organo costituente battezzato Convenzione per le riforme addetto, appunto, a rivedere e rifare la nostra Costituzione. L’avevo ignorata perché mi interessava spiegare come ci potevamo facilmente liberare del Porcellum sostituendolo con uno dei due sistemi elettorali più accreditati e ben riusciti dell’Occidente: il sistema maggioritario a doppio turno della Francia, oppure il sistema tedesco. Leggi il resto di questa voce

IL SINDACO MAIORANO AD AFFARITALIANI: I COMUNI DEL SUD-OVEST SI UNISCANO

MaioranoDi Tommaso Cinquemani

http://www.affaritaliani.it, 7 maggio 2013

«In attesa della nascita della città metropolitana i comuni dell’hinterland dovrebbero gestire alcuni servizi in maniera comune per liberare risorse per la crescita”. Giambattista Maiorano, sindaco di Buccinasco, con una intervista ad Affaritaliani.it promuove il processo di integrazione tra i comuni del sud-ovest e lancia l’allarme bilancio: “Se non si interverrà su Imu e Tares ne risentiranno i servizi ai cittadini. Vorrei che si arrivasse ad una imposta unica sulla casa“. E sui tagli ai costi della politica: “I consiglieri prendono 12 euro a seduta, si tratta ormai di volontariato”. Leggi il resto di questa voce

“PD SUICIDA IN UN GOVERNO SBAGLIATO”. COFFERATI: CONGRESSO E PRIMARIE

cofferatidi Sergio Cofferati

Fonte: Blitz Quotidiano del 07/05/2013 (CLICCA QUI)

ROMA – La patologia sta rapidamente mutando e da autolesionismo diviene propensione al suicidio. Sto parlando, ovviamente, del malanno che attanaglia il Partito Democratico. Il comportamento tenuto durante l’elezione del Presidente della Repubblica ha reso esplicite le contraddizioni interne e la totale mancanza di solidarietà e disciplina interna al gruppo dirigente allargato. La conseguenza inevitabile è stata  l’adesione passiva al governo politico di larghe intese che era considerato approdo inaccettabile e addirittura blasfemo.
Leggi il resto di questa voce