LA SFIDA DI RENZI: “RIFONDARE IL PD. UN ANNO DI GOVERNO E POI AL VOTO”

Matteo Renzi, Sindaco di Firenze

Matteo Renzi, Sindaco di Firenze

RENZI, COSI’ RIFONDERO’ I DEMOCRATICI

Il quotidiano “la Repubblica” intervista il sindaco di Firenze. “Basta inseguire Grillo, dettiamo noi l’agenda a partire dall’emergenza lavoro”. E apre al presidenzialismo

di CLAUDIO TITO (Clicca Qui per leggere l’intervista)

“CAMBIARE il Partito Democratico per cambiare l’Italia”. Il giorno dopo l’elezione di Giorgio Napolitano e le dimissioni in blocco del gruppo dirigente del Pd, Matteo Renzi lancia la sua sfida. È pronto a candidare il suo progetto a favore di un “nuovo riformismo “. Vuole un partito rinnovato, capace di interpretare il Paese e che non si paralizzi nella difesa delle “sue correnti”. Il sindaco di Firenze sprona i democratici ad accettare la sfida di un “infingardo” come Beppe Grillo dettando l’agenda del governo che sta per nascere. “Mettiamoci la faccia anche con un nostro premier” ma indicando le priorità a cominciare dall’emergenza lavoro e senza aver paura del popolo del web. Un esecutivo che duri non più di un anno per poi tornare al voto con una nuova legge elettorale e dopo aver approvato un pacchetto di provvedimenti che diano una boccata d’ossigeno ai cittadini. E magari dopo aver introdotto l’elezione diretta del capo dello Stato. “A questo punto il Pd è in un angolo. O ne esce oppure salta in aria”.

(Clicca Qui per leggere l’intervista)

Annunci

Pubblicato il 22 aprile 2013, in POLITICA NAZIONALE con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Il PD «Si faccia avanti con le sue idee. E le imponga al nuovo governo.» dettando l’agenda del governo che sta per nascere. «Mettiamoci la faccia anche con un nostro premier» ma indicando le priorità.
    Imporre la linea del governo a Pdl e m5s con un partito che si scanna e si divide sulla presidenza della repubblica? È una proposta sensata e aderente alla realtà di fatto del partito o sono chiacchiere?
    Le forze che appoggeranno il governo quale potere di condizionamento avranno sulle scelte del governo? Con quale forza il PD può imporre oggi a qualcuno qualcosa? Abbiamo i voti in senato per imporre qualcosa a qualcuno?
    Ecco la risposta: «E tutto questo lo si può fare – chiede il giornalista – con un governo insieme a Berlusconi? “Non mi interessa questa discussione sulle larghe intese o su Berlusconi. Non mi preoccupa il Pdl, con loro abbiamo già fatto un governo. Pensiamo a quel che si deve fare.» Riposta: il problema non mi interessa, non esiste.
    E già, e proprio vero «Con loro abbiamo già fatto un governo» e proprio per questo abbiamo regalato a Grillo tutta la rabbia per le ingiustizie e economiche e sociali che il governo sostenuto da noi ha fatto. Per chi avranno votato gli esodati? Per chi avranno votato quelli che sono stati “liquidati” dalla legge Fornero?

    Verissimo che «Il problema, quello vero, è il lavoro. » ma quale soluzione potrà dare a questo tema un governo sostenuto fa forze che sul tema del lavoro hanno posizioni molto differenti?

    «Nei primi cento giorni di governo si semplifichi la normativa sul lavoro». Frase ambigua, che cosa significa? Un altro passo verso Pietro Ichino, verso il baratro della distruzione del diritto del lavoro?

    «Spero che questa sia stata l’ultima volta di un capo dello Stato eletto in questo modo.» Presidenzialismo? Stessa idea di Berlusconi! Perfetto, No grazie!

    «Mettiamoci la faccia e diciamo noi quel che va fatto. Poi può presiederlo anche uno d’area centrosinistra. Non si può essere terrorizzati da un tweet. Al primo cinguettio c’è qualcuno che se la fa addosso. Io voglio che i democratici diano la linea al web e non viceversa. I nostri militanti, quelli che si sacrificano, i volontari non vogliono che i loro leader siano impauriti.» Insomma freghiamocene altamente di quello che pensano i nostri militanti che in maggioranza non vogliono un governassimo. Si abbia il coraggio di andare contro la volontà del popolo del PD: adesso!

    La faccia? Caro Renzi, mettici la tua io la mia non ce la metto.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: