IL PROTOCOLLO DI LEGALITÀ DEL COMUNE DI MERLINO

Merlino_Gonfalonedi David Arboit

Merlino è un piccolo Comune di (1600 abitanti) in Provincia di Lodi. Nel 2012 ha approvato un Protocollo di Legalità a cui possono aderire le imprese edili e immobiliari che lavorano su appalti privati.

Che cosa prevede il protocollo?

Le aziende che vogliono lavorare sul territorio del Comune di Merlino aderendo al Protocollo di legalità si obbligano volontariamente a comunicare la composizione della società (compresa di casellario giudiziale dei titolari e dei soci), i bilanci degli ultimi due anni di attività, il numero e l’identificazione degli operai che operano nel cantiere e il numero di targa dei mezzi che vi transitano, l’elenco di tutti i fornitori e i subappaltatori così come previsto dal giugno 2010 dal ministero dell’Interno per il settore degli appalti pubblici. L’adesione al protocollo avviene nel momento in cui si firma la convenzione tra Comune e azienda.

Partendo dalla legge 12-2005 della Regione Lombardia, che prevede la concessione del 15% di volumetria in più per chi costruisce decidendo di attuare scelte migliorative riguardo all’efficienza energetica, il Comune ha previsto che sia assegnato all’impresa un bonus del 7% di volumetria per il rispetto delle norme sulla sostenibilità ambientale ed energetica e il restante 8% sia assegnato se si sottoscrive il Protocollo di Legalità.

«È uno strumento per poter governare, che pone dei validi paletti, delle regole precise da seguire per contrastare l’illegalità – ha affermato in una intervista al quotidiano Il Giorno il Sindaco Giovanni Fazzi –. Un imprenditore che presenta un piano di lottizzazione deve fornire un quadro preciso delle attività dal punto di vista societario, di bilanci e flussi finanziari, subappalti, acquisto e trasporto dei materiali, tracciabilità di personale e mezzi di cantiere, anche per evitare il lavoro nero; tutte comunicazioni che vengono poi girate alla Prefettura. In caso di inadempienza vi è la sospensione del contratto con una penalità del 20% a favore del Comune. È un meccanismo che garantisce trasparenza, è a difesa della cittadinanza, tutela l’ente, valorizza le imprese sane del territorio».

Il testo del protocollo

Annunci

Pubblicato il 25 marzo 2013, in LEGALITA', POLITICA LOCALE con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: