UN COMITATO GENITORI, SENZA DISTINZIONI, SENZA ETICHETTE

bimbi a scuola[ di Simona Sisti ]

Pubblichiamo in evidenza l’interessante commento di una mamma all’articolo intitolato “Diritto di scelta” di Barbara Massa.

Sono un genitore di ragazzi che hanno frequentato sia l’asilo parrocchiale che la scuola pubblica. Ritengo di dovermi soffermare a riflettere sulla questione poiché ciò mi pare troppo importante da diversi punti di vista.
1- la questione fondamentale mi pare di aver capito è la sottoscrizione di una convenzione che a detta del comitato genitori dell’ Asilo Don Stefano Bianchi non è finanziariamente all’altezza delle precedenti.
Mi sono documentata in merito e mi pare che il Comune stia proponendo una copertura finanziaria erogata all’asilo che non ha eguali in tutto il territorio nazionale, che la Regione Lombardia abbia più volte tagliato i fondi alla scuola paritaria e che l’attuale situazione economica sia orientata al contenimento visto la crisi in atto.
2- Forse la questione di fondo è l’orientamento politico volto al riconoscimento della fondamentale funzione pubblica che l’asilo ha ricoperto negli anni e che ancor oggi viene pienamente ribadita dall’amministrazione comunale.
3- Forse allora mi sono detta è solo una questione di muro contro muro per non cedere di un passo di fronte a quanto già sottoscritto dall’amministrazione comunale e il CdA dell’Asilo Don Stefano Bianchi. Ritengo questa ultima ipotesi la più plausibile; mi ha molto turbato lo striscione esposto da alcuni genitori fuori dal Comune di Buccinasco e apparso nell’articolo sul giornale Il Giorno (Clicca QUI). Si parla di dignità delle persone che all’interno dell’amministrazione stanno cercando di amministrare al meglio, con fatica, con enorme dispendio di energie e tempo, con il solo obiettivo di conseguire il “bene collettivo” che spesso non coincide mai con il bene del “singolo gruppo” ma è frutto di mediazione.
Per fare tutto ciò riconosco a chi ha lavorato e lavora a questo progetto una gran voglia di cercare il meglio per tutti i cittadini, come il mandato costituzionale prevede per degli amministratori pubblici.
La dignità la si perde nel momento in cui devolvo fondi pubblici per fini personali, di gruppo, quando utilizzo il bene comune per affari personali, quando accetto denaro per orientare le scelte pubbliche anzichè avere come unico e ultimo criterio di valutazione il bene collettivo.
Bene, credo allora che sicuramente qui non sia in gioco la dignità delle persone ma la volontà di capirsi, ascoltarsi, e non tirare pietre a chi, come è successo nel Vangelo di oggi, è costretto a nascondersi per aver tentato di presentare una realtà diversa da quella che si vuole vedere. Tutto ciò si inserisce in un quadro generale nazionale di politica dell’istruzione ritenuta servizio accessorio e complementare ad altre funzioni più importanti.
Da anni nella scuola pubblica statale i tagli ai fondi di istituto hanno annientato le risorse e le competenze che erano in campo e che tanti risultati avevano saputo realizzare, hanno tagliato ogni possibilità di progettualità poichè ogni anno scolastico ci si aspetta sempre meno e si sa che non si riuscirà a realizzare quanto precedentemente fatto; spesso si lavora nella scuola come servizio di puro volontariato con enormi ringraziamenti da parte dei genitori che non si capacitano di come risorse e persone siano costrette a lavorare in un ambiente ormai così degradato.
Sarebbe importante davvero aprire un tavolo di discussione sul ruolo fondamentale per ogni comunità che è quello dell’educazione e istruzione dei nostri figli, del nostro domani.
Accetto ben volentieri la proposta di Barbara Massa (Clicca QUI) e mi rendo disponibile già da ora per far parte di un comitato genitori scuola, senza distinzioni o etichette, semplicemente genitori che affronti apertamente le immense tematiche di discussione facendo partire dal nostro piccolo centro cittadino una sollecitazione e un appello a considerare ancora la scuola in tutte le sue forme la nostra unica possibilità di futuro.

Simona Sisti

Annunci

Pubblicato il 3 marzo 2013, in SCUOLA con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: