SI È FELICEMENTE CONCLUSO IL LUNGO E TRAVAGLIATO PERCORSO DI NOVA TERRA

nova_terra2

di David Arboit

Una vicenda nata male che “per fortuna”, o forse sarebbe meglio dire “per precisa volontà politica”, NON finisce peggio.

Libertà di educazione, sussidiarietà, valore pubblico della scuola privata, possono essere slogan da spendere furbescamente in campagna elettorale per strizzare l’occhio ai cattolici, oppure possono diventare criterio guida di una pratica politica con cui si risolve con sollecitudine un problema. “Sollecitudo rei socialis” è il titolo di una mai dimenticata, e per certi versi storica,  enciclica di Giovanni Paolo II.

Quando si è insediata l’amministrazione di Centrosinistra guidata da Gianni Maiorano la situazione di partenza per Nova Terra era un groviglio apparentemente inestricabile. I fili assai ingarbugliati della matassa erano il prodotto da un lato di un’ingenua incompetenza, condita con un pizzico di avventurismo irresponsabile, e d’altro lato di una nota e consolidata malafede, che in certi frangenti si era rappresenta, o era stata rappresentata, come “redenta” e orientata alla “santità”.

Sulle vicende della scuola paritaria Nova Terra erano stati scritti fiumi di parole, articoli, servizi TV. Numerosi i tentativi di strumentalizzazione politica, tentativi di pescare voti tra i genitori preoccupati. Patetici quelli venuti fuori in occasione della chiusura temporanea della scuola, lo sfratto del 24 ottobre 2011.

Altrettanto patetici i tentativi di venire a capo della questione giuridica da parte di azzeccagarbugli e apprendisti stregoni della politica, impegnatissimi soprattutto nel dare addosso al Centrosinistra.

Poi si è fatta avanti la buona politica, seguendo un principio più volte richiamato dal candidato Presidente del Consiglio Pierluigi Bersani: la politica, i partiti come “infrastrutture” al servizio della società civile.

In data 27 giugno 2012 la Giunta Maiorano riceve una comunicazione della Cooperativa sociale Onlus Nova Terra, firmata dal Presidente del Consiglio di amministrazione, nella quale si chiede di avviare un percorso per definire in modo condiviso una soluzione dei problemi.

In data 1 agosto 2012 il Sindaco Maiorano con una delibera di Giunta avvia ufficialmente il percorso per raggiungere una soluzione. Notate la data, è importante nel quadro della sollecitudine.

Segue la serie di incontri con i legali rappresentati e i passi necessari per definire una soluzione equa e legalmente ineccepibile.

In data 24 gennaio 2013 il Consiglio Comunale di Buccinasco approva, quasi all’unanimità (si astiene la Consigliera Cortinovi) la Convenzione con la scuola Nova Terra.

È un buon risultato, un successo per il Centrosinistra e in particolare per il Sindaco Maiorano, che più di tutti si è impegnato e ha lavorato per venire a capo di una faccenda assai intricata. Una nota di merito, ricordata dal Sindaco durante il Consiglio, anche per chi dirige la scuola, che ha mostrato di essere un interlocutore serio e appassionato al bene comune.

Dall’intera vicenda credo che sia possibile trarre una considerazione generale. Il Centrosinistra non fatica a riconoscere il valore di un’esperienza sociale che si caratterizza con un’identità forte, non affermata in modo ideologico, quando questa riesce in modo responsabile ed efficace a dare una risposta concreta, plausibile, umana ai bisogni reali della società. Un fatto, quando è un bene comune, e si pone in modo convincente (non ideologico), può essere riconosciuto e valorizzato da chiunque. Da chiunque? Sì, da tutti quelli che, scacciati i fantasmi ideologici dalla mente, si pongono nei suoi confronti con apertura, lo guardano con disponibilità a riconoscere.

È accaduto un fatto nuovo: l’incontro di una “civile” società civile con la buona politica. Di colpo sono stati spazzati via tatticismi, strategie, furberie, scorciatoie, e quant’altro, tutte cose che da decenni avvelenano i rapporti tra società civile e politica, per responsabilità paritetica di entrambe le parti. Un momento di verità tra società civile e politica. Impegniamoci tutti, facciamo in modo che non sia solo un episodio.

Annunci

Pubblicato il 1 febbraio 2013, in CONSIGLIO COMUNALE, EDITORIALI, POLITICA LOCALE con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: