Archivio mensile:febbraio 2013

ELEZIONI 2013, SERRA: ”M5S, UNA RIVOLUZIONE COME NEL ’68”

“Non invidio Bersani e chi deve prendere decisioni politiche in queste ore. Anche io vittima di sordità generazionale, non mi ero accorto di quel che avevo sotto il naso, il primo segno storico della fine del silenzio giovanile”.

Così Michele Serra nel dialogo con Laura Pertici di Repubblica.it

(Cliccare sull’immagine per ascoltare l’intervista)

Cliccare per ascoltare l'intervista

Michele Serra

Annunci

VERSO LA CONCLUSIONE L’ITER PER LA NUOVA CONVENZIONE CON LA MATERNA DON STEFANO BIANCHI

nova_terra2[ di Giambattista Maiorano ]

Tutto è bene quello che finisce bene. Dopo Nova Terra, arriva in porto la nuova convenzione con la materna don Stefano Bianchi.

La ragionevolezza alla fine si è imposta e la materna, con l’approvazione del Consiglio Comunale chiamato ad esprimersi nel merito della convenzione, potrà continuare a svolgere quella sua funzione pubblica senza la quale Buccinasco non sarebbe in grado di soddisfare l’intera richiesta del servizio come lo è stato in passato. Un servizio, il ciclo scolastico per l’infanzia vale la pena chiarirlo, che seppure non obbligatorio, riteniamo essenziale e di grande valenza sociale. Leggi il resto di questa voce

ELEZIONI 2013: LE VALUTAZIONI DI MASSIMO CACCIARI

26 FEBBRAIO 2013, CONFERENZA STAMPA DI BERSANI: MOZZO O CAPITANO NON ABBANDONO LA NAVE

ELEZIONI 2013, I RISULTATI DI BUCCINASCO

CAMERA http://elezioni.interno.it/camera/scrutini/20130224/C030490360.htm

SENATO http://elezioni.interno.it/senato/scrutini/20130224/S030490360.htm

REGIONALI LOMBARDIA http://elezioni.interno.it/regionali/scrutini/20130224/R030490360.htm

UN UOMO NUOVO PER UNA POLITICA NUOVA

IN ATTESA DEL VOTO: PENSIERI AMARI IN LIBERTA’

Guido Morano

Guido Morano

[ di Guido Morano]

Sono ore di attesa preoccupata e ansiosa, con una punta, e anche di più,  di amarezza.

La vista di Pzza san Giovanni affollatissima al comizio show, di Grillo mi ha riempito, devo dirlo, di tristezza.

Il perché è semplice: quella è la piazza del Primo Maggio, delle bandiere rosse, di tanti scioperi di lavoratori, di Berlinguer, di Lama, palcoscenico partecipativo per le lotte di “classe” di un tempo che, riviste attraverso le immagini televisive di ieri sera, sembrano lontane più di un secolo. Leggi il resto di questa voce

BERSANI: UN VOTO PER GOVERNARE, UN VOTO PER CAMBIARE VERAMENTE

SUL VOTO DI DOMENICA LE INCOGNITE DELL’EXPLOIT DEL M5S E DELLA TENUTA DI MONTI

Roberto D’Alimonte, Il Sole 24 ore, 22 febbraio 2012

Il prossimo governo del Paese dipenderà dal voto del Senato. Questo è vero sia che alla Camera vinca Berlusconi sia che vinca Bersani, come sembra molto probabile viste le tendenze che avevamo sotto gli occhi fino a qualche giorno fa. In questo ramo del Parlamento può succedere di tutto. Nel 2006 la Casa delle Libertà di Berlusconi arrivò prima in 7 regioni su 17 e questo bastò per dare al Cavaliere 155 seggi contro i 154 dell’Unione di Prodi. Andò così perché la Cdl vinse in molte regioni “pesanti”: Lombardia, Piemonte, Veneto, Lazio, Puglia e Sicilia (oltre a Friuli-Venezia Giulia). Leggi il resto di questa voce

SE ALL’ESTERO L’ITALIA RESTA UN ROMPICAPO

GrillusconiCESARE MARTINETTI

La Stampa, 21 febbraio 2012

Berlusconi è come Houdini, un «illusionista», scrive il quotidiano israeliano «Yediot Ahronot». Grillo invece è certamente l’uomo «più divertente d’Italia» ma anche un «estremista molto pericoloso» sentenzia il «Financial Times». Gli stranieri che con sprezzo del pericolo osservano da vicino le elezioni italiane oscillano tra questi due interrogativi: ma davvero Berlusconi può tornare al governo?

E l’altro: Grillo chi? Un comico? La risposta alla prima domanda è un’invocazione: no, please. Alla seconda, lo sgomento: com’è possibile? Leggi il resto di questa voce

PROVE DI SENATO

Vi segnaliamo un simpatico strumento pubblicato dal sito di Repubblica.it che permette di “calcolare il vostro Senato“. Cliccate sull’immagine per accedere.

Calcola il Senato

TUTTI DICONO CHE LA SCUOLA E’ IMPORTANTE. NON HO MAI SENTITO NESSUNO DIRE IL CONTRARIO…

barbara_massa

[ di Barbara Massa ]

Il prossimo week end andremo a votare.

Ecco la prima considerazione la vorrei fare partendo da qui. Dove andremo a votare? Andremo nelle scuole.
E in quali scuole?
Quelle pubbliche.
Mio figlio Leonardo, 9 anni rimarrà a casa 5 giorni di cui tre lavorativi! TRE GIORNI LAVORATIVI! Cosa vuole dire lasciare a casa un bambino di 9 anni 3 giorni? Ve lo dico io: vuole dire rivoluzionare la vita di migliaia di famiglie (genitori, nonni, esborsi per baby sitter, giorni di ferie e mille altre acrobazie), vuole dire considerare il tempo scuola qualche cosa di secondario, secondari i tempi che si sono dati gli insegnati, secondario il calendario scolastico che si era stabilito l’anno precedente…. Insomma tutto secondario.
E quando entriamo nelle nostre scuole, guardiamole. Leggi il resto di questa voce

I CALCOLI DEI MERCATI SUL RISCHIO-ITALIA 
MISSIONE DI BLACKROCK DAI SONDAGGISTI

Federico Fubini, Corriere della Sera, 20 febbraio 2013

C’è un gruppo di persone che in questi giorni si muoverà con discrezione fra Milano e Roma rappresentando, ai dati di dicembre, 3.792 miliardi di dollari. Dieci volte più, circa, del valore dell’intera Borsa italiana. Se poi si includono le somme per le quali quegli emissari si limitano a offrire la loro consulenza, fanno 17 mila miliardi di dollari. Dieci volte più del prodotto interno lordo italiano, o quasi. 
Sono gli investitori di Blackrock e Larry Fink; chi li guida viene considerato fra gli uomini più influenti del sistema finanziario globale, al punto che nei mesi dopo il crac di Lehman veniva consultato di continuo dall’amministrazione Usa. Il vice presidente di Blackrock, Philipp Hildebrand, ha invece guidato la banca centrale svizzera fino a che un investimento irregolare della moglie (per 60 mila euro) l’ha obbligato a lasciare in pieno scandalo. Leggi il resto di questa voce

QUEL PRESTITO CHE INQUIETA

di  DANIELE MANCA, Corriere della Sera, 19 febbraio 2013

L’attenzione riservata al nostro Paese dall’estero dovrebbe inorgoglirci. Siamo uno dei membri fondatori dell’Unione Europea. Ottava potenza industriale al mondo. Purtroppo non tutti ci guardano con occhi benevoli. Piccoli indizi, che prendono la forma di codicilli in alcuni prodotti finanziari, ci raccontano di sguardi ben poco amichevoli nei nostri confronti, preoccupati per una futura ingovernabilità. Leggi il resto di questa voce

MAIORANO AI SINDACI DELLA ZONA: COMINCIAMO INSIEME A FARE LA CITTÀ METROPOLITANA

MaioranoBuccinasco, 12 febbraio 2013

AI SINDACI DI CORSICO, CESANO BOSCONE, TREZZANO SUL NAVIGLIO, ASSAGO, CUSAGO

Gentili Colleghi,

l’esperienza di questi primi nove mesi da sindaco mi ha insegnato che le difficoltà dei nostri Comuni non sono poi così diverse dal resto di tutte le altre comunità locali. Per certi aspetti, anzi, la conurbazione e la contiguità dei nostri territori rendono più urgente il dovere di affrontare percorsi e ricercare soluzioni che in ogni caso saremmo costretti ad individuare a fronte dell’istituzionalizzazione della Città Metropolitana, che, seppur accantonata temporaneamente, resta il traguardo da tagliare con il 1° gennaio del 2014: soltanto poco più di dieci mesi. Leggi il resto di questa voce

ELEZIONI: IL NODO LOMBARDO

AldoGiannuli[ di Aldo Giannuli ]

http://www.aldogiannuli.it

Dico subito dove vado a parare: contrariamente a quanto farò per il Parlamento nazionale (dove disperderò il voto) nel caso della regione voterò per la coalizione di Ambrosoli, candidato che, francamente, mi piace assai poco, ma faccio di necessità virtù. Come vedete, anche io so che ci sono momenti in cui, soppesando le soluzioni in campo, conviene scegliere il meno peggio. Peraltro ad indorare la pillola a quelli un po’ “choosy” come me (per dirla con l’orrenda Fornero) c’è il fatto che il voto di preferenza permette di scegliere candidati che compensano il giudizio negativo sulle rispettive liste. Leggi il resto di questa voce

MILANO, PIAZZA DUOMO, 17 FEBBRAIO: PARLA UMBERTO AMBROSOLI

LA RETORICA DEMAGOGICA E POPULISTA DEL GIORNALISMO ITALIANO

di David Arboit

Inizia l’ultima settimana di campagna elettorale è la cosa più scandalosa è la demagogia populista del giornalismo italiano. Mai come in questa campagna elettorale il “teatrino dei mass media” si è prestato a fare da grancassa a delle sciocchezze tenendosi ben alla larga dai problemi veri. È più facile, infatti, e fa più audience e spettacolo, fare da eco ad affermazioni tanto roboanti quando inutili, se non dannose, piuttosto che affrontare seriamente i problemi con delle inchieste documentate. Leggi il resto di questa voce

QUANDO LA MANO INVISIBILE DEL “LIBERO” MERCATO DIVENTA VISIBILE

di David Arboit

Finmeccanica. Il dibattito pubblico infuria attorno al dilemma corruzione/commissioni. In Italia siamo condannati a una lettura giudiziaria di qualunque cosa, anche dei fatti economici. Eppure da questo caso economico-giudiziario emergono aspetti economici che sono assai più rilevanti degli aspetti giudiziari. Leggi il resto di questa voce

«SE LO FANNO GLI AMERICANI SI PARLA DI LOBBY. PER GLI ALTRI È CORRUZIONE»

PAOLO MASTROLILLI, La Stampa 15 febbraio 2013

Quando la praticano gli americani, si chiama lobby; quando la fanno gli altri, diventa corruzione». Ride, Jagdish Bhagwati, mentre fa questa battuta velenosa, ma in realtà sta scherzando solo un po’.

Bhagwati, professore alla Columbia University di New York e studioso del Council on Foreign Relations, è un’autorità mondiale nello studio e nella pratica dei commerci internazionali. Basti pensare che è stato consigliere tanto del direttore generale della World Trade Organization, quanto di quello del General Agreement on Tariffs and Trade. Leggi il resto di questa voce

LEGGIAMO MEGLIO I NUMERI DEL PGT DI BUCCINASCO

consumosuolo2[ di Giambattista Maiorano ]

I presupposti da cui siamo partiti per realizzare il PGT di Buccinasco si condensano in alcuni punti fondamentali: il principio del non consumo di suolo; il contenimento delle volumetrie; il recupero della vocazione agricola dei borghi rurali; la conservazione degli standard; il rilancio e la valorizzazione delle caratteristiche ambientali di Buccinasco nel più ampio quadro della Città Metropolitana; il rifiuto della logica dell’utilizzo degli oneri di urbanizzazione per coprire i costi della parte corrente del bilancio. L’insieme di questi fattori ha costituito la struttura fondamentale del nostro PGT. Leggi il resto di questa voce

LOMBARDIA, BUCCINASCO: L’ORGOGLIO DI UN PGT A ZERO CONSUMO DI SUOLO

no-al-cemento_597

di David Arboit

Nella classifica stilata dall’ISPRA, la Lombardia detiene il primato nazionale per il consumo di suolo. È un primato che in quanto lombardi non ci onora. Leggi il resto di questa voce

CEMENTIFICAZIONE: L’ITALIA MAGLIA NERA A LIVELLO EUROPEO

consumosuolo12Antonio Maria Mira

Avvenire, 6 febbraio 2012

Otto metri quadrati di suolo se ne vanno ogni secondo coperti di cemento e asfalto, da case e strade, centri commerciali e capannoni. A questo ritmo ogni cinque mesi viene cementificata un’area pari a quella di Napoli; ogni anno una pari alla somma di Milano e Firenze. Con gravissime conseguenze soprattutto per il dissesto idrogeologico, ma anche per la perdita di produzione agricola. Un ritmo superiore alla media europea e che negli ultimi cinque anni si è addirittura incrementato rispetto a quello degli ultimi 50, quando si perdevano 7 metri quadrati al secondo di suolo. Leggi il resto di questa voce

17 FEBBRAIO – PIAZZA DUOMO, h. 14.30

LA SCUOLA A BUCCINASCO: PARLIAMONE

SCUOLA[ di Guido Morano ]

Mi sembra che passata l’emergenza PGT e approvato il bilancio di previsione per il prossimo quadriennio, si possa, come da molti auspicato, aprire dentro l’Amministrazione e tra i cittadini, un serio confronto sulle scuole di Buccinasco, non intese in questo caso, semplicemente come strutture.

Mi permetto di farlo io sulla base delle personale esperienza professionale ed essendo stato assessore alla “partita” nei 5 anni della Giunta Carbonera.

Intanto credo sarebbe opportuna una riflessione “conoscitiva” sullo stato “dell’arte”: in questi ultimi anni molte trasformazioni sono avvenute, dentro la scuola e fuori.

Leggi il resto di questa voce

PUNTO E A CAPO. IL NOSTRO IMPEGNO PER RENDERE BUCCINASCO UN PAESE NORMALE

ROSA PALONELettera aperta del presidente del Consiglio comunale Rosa Palone sulla legalità: “Non lasciateci soli, lavoriamo insieme, lo dobbiamo a tutti i cittadini onesti della nostra bella città”.

“Questo è il paese che vogliamo…”. È il sottotitolo al documento sugli indirizzi generali di governo presentato dal sindaco Giambattista Maiorano in occasione del primo Consiglio comunale. Quella prima seduta che ha visto i consiglieri scegliermi come presidente del Consiglio comunale. Per il mio impegno nell’associazionismo antimafia nel sud ovest milanese e la mia appassionata militanza in Libera, che da quasi vent’anni ha l’obiettivo di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e nella promozione di legalità e giustizia.

Leggi il resto di questa voce

SAVINO PEZZOTTA : «NO SCELTE VECCHIE QUI L’UNICA NOVITÀ È AMBROSOLI»

savino_pezzottaSUSANNA TURCO

L’Unità, 11 febbraio 2013

Quando nel 1939 la mgm lanciò in sala il film Ninotchka, il tormentone della campagna pubblicitaria fu «La Garbo ride!». Ecco, fatte le proporzioni e con il dovuto rispetto, nella domenica in cui scoppia la questione del voto disgiunto in Lombardia su Ambrosoli, il sempre serioso Savino Pezzotta, raggiunto al telefono, per prima cosa scoppia in una lunga e significativa risata. Eccezionale come quella della Garbo. Pezzotta ride, sarebbe lo slogan. «È esploso il caso. Sta succedendo di tutto. Albertini ha persino detto che io sono peggio di Fassina e Vendola, capisce? E voi continuate a dire che sono moderato». Segue un’altra risata, che vale più di qualsiasi commento politico per un uomo che ha appena lasciato l’udc in polemica con Casini e con le modalità di discesa in campo di Monti. Vale come dire: vedete di cosa parlavo? Leggi il resto di questa voce

LETTERA APERTA DELLA COMUNITÀ SINTA DI BUCCINASCO

Come è difficile la vita di un ”NOMADE STANZIALE”. Così ci ha paradossalmente definiti in un suo recente articolo una giornalista del quotidiano ”Il Giorno “. I nostri avi SINTI sono giunti in Italia attorno al 1400. Mentre la nostra comunità, di fatto una famiglia allargata, risiede a Buccinasco da oltre trent’anni. Quindi noi e le nostre famiglie siamo cittadini di Buccinasco, e i nostri bambini da alcune generazioni frequentano le locali scuole dell’obbligo. Leggi il resto di questa voce

A BUCCINASCO È SCOCCATA L’ORA DEGLI APPRENDISTI STREGONI DELLE INDAGINI

di David Arboit

Buccinasco comune della ndrangheta! Sì certo, si può essere d’accordo. Ma anche Buccinasco Comune dell’uso ambiguo, sistematicamente improprio, superficial-malevolo o superficial-cialtrone delle parole. Buccinasco Comune delle parole in libertà, della incapacità assoluta di valutare in modo razionale e corretto il significato delle parole. Buccinasco comune dell’uso irresponsabile delle parole.

Il testo che segue, che leggeremo analiticamente in dettaglio, dimostra la tesi che precede in modo direi esemplare. È un testo scritto e fatto circolare via mail dal cittadino di Buccinasco Alessandro La Spada, sostenitore della Coalizione civica che ha candidato a Sindaco Fiorello Cortiana. Leggi il resto di questa voce

BERLUSCONI: PIU’ CHIARO DI QUALUNQUE EDITORIALE POLITICO

Oltre ogni ragionamento politico semplice o complesso, oltre il migliore editoriale del migliore giornalista italiano… c’è Crozza.